Covid19, nuovo vaccino, covid lungo

Covid19: conseguenze sulla vita sessuale delle donne

Diversi studi hanno confermato l'impatto negativo che ha avuto il Covid19 sulla vita sessuale delle donne

Dal lavoro alla scuola alla socializzazione, il Covid19 ha avuto un impatto praticamente su ogni aspetto della nostra vita e ora una ricerca dell’Università di Boston ha dimostrato che ciò include anche ciò che accade in camera da letto. Uno studio su oltre 2.000 donne cisgender ha scoperto che la malattia da coronavirus può compromettere la funzione sessuale, e il COVID a lungo termine ha un effetto particolarmente dannoso.

Covid19, nuovo vaccino, covid lungo

I risultati della ricerca sono stati recentemente pubblicati sul Journal of Sexual Medicine.

Covid19 e covid lungo influenzano la vita sessuale delle donne

“Se sei malato di COVID, probabilmente sei meno interessato al sesso e forse il tuo corpo è meno preparato a fare sesso”, afferma Amelia M. Stanton, assistente professore di scienze psicologiche e del cervello del BU College of Arts & Sciences. “Ma ciò che potrebbe sorprendere per alcune persone è che i sintomi prolungati del Covid19 possano davvero avere un impatto fisiologico e psicologico sul benessere sessuale delle donne”.

Sebbene ricerche precedenti abbiano studiato gli effetti della pandemia sulla vita sessuale delle persone, in particolare degli uomini, Stanton afferma che questo è il primo studio a evidenziare le lunghe ricadute del COVID sulla salute sessuale delle donne. Esperta di salute sessuale e mentale, ha contribuito a condurre lo studio con ricercatori del Middlebury College, del McLean Hospital e dell’Università del Vermont.

Per capire l’impatto del COVID sull’intimità, Stanton e i suoi colleghi hanno condotto un sondaggio online. Circa la metà delle donne partecipanti aveva riferito di non aver mai avuto il COVID, il resto aveva dichiarato di essere risultata positiva.

I partecipanti sono stati interrogati utilizzando il Female Sexual Function Index (FSFI), uno strumento consolidato che misura fattori come l’eccitazione e la soddisfazione con domande come: “Nelle ultime 4 settimane, quanto spesso hai sentito desiderio sessuale?” Nei risultati sono state incluse solo le donne che avevano avuto rapporti sessuali nel mese precedente.

Tra coloro che avevano avuto il Covid19, i livelli di desiderio, eccitazione, lubrificazione e soddisfazione erano tutti inferiori rispetto a coloro che non l’avevano avuto; i punteggi relativi all’orgasmo e al dolore non erano significativamente diversi tra i due gruppi.

Mentre le donne nel gruppo COVID erano ancora classificate all’interno dell’intervallo funzionale dell’indice, i partecipanti con COVID lungo avevano “un punteggio medio su scala FSFI nell’intervallo disfunzionale”, secondo i ricercatori. Hanno scoperto che le donne con COVID lungo – una condizione ampia con sintomi cognitivi e fisici che persistono per settimane, a volte mesi, dopo un’infezione iniziale – avevano punteggi di eccitazione, lubrificazione, orgasmo e dolore nettamente peggiori.

Diabete, Covid19, covid lungo, tubercolosi

“Spero che sia valido. Se le donne digitano ‘Sex Long COVID’, verrà fuori qualcosa”, dice Stanton, che è anche psicologo clinico presso il Fenway Institute, una clinica di Boston focalizzata sulla salute delle minoranze sessuali e di genere. . “Il sesso, la sessualità e la funzione sessuale sono ancora argomenti relativamente tabù. Ma questo offre qualcosa che i pazienti possono portare ai loro fornitori e dire: ‘Questo sta succedendo anche a me’, e magari creare un dialogo aperto sul sesso.”

Nel loro articolo, Stanton e i suoi colleghi affermano che i risultati suggeriscono “che l’infezione da Covid19 può essere associata a un deterioramento degli aspetti sia cognitivi che fisiologici della funzione sessuale ”. Proprio come il corpo e la mente potrebbero aver bisogno di un po’ di tempo per tornare a lavorare a pieno ritmo quando si tratta di lavoro, studio ed esercizio fisico, lo stesso può valere per il sesso.

Ipotizziamo anche che i cambiamenti sociali più ampi causati dalla pandemia possano essere un fattore, con meno eventi sociali e bambini che restano a casa che riducono le opportunità di attività sessuali condivise o solitarie.

Sebbene un’infezione da Covid19 possa avere un impatto sulla salute sessuale delle donne, precedenti ricerche della BU hanno scoperto che la vaccinazione non causa infertilità, non riduce le possibilità di gravidanza o non ha un impatto significativo sulle mestruazioni .

“La vaccinazione contro il COVID in nessuno dei partner non è correlata alla fertilità tra le coppie che cercano di concepire attraverso un rapporto sessuale”, ha detto a The Brink nel 2022 Amelia Wesselink, professoressa assistente di ricerca di epidemiologia della SPH, discutendo del suo studio su vaccini e fertilità. La stessa ricerca, tuttavia, ha scoperto che gli uomini risultati positivi al Covid19 negli ultimi 60 giorni avevano una fertilità ridotta.

Stanton è il ricercatore principale del programma sulle disparità di salute sessuale, riproduttiva e mentale della BU, uno sforzo per esplorare la salute sessuale e mentale nelle popolazioni minorizzate ed emarginate, e afferma che le possibili strade future per l’ultimo progetto sarebbero quelle di espandere la minoranza sessuale e di genere dello studio diversità, parlare con le donne per le loro esperienze qualitative e progettare strumenti per aiutare gli operatori a supportare meglio i loro pazienti.

Covid19, molnupiravir, covid lungo

“Sono un interventista, quindi penso sempre alla progettazione dell’intervento come al passo successivo”, afferma Stanton. In altre ricerche, sta lavorando per sviluppare nuovi approcci che i medici possano utilizzare per parlare di sesso con i loro pazienti, oltre a studiare come migliorare il benessere sessuale e la salute mentale nelle comunità con poche risorse.

“Incoraggio sempre i fornitori ad avviare conversazioni sul sesso”, afferma Stanton. “Se hanno qualcuno che sta arrivando per un lungo periodo di Covid19, magari chiedi: ‘Come stai sessualmente?’ Fare quella domanda potrebbe aprire la porta alla gente per dire: “Sai, mi sono vergognato di dire che sta succedendo tutto questo e ho davvero bisogno di aiuto”. In ogni modo possiamo ripetere alla gente che c’è speranza e che ci sono strategie: i tuoi sintomi sono significativi e rilevanti, ed è importante parlarne”.

Un ulteriore studio condotto in Turchia ha rilevato che il desiderio sessuale e la frequenza dei rapporti delle donne sono aumentati durante la pandemia di Covid19, ma la loro qualità della vita sessuale è diminuita. I risultati sono pubblicati sull’International Journal of Gynecology & Obstetrics.

Nello studio su 58 donne, le donne hanno avuto rapporti sessuali in media 2,4 volte a settimana durante la pandemia, rispetto a 1,9 volte nei 6-12 mesi precedenti la pandemia. Prima della pandemia il 32,7% delle partecipanti desiderava una gravidanza, rispetto al 5,1% durante la pandemia; tuttavia, l’uso della contraccezione è diminuito durante la pandemia.

I disturbi mestruali erano più comuni durante la pandemia rispetto a prima (27,6% contro 12,1%) e i partecipanti hanno generato punteggi peggiori in un questionario basato sulla funzione sessuale durante la pandemia rispetto ai punteggi prima della pandemia.

Il commento di Lancet “Centrare la salute e la giustizia sessuale e riproduttiva nella risposta globale al COVID-19” evidenzia l’impatto dannoso della risposta globale alla pandemia di Covid19 sulla salute e sui diritti sessuali e riproduttivi (SRHR).

L’articolo sottolinea la minaccia ai servizi SRH, causata dalle politiche che designano questi servizi come risorse non essenziali e dirottate, e chiede vigilanza da parte della comunità SRH per evitare che l’accesso a questi servizi venga perso. “Le risposte globali alla pandemia del coronavirus 2019 (COVID-19) stanno convergendo con le pervasive disuguaglianze esistenti in materia di salute sessuale e riproduttiva e di giustizia, con un impatto sproporzionato sulla salute, il benessere e la stabilità economica di donne, ragazze e popolazioni vulnerabili”, scrive Terry McGovern, presidente del Dipartimento della popolazione e della salute familiare di Heilbrunn, e coautori.

Covid19, molnupiravir, bufale scientifiche

Evidenziando l’onere sociale ed economico sproporzionato che la pandemia grava su donne, ragazze e popolazioni vulnerabili , gli autori sostengono che “un quadro di giustizia e salute sessuale e riproduttiva, che metta al centro i diritti umani, riconosca le ingiustizie che si intersecano, riconosca le strutture di potere e unisca attraverso le identità – è essenziale per monitorare e affrontare le ingiuste conseguenze di genere, salute e sociali del Covid19.

Gli autori , un gruppo multidisciplinare di accademici e professionisti, tra cui epidemiologi, operatori sanitari , avvocati e organizzatori a livello comunitario, hanno esperienza nella fornitura e nell’accesso ai servizi di salute sessuale e riproduttiva, nella violenza di genere, nella risposta umanitaria globale, nei diritti umani , sorveglianza delle malattie, stigma e bisogni specifici delle donne, delle ragazze e delle popolazioni vulnerabili.

“I sostenitori devono continuare a combattere lo sfruttamento della crisi del Covid19 per promuovere un’agenda che limiti l’accesso ai servizi essenziali di salute sessuale e riproduttiva , in particolare l’aborto, e prenda di mira gli immigrati e gli adolescenti”, ha osservato McGovern, che è anche direttore del Programma sull’aborto. Giustizia e governance sanitaria globale presso la Columbia Mailman School.

L’accesso alla contraccezione è stato ridotto durante la pandemia di Covid19. Secondo uno studio pubblicato sul Journal of Women’s Health , ciò ha avuto un impatto particolare sulle persone che hanno sperimentato instabilità lavorativa e finanziaria.

Megan Kavanaugh, DrPH, MPH, del Guttmacher Institute, e coautori, hanno identificato la prevalenza e le caratteristiche dei pazienti e delle cliniche associate ai ritardi nell’accesso all’assistenza sanitaria sessuale e riproduttiva a causa della pandemia di COVID-19 in tre stati. Più della metà degli intervistati in Arizona (57%), il 38% in Iowa e il 30% in Wisconsin non sono stati in grado di accedere o hanno indicato un ritardo nell’accesso all’assistenza sanitaria sessuale e riproduttiva o a un metodo contraccettivo a causa della pandemia di Covid19.

In tre stati, le persone che avevano sperimentato instabilità finanziaria a causa della disoccupazione, del ritardo nei pagamenti principali o della riduzione o perdita del lavoro a causa del Covid19 avevano maggiori probabilità di subire ritardi nell’assistenza sanitaria sessuale e riproduttiva.

Covid lungo, olfatto, COVID19, bufale scientifiche

“È importante sottolineare che i nostri risultati evidenziano solo una piccola parte del quadro più ampio di come l’autonomia riproduttiva degli individui è stata ostacolata a causa della pandemia”, hanno concluso i ricercatori. “Sono giustificate ulteriori ricerche sulla misura in cui questi ritardi legati al COVID-19 hanno comportato conseguenti conseguenze negative per gli individui, come dover fare affidamento su metodi contraccettivi meno preferiti, rinunciare del tutto alla contraccezione e/o sperimentare gravidanze indesiderate. ”

“Sebbene i ricercatori abbiano dimostrato ritardi legati al Covid-19 nell’accesso all’assistenza sanitaria sessuale e riproduttiva , legati all’instabilità finanziaria , i risultati non hanno rivelato alcuna associazione tra la copertura assicurativa sanitaria e i ritardi nell’accesso legati al Covid19 “, afferma il redattore del Journal of Women’s Health. -in-Chief Susan G. Kornstein, MD, Direttore esecutivo dell’Istituto per la salute delle donne della Virginia Commonwealth University, Richmond, Virginia.

Cosa ne pensi di questo studio? Vorresti avere più informazioni al riguardo? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI