crisi climatica

La crisi climatica è anche una crisi di salute mentale

Non possiamo affrontare efficacemente il la crisi climatica senza affrontare il suo tributo sulla salute mentale

Crisi climatica, per alcuni di voi, solo leggere quelle parole potrebbe causare una risposta emotiva nel vostro corpo: forse provate paura, preoccupazione o il bisogno schiacciante di pensare letteralmente a qualsiasi altra cosa.

È un segnale importante che la crisi climatica stia colpendo la nostra salute mentale, sia direttamente che indirettamente. Mentre i cambiamenti nel pianeta continuano a svolgersi, i professionisti della salute mentale stanno suonando l’allarme ed è tempo di prestare attenzione.

Se ti senti ansioso, non sei solo. Nel 2021, l’American Psychological Association ha pubblicato un rapporto aggiornato in collaborazione con l’organizzazione no profit EcoAmerica, evidenziando la minaccia della crisi climatica sulla salute mentale.

Nel giugno 2022, l’Organizzazione mondiale della sanità ha lanciato un documento politico in cui esortava i paesi a incorporare il supporto per la salute mentale nelle loro risposte ai cambiamenti climatici.

Le persone in tutto il mondo riferiscono di sentirsi ansiose, stressate, tristi e persino senza speranza, con oltre tre quarti degli americani “preoccupati” per il cambiamento climatico e quasi un quarto “allarmato”, quasi il doppio rispetto al 2017, secondo il rapporto APA.

L’aspetto della salute mentale è solo uno dei tanti costi derivanti dalla crisi climatica. E mentre potrebbe sembrare meno consequenziale di fronte alla perdita di case, alla carenza di cibo e alle nuove malattie, lo ignoriamo a nostro rischio e pericolo.

La salute mentale e fisica sono indissolubilmente legate e la psicologia gioca un ruolo importante nel modo in cui le persone agiscono (o non agiscono) in risposta a crisi come il cambiamento climatico.

“Il cambiamento climatico è una delle questioni più cruciali che la nostra nazione e il mondo devono affrontare oggi, e sta già mettendo a dura prova la salute mentale delle persone in tutto il mondo”, ha affermato Arthur C. Evans Jr., CEO dell’APA in un comunicato stampa.

“La psicologia, in quanto scienza del comportamento, sarà fondamentale per apportare i cambiamenti globali che sono indispensabili per rallentare  e, speriamo, fermare  il suo progresso”. Dal pre-trauma al post-trauma, nessuno è immune.

Man mano che la crisi climatica peggiora, aspettati più disastri naturali, tra cui tempeste estreme, inondazioni e incendi, spesso sul tuo feed TikTok o Twitter o sui canali di notizie TV.

Ma quello che non si vede spesso nei telegiornali è il tributo psicologico di lunga durata di questi eventi. Ogni disastro lascia migliaia di sopravvissuti alle prese con le conseguenze, provocando un effetto a catena di traumi, stress e dolore.

Gli studi hanno rilevato tassi di disturbo da stress post-traumatico fino al 40% dopo i disastri naturali, secondo il rapporto APA del 2021.

Alcune popolazioni se la passano anche peggio: dopo l’uragano Maria a Porto Rico nel 2017, il 65,7% delle persone che hanno dovuto evacuare l’isola ha soddisfatto i criteri per il disturbo da stress post-traumatico.

Anche altri problemi di salute mentale proliferano all’indomani dei disastri, tra cui ansia, depressione, pensieri suicidi e abuso di sostanze.

Eppure evitare il disastro non significa necessariamente che sei al sicuro. Anche le persone meno direttamente colpite stanno lottando.

Oltre al cambiamento delle condizioni meteorologiche, ondate di caldo, siccità e interruzioni di corrente, c’è il terrore sempre incombente di non sapere quando o se sarà “il tuo turno” di vivere un disastro nella tua zona.

La paura di ciò che il cambiamento climatico potrebbe portare, e l’intrinseca incertezza di tutto ciò, ha portato ai fenomeni noti come “ansia climatica” ed “ansia ecologica”.

La salute mentale non esiste solo in maniera astratta: può influenzare ogni sfera della vita, come sottolinea il rapporto dell’OMS. Ad esempio, la salute mentale e fisica sono strettamente legate, con effetti sul sonno, sull’apparato digerente e sul sistema immunitario.

Ignorare la tua salute mentale significa che potresti avere difficoltà a presentarti per la tua comunità e il tuo pianeta. Sebbene la maggior parte delle persone sia preoccupata per il cambiamento climatico, questa preoccupazione non si traduce sempre in azione.

Molti sono paralizzati dalla disperazione, dall’impotenza e dalla cosiddetta “spirale del silenzio”: quando le persone evitano di parlare della crisi climatica, portano a meno conversazioni sul problema.

I professionisti della salute mentale vedono queste tendenze in prima persona attraverso il loro lavoro e la loro ricerca. La loro esperienza ha dimostrato che per affrontare efficacemente il cambiamento climatico, dobbiamo anche imparare ad accettare le nostre molte emozioni difficili che lo circondano.

Poiché queste emozioni sono così diffuse, possono anche servire a unire l’umanità sotto l’ombrello di un’esperienza comune, mostrando quanto direttamente il cambiamento climatico abbia e influenzerà ognuno di noi.

Senza azione, rimarremo sul percorso su cui ci troviamo per impostazione predefinita. Nel complesso, come avvertono più e più volte gli scienziati del clima, questa è una scelta pericolosa. Queste intersezioni hanno portato alla creazione di un nuovo sottocampo in crescita: la psicologia del clima.

“La crescita negli ultimi cinque anni è stata enorme”, ha detto Clayton a proposito del campo. “Direi che la seconda metà degli anni 2010, all’incirca, è stata quando una percentuale significativa di psicologi ha iniziato a riconoscere questo come un’area importante e rilevante per i professionisti della salute mentale.”

“Ora vedi i segni che i programmi di istruzione e formazione stanno iniziando a pensare sull’incorporazione di questo”.

Affrontare intenzionalmente la tua salute mentale, sia all’indomani di un colpo diretto, sia più in generale con l’evolversi del clima, non solo può risparmiarti il ​​peggio, ma anche prepararti a vivere meglio, in qualche modo, di prima. Un corpus sempre più ricco di ricerche ed esperienze sul campo mostra esattamente come può essere.

Crisi climatica e conseguenze psicologiche: come sbloccarsi

crisi climatica

Al di là dello stress pre e post-traumatico, alcune persone, dopo un disastro naturale, sperimentano una “crescita post-traumatica”. Secondo il rapporto dell’APA, questi individui “hanno un’interruzione significativa con la sensazione di aver acquisito qualcosa di positivo, come relazioni sociali più forti o abilità specifiche”.

Questo fenomeno chiarisce che i disturbi debilitanti non sono l’esito inevitabile di un trauma. Un’alternativa non è solo possibile, ma comune.

La maggior parte delle persone è in grado di riprendersi da eventi traumatici senza sviluppare PTSD o altre malattie durature e molti riferiscono un qualche tipo di crescita personale, emotiva o spirituale.

Questo non è per minimizzare il trauma in sé, ma piuttosto per evidenziare il potere della resilienza umana di trasformare qualcosa di terribile in, beh, qualcos’altro.

Ma come? Come per tutte le cose relative al cambiamento climatico, alcune di esse sono al di fuori del tuo controllo, ad esempio il tuo accesso alle risorse per il recupero, e di certo non puoi farcela da solo.

Ma per ogni difficoltà, ci sono passi che puoi intraprendere per costruire la tua resilienza, evitare di rimanere bloccato nella disperazione e adattarti alla situazione nel modo più sano possibile. Eccone alcuni.

1. Fai spazio al dolore

Nel film Katrina Babies, il regista Edward Buckles Jr. intervista i sopravvissuti dell’uragano Katrina del 2005 a New Orleans che erano bambini al momento della tempesta. Molti degli intervistati si emozionarono, esprimendo che in due decenni nessuno aveva mai chiesto loro delle loro esperienze o se stessero bene.

Nella raffica degli istinti di sopravvivenza, le emozioni possono sembrare un ripensamento. Ma molto tempo dopo che i beni sono stati recuperati e la vita è andata avanti, rimangono ferite psicologiche. Questi sentimenti non sono solo naturali, ma inevitabili: è inutile respingerli o fingere che non esistano.

Secondo lo psicologo Scott Barry Kaufman, c’è un potere immenso nel permettere a te stesso di soffrire, convalidare i tuoi pensieri e sentimenti e trovare uno sfogo sicuro per loro, che si tratti di un diario o di una persona cara.

Non solo una volta, ma su base continua mentre il dolore fluisce e rifluisce. Anche elaborare le tue emozioni attraverso l’arte o la musica può essere incredibilmente terapeutico.

2. Trasforma l’ansia in azione

L’ansia è una fonte di energia. In natura, la paura inonda il tuo corpo con gli ormoni dello stress necessari per sopravvivere a predatori mortali. Nel contesto della crisi climatica, puoi sfruttare questa energia per alimentare qualche tipo di azione per il futuro.

Per alcuni, ciò potrebbe significare combattere: entrare a far parte di un’organizzazione o un’azione civica contro il cambiamento climatico. Per altri, potrebbe significare adattamento: preparare la tua casa per le emergenze o condividere strumenti e competenze con la tua comunità.

La ricerca mostra che per alcune persone agire può essere trasformativo per la salute mentale, disinnescare lo stress a un livello più gestibile e fornire un senso di efficacia, significato, connessione e forse anche speranza.

All’indomani dell’uragano Harvey nel 2017, ad esempio, le persone che condividevano le informazioni sul ripristino di emergenza con altri avevano maggiori probabilità di sperimentare una crescita post-traumatica piuttosto che un disturbo da stress post-traumatico, secondo il rapporto dell’APA.

Ed Gillespie, direttore di Greenpeace UK, scrive in una prefazione alla Guida all’eco-ansia di Anouchka Grose che possiamo trasformare la nostra “ansia da disagio in desiderio di fare qualcosa”.

Gillespie fa una distinzione simile tra disperazione, uno stato senza fondo e senza speranza, e dolore. “Ci addoloriamo perché amiamo”, scrive Gillespie. “E il dolore non è la paralisi della disperazione, è il processo dinamico… che ti porta in un posto nuovo.”

3. Riconnettiti con la natura

Una delle tragedie del cambiamento climatico è che rompe il nostro rapporto con il mondo naturale. La natura è ora associata alla distruzione o all’imprevedibilità; è qualcosa da cui devi guardarti, piuttosto che un rifugio dove puoi trovare pace. Riprendere lentamente il contatto con il mondo naturale può aiutarti a imparare a fidarti di nuovo di esso.

Trascorrere del tempo negli spazi naturali ha dimostrato da tempo di avere benefici psicologici, incluso l’abbassamento dei livelli di stress. C’è anche un nome per questo: eco-terapia. Le pratiche includono camminare o fare esercizio nella natura, lavorare con le piante o il suolo e trascorrere del tempo con gli animali.

Questa può anche essere un’opportunità per esercitare le abilità che è rassicurante avere in un clima che cambia, come coltivare cibo o accendere i propri fuochi. Potresti godere di un maggiore senso di fiducia e sicurezza nella natura mentre pratichi il rispetto e la collaborazione con essa alle tue condizioni.

4. Chiedi aiuto

Parlare dei tuoi sentimenti e delle tue esperienze ha anche il vantaggio aggiuntivo di rendere più facile trovare supporto e persone che la pensano allo stesso modo, il che può farti sentire meno solo.

Se non ti senti a tuo agio ad aprirti alla tua famiglia o alla tua cerchia sociale, potresti iniziare rivolgendoti ai social media o alle comunità online per trovare supporto reciproco. La tua salute mentale e il rapporto con il pianeta sono entrambi incredibilmente personali, ma ci saranno sicuramente altri i cui pensieri risuonano con i tuoi.

Molte persone beneficiano anche di un supporto professionale per l’ansia climatica, il dolore e lo stress post-traumatico, soprattutto se ha un impatto sulla vita quotidiana.

La terapia del clima e la terapia consapevole del clima sono una sottospecialità in crescita; ma anche se non riesci a trovare uno specialista nella tua zona, anche altri tipi di terapia potrebbero essere utili.

Una nuova normalità

L’attuale crisi climatica non ha precedenti, ma non è la prima volta che l’umanità vive un periodo di drammatici sconvolgimenti. Durante il periodo della nostra specie sulla Terra, la colonizzazione, la schiavitù, le piaghe e i supervulcani hanno causato sconvolgimenti di massa e ci hanno costretto a cambiare il modo in cui viviamo.

È difficile “guarire” da qualcosa che non è finito; al contrario, in tempi come questo, l’interruzione e la perdita fanno semplicemente parte della nostra nuova normalità.

Sopravvivenza, in questi contesti, significa adattamento, e questo include l’adattamento psicologico, affermano gli esperti, rendendo la salute mentale una priorità assoluta nella crisi climatica. Dobbiamo diventare intimamente a nostro agio con il dolore e la paura, la preparazione e il cambiamento.

Quando metabolizziamo i nostri sentimenti difficili invece di rimanere bloccati in essi, possiamo lasciare il posto agli altri, come la speranza, la determinazione, la creatività, l’amore e persino la gioia che deriva dal vivere questa era.

Cosa ne pensi di tutto questo? Facci sapere nei commenti!

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI