Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Cervello: è possibile riattivarlo con le cellule staminali?

Quando invecchiamo, le staminali di tutto il corpo perdono gradualmente la loro capacità di proliferare. Aumentare i livelli della proteina lamina B1 riesce a svecchiare le staminali, potenziando la produzione di nuovi neuroni. Questa importante scoperta apre nuove frontiere nella cura del morbo di Alzheimer

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

Il cervello col passare degli anni perde la capacità di generare nuovi neuroni poiché cala una proteina fondamentale per la proliferazione delle cellule staminali, la lamina B1: aumentarne i livelli riesce a svecchiare le staminali, potenziando la produzione di nuovi neuroni. Uno studio condotto sui topi dal team di ricerca di Sebastian Jessberger del Brain Research Institute, presso l’Università di Zurigo, è riuscito a dimostrare questa importante scoperta.

Cellule staminali

I risultati, pubblicati sulla rivista Cell Stem Cell, potrebbero aprire nuove strade nella lotta alle demenze e all’Alzheimer.

Cellule staminali e ringiovanimento cerebrale: qualche dettaglio sulla ricerca

Khadeesh bin Imtiaz, primo autore dello studio, ha spiegato che: “Quando invecchiamo, le staminali di tutto il corpo perdono gradualmente la loro capacità di proliferare. Grazie all’ingegneria genetica e a una tecnologia di frontiera nel campo della microscopia, siamo riusciti a identificare un meccanismo associato a questo processo”.

Cellule staminali

Gli esperti hanno evidenziato che la lamina B1 diventa fondamentale nella divisione delle cellule staminali neurali: localizzata nel loro nucleo, smista le proteine dannose accumulate nel tempo e le distribuisce alle due cellule figlie. Per colpa dell’invecchiamento, però, i livelli di lamina B1 diminuiscono: così si altera la ripartizione delle proteine dannose e di conseguenza si compromette la proliferazione. Gli scienziati sono riusciti per la prima volta a invertire il processo nei topi anziani aumentando la lamina B1: grazie a questa intuizione è stato possibile di migliorare la divisione cellulare e la produzione di nuovi neuroni.

Ora sappiamo che è possibile riattivare le staminali invecchiate del cervello“, commenta Jessberger. “La nostra speranza è che questo risultato possa un giorno aumentare i livelli di neurogenesi, per esempio negli anziani o in coloro che soffrono di malattie degenerative come l’Alzheimer, anche se ci vorranno molti anni per raggiungere questo obiettivo. Sebbene il nostro studio si limiti alle staminali del cervello – conclude Jessberger – è possibile che meccanismi simili si verifichino anche nell’invecchiamento di altre staminali”.

Potrebbe interessarti...

Scienze

I virus possono uccidere le larve di vespa che vengono gestate all’interno di bruchi infetti

Scienze

Troppo consumo di caffè può causare demenza e ictus?

Scienze

Steven Weinberg muore a 88 anni, la fisica perde un titano

Samsung

Samsung 21 FE si nega ai fan, non ci sarà all’evento dell’11 agosto

Scienze

La foresta amazzonica è in crisi: emessa più Co2 che assorbita

Honor

Honor pronta a lanciare il suo primo smartphone pieghevole?

Cosa ne pensi di questa importante scoperta? Credi che la ricerca debba investire di più nell’ingegneria genetica e nella tecnologia di frontiera? Dicci la tua nei commenti

Sottoscrivi
Notificami
guest
1 Comment
più votati
più nuovi più vecchi
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Attilia D'Avino

Io credo molto nell’ingegneria genetica.
Faccio tantissimi auguri alProf. che ha fatto questa scoperta.
Mi auguro che i tempi siano brevissimi per avere questa tecnologia.
Se c’è bisogno di persone per la sperimentazione mi propongo.
A.D.

Intel e AMD

20 aprile, 2021

Trump Twitter

20 aprile, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0