Creature a sangue freddo

Diverse creature a sangue freddo non invecchiano 

Due studi pubblicati sulla rivista scientifica Science hanno cercato di capire come alcune creature a sangue freddo non invecchiano. Riuscire a capire le ragioni, potrebbe aiutare ad applicare le stesse dinamiche agli esseri umani

In natura esistono diverse creature a sangue freddo che non invecchiano: emblematico l’esempio della tartaruga Jonathan delle Seychelles che compie 190 anni quest’anno, ma gli scienziati hanno voluto approfondire l’argomento. Il caso di Jonathan era stato considerato anedottico, ma secondo l’ecologo della fauna selvatica della Penn State David Miller, ha dichiarato che il fenomeno non era stato studiato sistematicamente.

Creature a sangue freddo
Jonathan, la tartaruga delle Seychelles che deve compiere 190 anni.

I ricercatori hanno “Fatto un lavoro molto più comparativo e davvero completo con uccelli e animali in natura”, ha detto, “Ma molto di ciò che sapevamo su anfibi e rettili proveniva da una specie qui, una specie lì“. Miller insieme ai suoi collaboratori ha dato vita ad una ricerca più approfondita dove ben 2 studi (studio 1; studio 2) sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Science.

Animali a sangue freddo: per sempre giovani

Per poter sviluppare la ricerca sugli animali a sangue freddo, Miller, insieme ai suoi collaboratori, ha raccolto dati da studi sul campo a lungo termine comprendenti 107 popolazioni di 77 specie in natura, tra cui tartarughe, anfibi, serpenti, coccodrilli e tartarughe. Tutti questi hanno utilizzato una tecnica chiamata “mark-recapture” in cui un certo numero di individui viene catturato, poi i ricercatori li seguono negli anni per vedere se li ritrovano, ricavando stime di mortalità basate sulle probabilità.

Creature a sangue freddo

Il team di ricerca ha anche raccolto dati su quanti anni sono vissuti gli animali dopo aver raggiunto la maturità sessuale e ha studiato attraverso metodi statistici  per produrre i tassi di invecchiamento, nonché la longevità, l’età in cui il 95% della popolazione è morta: “Abbiamo trovato esempi di invecchiamento trascurabile“, ha spiegato la biologa e ricercatrice capo Beth Reinke della Northeastern Illinois University.

Sebbene si aspettassero che ciò fosse vero per le tartarughe, è stato trovato anche in una specie di ciascuno dei gruppi a sangue freddo, comprese le rane, i rospi e i coccodrilli:”L’invecchiamento o la senescenza trascurabili non significano che siano immortali”, ha aggiunto la Biologa” Significa che c’è una possibilità di morire, ma non aumenta con l’età”.

Al contrario, tra femminile adulte studiate nel territorio degli Stati Uniti, il rischio di morire in un anno è di circa una su 2.500 all’età di 10 anni, contro una su 24 all’età di 80 anni. La ricerca è stata finanziata dal National Institutes of Health degli Stati Uniti, che è interessato a saperne di più sull’invecchiamento negli ectotermi, o specie a sangue freddo, e ad applicarli agli esseri umani, che sono a sangue caldo.

Gli scienziati detengono da tempo le ectoterme, perché richiedono temperature esterne per regolare la loro temperatura corporea e quindi hanno un metabolismo più basso, invecchiano più lentamente delle endoterme, che generano internamente il proprio calore e hanno un metabolismo più elevato. Questa relazione è vera all’interno dei mammiferi. Ad esempio i topi hanno un tasso metabolico molto più alto rispetto agli esseri umani e un’aspettativa di vita molto più breve.
Creature a sangue freddo
Sorprendentemente, tuttavia, la nuova ricerca ha scoperto che il tasso metabolico non era il principale fattore fondamentale come si pensava in precedenza: “Sebbene ci fossero ectotermi che invecchiano più lentamente e vivono più a lungo degli endotermi, c’erano anche ectotermi che invecchiano più velocemente e vivono una vita più breve, dopo aver controllato fattori come la dimensione corporea”.
Lo studio ha anche svelato indizi interessanri che potrebbero fornire strade per la ricerca futura. Ad esempio, quando il team ha esaminato direttamente le temperature medie di una specie, al contrario del tasso metabolico, hanno scoperto che i rettili più caldi invecchiano più velocemente, mentre era vero il contrario per gli anfibi.
Una teoria che si è rivelata vera: quegli animali  a sangue freddo con tratti fisici protettivi, come i gusci di tartaruga, o tratti chimici come le tossine che alcune rane e salamandre possono emettere, vivevano più a lungo e invecchiavano più lentamente rispetto a quelli senza: “Un guscio è importante per l’invecchiamento e quello che fa è rendere una tartaruga davvero difficile da mangiare”, ha spiegato Miller:”Quello che fa è consentire agli animali di vivere più a lungo e affinché l’evoluzione lavori per ridurre l’invecchiamento in modo che se evitano di essere mangiati, vivono ancora bene”.
Una seconda ricerca sviluppata da un’equipe dell’Università della Danimarca meridionale e altre istituzioni ha applicato metodi simili a 52 specie di tartarughe e tartarughe nelle popolazioni degli zoo, scoprendo che il 75% mostrava un invecchiamento trascurabile: “Se alcune specie sfuggono davvero all’invecchiamento e gli studi meccanicistici possono rivelare come lo fanno, la salute umana e la longevità potrebbero trarne beneficio“, hanno affermato gli scienziati Steven Austad e Caleb Finch discutendo delle loro ricerche.
Creature a sangue freddo

Il team di scienziati notato, tuttavia, che anche se alcune specie a sangue freddo non hanno una mortalità crescente nel corso degli anni, mostrano infermità legate all’età. Jonathan la tartaruga “ora è cieca, ha perso il suo senso olfattivo e deve essere nutrita con le mani”, hanno dichiarato, dimostrando che i danni del tempo arrivano per tutti.

Cosa ne pensi di questa nuova ricerca? Come valuti l’inseguimento del segreto dell’eterna giovinezza? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI