Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
missione Chang'e-5

Come procede la missione Chang’e-5?

La missione Chang'e-5 volge ormai al termine, dopo aver completato le fasi di raccolta di campioni di suolo lunare

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

Il 24 novembre 2020 ti abbiamo raccontato del riuscito lancio della missione Chang’e-5 da parte della Cina, in collaborazione con l’ESA, che ha lo scopo di raccogliere e portare sulla Terra dei campioni di suolo lunare, per la prima volta dal 1976. Vediamo in questo articolo come sta procedendo la missione.

Missione Chang’e-5: allunaggio riuscito

L’allunaggio è avvenuto senza alcun intoppo, nel pomeriggio del 01 dicembre 2020, nella zona dell’Oceanus Procellarum e il rover cinese ha iniziato fin da subito i processi di raccolta dei campioni di suolo, sia in superficie, che in profondità.

Di seguito puoi vedere alcuni dei frammenti di video che testimoniano la fase di perforazione e campionamento del suolo:

Missione Chang'e-5

Missione Chang'e-5

Nonostante la poca apertura comunicativa del governo cinese, sembra che tutte le fasi siano proseguite senza alcun problema, dalla discesa verso il suolo lunare, fino alla perforazione e raccolta del materiale.

Missione Chang’e-5: inizia la fase di ritorno

La raccolta di materiali, come ho specificato nel primo articolo, sarebbe dovuta essere completata entro le 48 ore dall’allunaggio e così è stato. Nel tardo pomeriggio di ieri 03 dicembre 2020 il materiale, sigillato sotto vuoto, è ripartito dal suolo della Luna per raggiungere a 200 Km di altitudine l’unità di ritorno, chiamata orbiter-returner.

Da fonti non ufficiali si apprende che l’accensione dei motori del modulo ascender, è avvenuto verso le 16:00 ore italiane di ieri e le fasi iniziali più delicate sono riuscite con successo, fino all’apertura dei pannelli solari.

Ora il modulo viaggerà fino all’orbiter returner e l’arrivo è previsto per domani 05 dicembre 2020. La fase successiva riguarderà il viaggio di ritorno verso la Terra e l’atterraggio nel nostro pianeta dovrebbe avvenire il 15 dicembre 2020 nella zona desertica della Mongolia.

Il materiale raccolto, sia in superficie sia in profondità tramite trivellazione, permetterà agli scienziati di analizzare il suolo presente intorno al lander lunare, rimasto sulla Luna. Per ora un successo del programma spaziale cinese che, per la prima volta nella storia, dimostra di avere a disposizione la tecnologia non solo per atterrare, ma anche per far ritorno (cosa per nulla scontata) da un altro corpo celeste.

Continua a leggerci per sapere se l’ultima fase di atterraggio della missione Chang’e-5 andrà a buon fine e per rimanere aggiornato su tutte le novità tech e della scienza!

Potrebbe interessarti...

Scienze

Tardigrada: trovato un fossile di 16 milioni di anni

Windows 11

Windows 11 è qui: prime impressioni e consigli

Scienze

William Shatner: nello spazio a 90 anni con Blue Origin

Netflix

Abbonamento Netflix più costoso a partire da oggi

Scienze

Balena preistorica a quattro zampe: 43 milioni di anni fa

Scienze

Endometriosi: individuata causa genetica e target del farmaco

Ti appassionano le missioni spaziali? Cosa ne pensi di questa missione del programma spaziale cinese? Facci sapere la tua opinione con un commento!

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0