covid-19

COVID-19: i vaccini Pfizer e Moderna pronti per i bambini

Le dosi di vaccino anti Covid-19 per i più piccoli potrebbero essere disponibili già dal 21 giugno negli Stati Uniti

I bambini più piccoli negli Stati Uniti hanno finito di aspettare la loro dose di vaccino contro il COVID-19. Il 18 giugno, un comitato consultivo dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie ha raccomandato all’unanimità i vaccini mRNA di Moderna e Pfizer-BioNTech per neonati, bambini piccoli e bambini in età prescolare. Il direttore del CDC Rochelle Walensky ha approvato quella raccomandazione poche ore dopo. La Food and Drug Administration statunitense aveva concesso l’autorizzazione all’uso di emergenza dei vaccini il 17 giugno, due giorni dopo che il comitato consultivo della FDA aveva votato all’unanimità a favore dell’autorizzazione.

Un sollievo per molte famiglie di bambini piccoli che hanno subito più ondate di COVID-19, uscite limitate e interruzioni dell’asilo nido, arriva due anni e mezzo dopo che gli adulti sono stati vaccinati per la prima volta contro COVID-19 nel dicembre 2020. Questa fascia di giovane età è composta da circa 18,7 milioni di bambini.

“Questa raccomandazione va a colmare una significativa esigenza insoddisfatta di una popolazione più giovane davvero ignorata”, ha affermato il membro del comitato della FDA Michael Nelson, allergologo e immunologo presso la University of Virginia School of Medicine di Charlottesville. Spera che ogni bambino negli Stati Uniti “venga vaccinato nel prossimo futuro”.

Le prime iniezioni per i più piccoli potrebbero essere disponibili già dal 21 giugno. Secondo i piani diffusi dall’amministrazione Biden, verranno prima 10 milioni di dosi iniziali per i bambini piccoli, con milioni in più nelle settimane successive. Le famiglie potranno ottenere le dosi presso gli uffici dei pediatri, i centri sanitari comunitari, le cliniche sanitarie pubbliche, gli ospedali pediatrici e le farmacie, tra le altre località. L’obiettivo è che l’85% dei bambini sotto i 5 anni si trovi entro 5 miglia da un sito di vaccinazione.

Le riunioni del comitato consultivo della FDA e del CDC hanno ricordato ancora una volta che i più giovani non sono esenti dal rischio di COVID-19. Tra i bambini, quelli di età compresa tra 0 e 4 anni hanno il numero più alto di decessi rispetto a quelli più grandi: sono morti 485 bambini di età compresa tra 0 e 4 anni, superando i 366, 384 e 311 riportati nelle classi 5–11, 12–15 e 16 – Gruppi di età di 17 anni, rispettivamente, secondo il COVID Data Tracker del CDC al 17 giugno.

Da marzo 2020 ad aprile 2022, il COVID-19 è stata la quarta causa di morte per i bambini di età inferiore a 1 anno e la quinta causa di morte per i bambini di età compresa tra 1 e 4 anni. Il COVID-19 è l’unica malattia infettiva tra le prime cinque. L’onere delle morti per COVID-19 è simile o maggiore di quello di altre malattie pediatriche prevenibili con il vaccino, ha affermato Sara Oliver, un ufficiale medico del Centro nazionale per le immunizzazioni e le malattie respiratorie del CDC, durante una presentazione alla riunione del comitato consultivo del CDC.

L’impennata invernale guidata dalla variante omicron del coronavirus è stata particolarmente dura per i bambini più piccoli. Per i bambini sotto i 5 anni, ci sono stati 14,5 ricoveri ogni 100.000 bambini negli Stati Uniti durante il picco dell’omicron, un tasso cinque volte superiore a quello osservato durante il picco della variante delta, secondo quanto riportato dai ricercatori a marzo nel Morbidity and Mortality Weekly Report.

Circa 1 bambino su 4 sotto i 5 anni ricoverato in ospedale con COVID-19 finisce nell’unità di terapia intensiva, ha affermato il pediatra Evan Anderson della Emory University School of Medicine di Atlanta durante una presentazione alla riunione del comitato consultivo della FDA. “Avendo preso cura di molti bambini che sono stati in terapia intensiva con ventilatori per COVID … e avendo curato diversi bambini che sono morti di COVID, dobbiamo essere in grado di prevenire il COVID-19”, ha affermato Anderson.

La gravità della malattia significa che “la prevenzione è davvero la strada da percorrere”, ha affermato Hayley Gans, membro del comitato della FDA e specialista in malattie infettive pediatriche della Stanford University School of Medicine. Il vaccino COVID-19 è “una svolta che ci ha permesso di superare la pandemia … con meno sofferenza e malattie”.

COVID-19 ed incidenza di effetti collaterali al vaccino

covid-19

I benefici della vaccinazione si estendono anche ai bambini piccoli con una precedente infezione da COVID-19, ha affermato Oliver durante la riunione del comitato consultivo del CDC. Si stima che il 71% dei bambini di età compresa tra 6 mesi e 4 anni negli Stati Uniti abbia prove di un passato attacco di COVID-19 a partire da questa primavera. Ma la protezione dagli anticorpi indotti dalle infezioni non è così solida come quella degli anticorpi prodotti dopo la vaccinazione contro il COVID-19, ha scoperto la ricerca.

Nei bambini e negli adolescenti, quelli vaccinati due volte avevano livelli più elevati di anticorpi bloccanti il ​​virus contro diverse varianti di coronavirus, incluso l’omicron, rispetto a quelli che avevano solo un’infezione da SARS-CoV-2, hanno riferito i ricercatori a maggio in Nature Communications. La vaccinazione contro il COVID-19 anche nelle persone precedentemente infette è ancora importante per aiutare a proteggere da future infezioni e prevenire malattie gravi, ha affermato Oliver.

In entrambe le riunioni del comitato consultivo, i membri hanno esaminato i dati sull’immunità e sulla sicurezza per le dosi di Moderna e Pfizer per i bambini più piccoli. Il due vaccini hanno dosaggi e tempistiche differenti. Il vaccino mRNA COVID-19 di Moderna per bambini da 6 mesi a 5 anni è una serie di due dosi, 25 microgrammi per dose, somministrate a quattro settimane di distanza. (Gli adulti ricevono due dosi da 100 microgrammi per la loro serie iniziale di iniezioni a due dosi.)

L’opzione di Pfizer, per i bambini dai 6 mesi ai 4 anni, è una serie a tre dosi con 3 microgrammi per dose. Le prime due iniezioni vengono somministrate a tre settimane di distanza, seguite da una terza dose almeno otto settimane dopo. (La serie iniziale a due dosi per gli adulti consiste in dosi da 30 microgrammi.) I bambini più piccoli tendono a ricevere dosi più piccole di vaccini a causa della necessità di bilanciare la loro robusta risposta alle iniezioni mantenendo gli effetti collaterali attesi, come la febbre, gestibili.

La determinazione dell’efficacia di un vaccino nei bambini viene testata in modo diverso rispetto agli adulti. Le sperimentazioni sui vaccini per adulti COVID-19 includevano decine di migliaia di persone per prova, sufficienti per determinare l’efficacia dei vaccini. Questa è una misura di quanto bene le dosi proteggono i soggetti nel gruppo vaccinato rispetto a quelli a cui è stato somministrato un placebo, in base al numero di casi che si verificano in ciascun gruppo. Per i bambini, sarebbero stati necessari studi ancora più ampi per avere un numero sufficiente di casi di COVID-19 (poiché i totali complessivi tra i bambini sono stati inferiori a quelli degli adulti) per una lettura ravvicinata dell’efficacia.

Quindi, come proxy dell’efficacia, le prove hanno confrontato la risposta anticorpale che i bambini generano alle dosi con quella misurata per gli adulti più giovani nelle prove di efficacia. Per Moderna, il gruppo di confronto è tra i 18 e i 25 anni, mentre per Pfizer, la risposta è confrontata con quelli tra i 16 ei 25 anni (Pfizer ha incluso gli adolescenti più grandi nel loro test per adulti).

Tra oltre 6.600 partecipanti, Moderna ha riferito che la risposta anticorpale dei bambini piccoli alla sua serie a due dosi ha incontrato quella vista nel gruppo di confronto dei giovani adulti. Pfizer ha riportato lo stesso per gli oltre 4.500 partecipanti al suo processo sui bambini: la serie a tre dosi ha prodotto livelli di anticorpi che hanno raggiunto quelli osservati nel gruppo di confronto tra i 16 ei 25 anni, che aveva ottenuto due dosi.

Il comitato consultivo ha anche esaminato la sicurezza dei vaccini per i bambini piccoli. Non ci sono state reazioni allergiche allarmanti alle dosi, nessun decesso e nessun caso di infiammazione cardiaca, un effetto collaterale molto raro dei vaccini mRNA COVID-19 che rappresenta un rischio molto più elevato durante la malattia COVID-19. Gli effetti collaterali comuni per entrambi i vaccini includevano dolori alle braccia, pianto, irritabilità, sonnolenza e febbre. Va bene somministrare antidolorifici dopo la vaccinazione per i bambini con febbre o dolore, ha detto Oliver alla riunione del comitato consultivo del CDC.

Una volta che i vaccini avranno il via libera, quasi il 20% dei genitori dei bambini molto piccoli prevede di mettersi subito in fila, secondo il COVID-19 Vaccine Monitor della Kaiser Family Foundation. Il sondaggio di metà aprile ha riportato che un altro 38% prevede di aspettare e vedere come vanno le cose con il lancio del vaccino prima di decidere, mentre l’11% afferma che farà immunizzare i più piccoli solo se saranno necessari i vaccini. Ciò lascia il 27 percento nella categoria “decisamente no”, che è simile alla percentuale di genitori che affermano che non vaccinano i bambini dai 5 anni in su.

Un problema che rimane è se i bambini più piccoli avranno bisogno di booster aggiunti alla serie iniziale di dosi, come hanno fatto gli adulti e i bambini più grandi. Per i bambini immunocompromessi, una terza dose di Moderna sarebbe inclusa nella serie iniziale di iniezioni, sulla base dei dati per i bambini più grandi e gli adulti immunocompromessi e vaccinati con Moderna. Non ci sono ancora dati sull’opportunità di aggiungere un’altra dose per la serie Pfizer di tre iniezioni per bambini immunocompromessi.

Continuerà anche il monitoraggio della sicurezza per i vaccini COVID-19, attraverso diversi sistemi di sorveglianza statunitensi come il Vaccine Adverse Event Reporting System. Finora, negli Stati Uniti sono state somministrate circa 600 milioni di dosi di vaccini contro il COVID-19 e la sicurezza dimostrata è rassicurante, ha affermato il membro del comitato della FDA Henry Bernstein, pediatra del Cohen Children’s Medical Center di New Hyde Park, New York. “Pensare che avere un vaccino COVID disponibile per questa popolazione più giovane sia di fondamentale importanza, dato che i casi pediatrici possono essere, sono stati e potrebbero essere problematici in futuro”.

che ne pensi di questo ulteriore strumento di protezione dal Covid? Facci sapere nei commenti!

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI