covid

COVID 19, Moderna fa causa a Pfizer e BioNTech per i vaccini

Finita la coalizione contro il COVID con i vaccini ampiamente disponibili, Moderna vuole essere pagata per il suo lavoro

Ora che la corsa al vaccino COVID è finita e le vaccinazioni sono ampiamente disponibili, Moderna ha intentato una causa contro Pfizer e BioNTech, sostenendo che hanno violato i brevetti mRNA di Moderna dal 2010 al 2016.

Moderna, un’azienda con sede nel Massachusetts, ha intentato una causa contro Pfizer e BioNTech con sede a New York a Düsseldorf, in Germania, in relazione al vaccino Comirnaty congiunto delle aziende e alle sue somiglianze con Spikevax di Moderna.

Moderna afferma nella causa che non vuole fermare la produzione di vaccini. La causa inoltre non chiede il risarcimento per le vendite prima dell’8 marzo 2022, le vendite in nazioni AMC 92 a reddito medio o basso o le vendite in cui “il governo degli Stati Uniti sarebbe responsabile per eventuali danni”.

In una dichiarazione che annunciava la causa, Moderna ha affermato che si aspettava che Pfizer e BioNTech “rispettassero i suoi diritti di proprietà intellettuale” e “considerassero una licenza commercialmente ragionevole” per vendere vaccini al di fuori delle condizioni accettate, ma le aziende non l’hanno fatto.

“La nostra missione di creare una nuova generazione di farmaci trasformativi per i pazienti mantenendo la promessa della scienza dell’mRNA non può essere raggiunta senza un sistema di brevetti che premi e protegga l’innovazione”.

Ha affermato nella dichiarazione il Chief Legal Officer di Moderna, Shannon Thyme Klinger. Moderna non ha specificato la sua richiesta di risarcimento danni nella causa. Un portavoce della Pfizer ha detto al New York Times che la società è stata “sorpresa dal contenzioso”.

Moderna afferma di aver iniziato a lavorare sulla sua “piattaforma tecnologica mRNA” nel 2010 e di averla brevettata nel 2015 e nel 2016. Questo lavoro ha consentito una produzione di vaccini record, ha affermato il CEO di Moderna Stéphane Bancel nella dichiarazione.

I vaccini basati sull’mRNA utilizzano un involucro di nanoparticelle grasse per fornire una fetta di codice genetico , “RNA messaggero” dai virus.

Nel caso di SARS-CoV-2, viene trasmesso il modello della proteina spike del virus. Con quel pezzetto di codice , il corpo può addestrare il sistema immunitario a colpire la proteina spike, creando potenti anticorpi per combattere un’infezione.

Le rivendicazioni di brevetto di Moderna sono legate alle modifiche chimiche apportate all’mRNA nel vaccino Pfizer e BioNTech e al rivestimento lipidico (grasso).

I vaccini a base di mRNA si sono dimostrati efficaci contro COVID-19 e potrebbero essere il prossimo balzo in avanti per l’influenza e altre vaccinazioni. Moderna che richiede una licenza per tutti i vaccini mRNA non AMC-92 post-marzo 2022 potrebbe ostacolarlo.

La società ha già ricevuto critiche per aver trascinato i piedi sulla condivisione della sua formula di vaccino per la distribuzione globale e ha persino vinto uno “Shkreli Award 2020” per aver abbassato il prezzo del suo vaccino dopo aver ricevuto $ 1 miliardo di finanziamenti governativi.

Ma i giganti farmaceutici si fanno causa a vicenda per innovazioni salvavita non è raro. Né tali cause vengono dopo il finanziamento pubblico.

Covid le origini del vaccino

covid

Mentre Moderna, come sottolinea il New York Times, ha accettato 2,5 miliardi di dollari di denaro dei contribuenti per sviluppare il suo vaccino, questo è separato dai brevetti alla base dei meccanismi di consegna, che Moderna sostiene risalgono a un periodo più antico.

Il giornalista medico Matthew Herper afferma su STAT (paywall) che il contenzioso sui brevetti farmaceutici “procede a un ritmo glaciale” e che lo sviluppo dell’mRNA è intrinsecamente teso.

Moderna, Pfizer e BioNTech sono state tutte citate in giudizio da una società dall’altra parte della città di Moderna, Alnylam, per il lavoro sulle nanoparticelle grasse. E le origini della consegna di mRNA potrebbero risalire ancora più indietro nel tempo.

Derek Lowe osserva su Science che “non c’è quasi mai un esempio di una tecnologia biofarmaceutica rivoluzionaria che non finisca per innescare una raffica di cause legali sui brevetti”.

Moderna ha dovuto concedere in licenza una modifica dell’RNA, dopo aver inizialmente affermato di aver inventato la propria. Lowe osserva inoltre che Moderna è attualmente citata in giudizio da altre due società che affermano che i loro brevetti sulle nanoparticelle lipidiche sono stati violati.

Anche se può essere normale per le grandi aziende farmaceutiche, vedere le aziende accreditate per aver respinto la marea del coronavirus in lotta per i diritti di licenza in tribunale, per quanto promettano molti tagli, potrebbe essere dannoso per gli sforzi di vaccinazione e la percezione pubblica dell’assistenza sanitaria.

E mentre l’investimento pubblico nella corsa al vaccino potrebbe non essere direttamente correlato a questa causa, non sembra bello ricordare il divario tra la salute pubblica e le aziende private che spesso ne traggono vantaggio.

Che ne pensi di questo contenzioso? Facci sapere nei commenti!

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI