Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Coralli stampati in 3D

Coralli stampati in 3D per combatterne lo sbiancamento

I ricercatori dell'Università di Cambridge: "È urgente comprendere la rottura della simbiosi durante il declino del reef"

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

Il riscaldamento globale sta mettendo a serio rischio la salute delle nostre barriere coralline: l’aumento della temperatura delle acque e l’acidificazione dei mari hanno causato lo sbiancamento di migliaia di chilometri quadrati di coralli e i ricercatori sono alla ricerca di soluzioni innovative per risolvere questo problema. Oggi ci occuperemo di un recente studio da parte dell’Università di Cambridge su dei coralli stampati in 3D, che dimostra come questa tecnologia possa rivelarsi utile non solo ad ingegneri allergici agli smartphone, ma anche a scienziati in lotta per la salvaguardia dell’ambiente.

Sbiancamento barriera corallina

Ma perché i coralli perdono i loro caratteristici colori vivaci? La risposta richiede una piccola lezione di biologia: per cominciare, i coralli non sono altro che dei piccoli polipi che si aggregano in colonie tramite una struttura esterna composta da carbonato di calcio. Per nutrirsi, questi polipi sfruttano delle alghe che vivono al loro interno e con le quali sono in una relazione cosiddetta simbiotica: le Zooxantelle, grazie alla fotosintesi che avviene durante le ore di luce, producono gli zuccheri necessari alla vita dei coralli, i quali durante la notte estroflettono i loro tentacoli per catturare le microscopiche particelle alimentari generate da questo processo.

Nel momento in cui i coralli sono sottoposti a situazioni di stress, è possibile che il polipo espella le alghe e conseguentemente perda la sua fonte di nutrimento: è proprio la mancanza di sostanze nutritive a causare il progressivo sbiancamento dei coralli che, se persistente, può arrivare a causarne la morte.

Coralli stampati in 3D per comprendere il fenomeno di sbiancamento

Un team di ricercatori dell’Università di Cambridge è riuscito a creare delle strutture estremamente simili a quelle dei coralli sfruttando una combinazione di gel e idrogel tramite una tecnica di stampa 3D, simile a quella utilizzata per la riproduzione di organi umani. I modelli dispongono di caratteristiche ottiche equiparabili a quelle delle strutture presenti in natura, ottenute tramite una complessa geometria interna mirata a massimizzare la quantità di luce che colpisce la superficie interna dei coralli stampati in 3D.

Struttura interna corallo 3D

Il risultato è in grado di ospitare agevolmente le alghe responsabili del nutrimento e di incentivarne la produzione ad un ritmo esponenzialmente più rapido rispetto ai coralli presenti in natura: questo non solo potrebbe permetterci di rimediare velocemente ai danni che ogni giorno subisce la barriera corallina, ma potrebbe anche aiutare gli scienziati a comprendere più a fondo le dinamiche che causano l’allontanamento delle alghe da parte del corallo, in modo da prevenire che ciò continui ad accadere in futuro.

Qui il link all’intero studio pubblicato dall’Università di Cambridge nel caso ti interessi approfondire.

Potrebbe interessarti...

Scienze

Vaccino HPV monodose: ecco perché è altamente funzionante

Windows 11

Media Player da oggi avrà un restyling su Windows 11

Apple Podcasts

Apple gioca e vince contro i colossi del gaming

Scienze

Sars cov 2: cosa succede se i bambini si ammalano a lungo di covid?

Makalu 67

Makalu 67 di Mountain: il primo mouse con PixArt PMW3370

Scienze

Trapianto di rene da maiale a uomo: cosa comporta?

La stampa 3D è una delle tecnologie più innovative degli ultimi anni, e viene applicata con successo a più e più campi. Che esperienza hai con questa tecnologia? Facci sapere la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Teufel CAGE

22 ottobre, 2021

Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0