Organoidi cerebrali

Cellule tossiche: bersaglio per l’Alzheimer? 

Uno studio sviluppato dalla scienziata Miranda Orr, professoressa di gerontologia e medicina geriatrica, presso la Wake Forest School of Medicine e ricercatrice scientifica presso il WG Hefner VA Medical Center e Habil Zare, Ph.D., assistente professore di sistemi cellulari e anatomia, presso l'Università del Texas Health San Antonio, e pubblicato sulla rivista scientifica Nature Aging ha dimostrato come trattare le cellule tossiche, in particolare le cellule neurologiche senescenti blocca la malattia di Alzheimer e la morte cellulare

Le cellule tossiche, ovvero le cellule senescenti potenzialmente tossiche possono essere il nuovo bersaglio nel trattamento del morbo di Alzheimer. Lo studio è stato condotto da Miranda Orr, Ph.D., assistente professore di gerontologia e medicina geriatrica, presso la Wake Forest School of Medicine e ricercatrice scientifica presso il WG Hefner VA Medical Center e Habil Zare, Ph.D., assistente professore di sistemi cellulari e anatomia, presso l’Università del Texas Health San Antonio.

Cellule tossiche
Nel laboratorio di Orr, i tessuti del cervello umano sono etichettati con marcatori fluorescenti per visualizzare tutte le cellule (turchese). La rara popolazione di cellule senescenti può essere identificata utilizzando marcatori aggiuntivi per visualizzare CDKN2D/p19 (macchie bianche) e grovigli tau (rosse). Credito: Wake Forest School of Medicine

La ricerca, finanziata dal Dipartimento degli affari dei veterani degli Stati Uniti e dal National Institute on Aging, è stata pubblicata sulla rivista scientifica Nature Aging.

Cellule tossiche: ecco cosa dice la ricerca

Le cellule senescenti sono cellule vecchie e malate che non possono ripararsi adeguatamente e non muoiono quando dovrebbero diventando cellule tossiche che invece funzionano in modo anomalo e rilasciano sostanze che uccidono le cellule sane circostanti e causano infiammazione. Nel tempo, continuano ad accumularsi nei tessuti di tutto il corpo contribuendo al processo di invecchiamento, al declino neurocognitivo e al cancro.

Cellule tossiche

La ricerca condotta da Orr nel 2018 ha trovato che le cellule senescenti accumulate in modelli murini con Alzheimer, hanno contribuito alla perdita di cellule cerebrali, infiammazioni e disturbi della memoria. Quando i ricercatori hanno usato una terapia per eliminare questa forma di cellule tossiche, hanno fermato la progressione della malattia e la morte cellulare.

“Tuttavia, fino ad ora, non sapevamo fino a che punto le cellule senescenti si accumulassero nel cervello umano e che aspetto avessero“, ha detto Orr. “Era un po’ come cercare il proverbiale ago in un pagliaio, tranne per il fatto che non eravamo sicuri di come fosse l’ago”.

Utilizzando sofisticate analisi statistiche, il team di ricerca è stato in grado di valutare grandi quantità di dati. In totale, hanno profilato decine di migliaia di cellule del cervello post-mortem di persone morte con il morbo di Alzheimer. Il piano dei ricercatori era di determinare prima se c’erano cellule senescenti, poi quante ce n’erano e che tipo di cellule erano e ci sono riusciti.

Il team ha scoperto che circa il 2% delle cellule cerebrali era senescente e ha anche identificato il tipo di cellula e le caratteristiche.

I risultati dello studio hanno indicato che le cellule tossiche erano neuroni, che sono le unità fondamentali nel cervello che elaborano le informazioni e sono i cavalli di battaglia della memoria. Sono anche le cellule primarie che si perdono nella malattia di Alzheimer.

Cellule tossiche

Successivamente, il team di Orr ha cercato di determinare se i neuroni senescenti avessero grovigli, accumuli anomali di una proteina chiamata tau che può accumularsi all’interno dei neuroni nell’Alzheimer. Questi grovigli sono strettamente correlati alla gravità della malattia, il che significa che più grovigli gli individui hanno nel cervello, peggiore è la loro memoria, ha spiegato Orr.

I ricercatori hanno scoperto che i neuroni senescenti non solo avevano grovigli, ma si sovrapponevano al punto che era difficile distinguerli. Infine, il team ha convalidato i risultati esaminando una diversa coorte di campioni di tessuto cerebrale post mortem di persone con Alzheimer: “Ora che abbiamo identificato queste cellule nel cervello, abbiamo aperto la porta a molte possibilità, comprese le opzioni di trattamento per le persone con Alzheimer“, ha dichiarato Orr.

Orr è in procinto di lanciare uno studio clinico di Fase 2 da 3 milioni di dollari finanziato dall’Alzheimer’s Drug Discovery Foundation (ADDF) per testare gli effetti dell’eliminazione delle cellule senescenti negli anziani con decadimento cognitivo lieve o Alzheimer in fase iniziale. 

L’intervento, scoperto dai collaboratori di Orr presso la Mayo Clinic, consiste nella somministrazione di un farmaco approvato dalla Food and Drug Administration statunitense, progettato per eliminare le cellule tumorali in combinazione con un flavonoide, un antiossidante di origine vegetale.

La terapia ha funzionato bene nei modelli murini della malattia di Alzheimer e si è dimostrata sicura negli esseri umani con altre condizioni, come precedentemente riportato da un team che ha coinvolto la Wake Forest School of Medicine, l’Università del Texas Health a San Antonio e la Mayo Clinic. I tre siti collaboreranno nuovamente alla sperimentazione clinica finanziata dall’ADDF, ha affermato Orr.

La ricerca innovativa del Dr. Orr si distingue come un nuovo entusiasmante modo per prendere di mira uno dei tanti fattori sottostanti che contribuiscono all’Alzheimer“, ha detto Howard Fillit, MD, fondatore e direttore esecutivo e chief science officer dell’Alzheimer’s Drug Discovery Foundation.

Cellule tossiche

“La dottoressa Orr e il suo team stanno aprendo la strada alla ricerca senolitica per l’Alzheimer, aprendo un nuovo obiettivo per potenziali trattamenti. Ciò è particolarmente interessante per il campo poiché ora sappiamo che avremo bisogno di farmaci che funzionino contro i numerosi processi biologici sottostanti. che vanno male con l’avanzare dell’età, come l’accumulo di cellule senescenti tossiche, che contribuiscono all’Alzheimer“.

Si stima che ci siano circa 44 milioni di persone nel mondo che vivono con il morbo di Alzheimer o una forma di demenza correlata. Negli Stati Uniti, si stima che 5.5 milioni  persone di tutte le età abbiano il morbo di Alzheimer. Di questi, circa 5,3 milioni hanno 65 anni e più e 200.000 sono più giovani e hanno il morbo di Alzheimer ad esordio precoce.

Circa i due terzi degli americani con malattia di Alzheimer sono donne. Ciò equivale a 3.3 milioni di donne, di età pari o superiore a 65 anni, con malattia di Alzheimer negli Stati Uniti e a due milioni di uomini.

Il morbo di Alzheimer e la demenza sono più comuni nell’Europa occidentale (con il Nord America subito dopo) e meno comuni nell’Africa subsahariana. Gli afroamericani hanno circa il doppio delle probabilità di contrarre il morbo di Alzheimer o altre forme di demenza rispetto ai bianchi. Gli ispanici hanno circa 1,5 volte più probabilità di avere il morbo di Alzheimer o altre forme di demenza rispetto ai bianchi.

I rapporti del National Institute on Aging indicano che la prevalenza della malattia di Alzheimer raddoppia ogni cinque anni oltre i 65 anni. Con l’invecchiamento della popolazione, la malattia colpisce una percentuale maggiore di persone. Al momento, qualcuno negli Stati Uniti sviluppa il morbo di Alzheimer ogni 66 secondi.

Cellule tossiche

Si pensa che entro la metà del secolo qualcuno negli Stati Uniti svilupperà la malattia ogni 33 secondi e il numero totale di persone con Alzheimer negli Stati Uniti potrebbe raggiungere i 16 milioni di persone entro il 2050.

Il morbo di Alzheimer è la sesta causa di morte negli Stati Uniti e uccide più persone del cancro al seno e del cancro alla prostata messi insieme. Dal 2000, i decessi per malattia di Alzheimer sono aumentati dell’89 per cento, mentre quelli per malattie cardiache sono diminuiti.

La malattia di Alzheimer è la quinta causa di morte tra le persone di età pari o superiore a 65 anni e una delle principali cause di disabilità e cattive condizioni di salute. L’aspettativa di vita tipica dopo la diagnosi di Alzheimer è di quattro-otto anni.

Ci sono una serie di potenziali ragioni biologiche e sociali per cui più donne che uomini hanno l’Alzheimer o altre demenze. L’opinione prevalente è che questa discrepanza sia dovuta al fatto che le donne vivono in media più a lungo degli uomini e che l’età avanzata è il maggior fattore di rischio per l’Alzheimer.

 I ricercatori ora si stanno chiedendo se il rischio di Alzheimer potrebbe effettivamente essere più alto per le donne a qualsiasi età a causa di variazioni biologiche o genetiche o differenze nelle esperienze di vita.

Non solo le donne hanno maggiori probabilità di avere l’Alzheimer, ma hanno anche maggiori probabilità di essere caregiver di coloro che vivono con l’Alzheimer.

Quasi la metà di tutti i caregiver che forniscono aiuto agli anziani lo fa per qualcuno che vive con l’Alzheimer o un’altra demenza e l’83% dell’aiuto fornito agli anziani negli Stati Uniti proviene da familiari, amici o altri caregiver non retribuiti.

Cellule tossiche

Le statistiche mostrano che le responsabilità di prendersi cura di qualcuno con demenza spesso ricadono sulle donne:

  • Più di tre caregiver di Alzheimer non retribuiti su cinque sono donne. Ciò riguarda più generazioni, poiché è più comune che le mogli forniscano assistenza informale a un marito piuttosto che viceversa, e più di un terzo dei caregiver di demenza sono figlie.
  • In media, le badanti donne trascorrono più tempo a prestare assistenza rispetto ai caregiver maschi. In effetti, ci sono 2,5 volte più donne che uomini che vivono a tempo pieno con la persona con demenza.
  • A causa dei doveri di assistenza, è probabile che le donne subiscano conseguenze negative sul posto di lavoro. Quasi il 19% delle donne che si prendono cura di Alzheimer ha dovuto lasciare il lavoro per diventare una badante o perché i loro doveri di assistenza sono diventati troppo gravosi.

Cosa ne pensi di questa importante scoperta? Ritieni che sia all’altezza di nuovi finanziamenti o conosci ricerche accreditate che secondo te meriterebbero più attenzione? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI