Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Cronutt

Cronutt il leone marino e il suo 1º trattamento sperimentale

L'epilessia di un leone marino è stata curata dal trapianto di cellule cerebrali di un maiale, in un trattamento che potrebbe essere una speranza per il futuro

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

Una star improbabile è entrata o dovremmo dire, è scivolata, nella storia del trattamento dell’epilessia dopo che un leone marino di nome Cronutt è stato sottoposto a una terapia sperimentale.

Dopo aver sperimentato un peggioramento delle crisi epilettiche che hanno lasciato Cronutt incapace di mangiare, è stata eseguita una procedura rivoluzionaria per trapiantare cellule cerebrali di maiale sane nel cervello danneggiato del leone marino.

Cronutt

Incredibilmente, l’approccio si è rivelato un successo per il nostro leone marino, e la rivista UCSF riferisce di aver assistito al ritorno di una quantità significativa di funzioni cerebrali dal trapianto. Ora, a distanza di un anno, il coraggioso pinnipede è libero dalle convulsioni, e gli scienziati si chiedono se lo stesso approccio potrebbe essere introdotto per gli esseri umani.

La storia di Cronutt

La storia dell’epilessia di Cronutt è iniziata con uno sfortunato incontro con una fioritura di alghe e batteri al largo della costa della California che stava impacchettando la neurotossina acido domoico. Uno studio del 2013 ha scoperto che questo tipo di esposizione può causare danni al cervello nei leoni marini della California che imitano quello degli esseri umani con la forma più comune di epilessia nota come epilessia del lobo temporale.

Il danno ha provocato una serie di sintomi debilitanti per il leone marino, che è stato accolto dal Six Flags Discovery Kingdom a Vallejo, in California. Entro il 2020, sembrava che l’eutanasia potesse essere l’opzione più gentile, poiché le condizioni del leone marino non sono migliorate nonostante i migliori sforzi delle squadre veterinarie.

https://magazine.ucsf.edu/cellular-transplant-therapy-pioneered-ucsf-reverses-sea-lions-epilepsy

Come una sorta di Ave Maria, Cronutt è stato arruolato in un trattamento sperimentale sperimentato dal dottor Scott Baraban, William K. Bowes Junior Professor of Neuroscience Research dell’Università della California di San Francisco. La terapia utilizza neuroni chiamati cellule di eminenza gangliare mediale prelevati da embrioni di maiale. Queste cellule agiscono come neuroni inibitori nell’ippocampo di un maiale, smorzando il tipo di iperattività che si manifesta nell’epilessia.

La speranza era che iniettando le cellule in Cronutt, potesse vedere gli stessi benefici osservati negli esperimenti sui topi, dove ha dimostrato di curare completamente l’epilessia. Dopo aver stabilito che il lato sinistro dell’ippocampo di Cronutt era il più colpito, i chirurghi hanno consegnato 200.000 cellule tramite quattro iniezioni e speravano per il meglio.

Nonostante la gravità delle sue condizioni prima della procedura, Cronutt ha visto risultati soddisfacenti, rimanendo libero da crisi un anno dopo il trattamento e tornando a un peso più sano. Sebbene il danno causato dalla sua esposizione all’acido domoico non possa essere annullato dal trattamento, sembra che sia stato efficace nel fermare un’ulteriore iperattività che avrebbe potuto potenzialmente abbreviare la sua vita.

Cronutt

“Quello che gli scienziati hanno fatto qui è molto importante e suggerisce che ci sono modi alternativi per curare l’epilessia”

ha detto al National Geographic Jacqueline French, direttore scientifico della Epilepsy Foundation e neurologa alla New York University.

Tuttavia, resta da vedere se il trattamento sarà costantemente utile nei leoni marini prima ancora che possa essere preso in considerazione per la sperimentazione umana, ed ha poi concluso con:

“Ci dovrà essere molta sperimentazione per assicurarsi che ciò che stai facendo aiuti e non danneggi”.

Se sei attratto dalla scienza o dalla tecnologia, continua a seguirci, così da non perderti le ultime novità e news da tutto il mondo!

Potrebbe interessarti...

Scienze

Demenza: 5 cambiamenti nello stile di vita per prevenirla

Scienze

Calcio: importante sia per le ossa che per il cuore

Scienze

Gene Mcr-9: rende i batteri resistenti agli antibiotici

Scienze

Cuore di maiale trapianto in un essere umano

Samsung Galaxy A52

Android 12 su Samsung Galaxy A52: update in arrivo

Honor Magic V

Honor Magic V: il pieghevole firmato Honor è in arrivo

Cosa ne pensi di questo trattamento? Secondo te entro quanto tempo potrebbe essere utilizzato sugli esseri umani? Parliamone qui sotto nei commenti!

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Teufel CAGE

22 ottobre, 2021

Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0