Cellule beta: stimolarne la proliferazione per curare il diabete

Gli scienziati del dipartimento di Biologia cellulare e molecolare del Karolinska Institutet, Stoccolma in Svezia,hanno sviluppato un possibile approccio per curare il diabete: generare nuove cellule beta in situ per ricostituire il pool di cellule beta stesse. La ricerca è stata pubblicata sulla prestigiosa rivista scientifica Nature Metabolism

Le cellule beta funzionali si perdono nei soggetti con diagnosi di diabete: un team di ricerca del dipartimento di Biologia cellulare e molecolare del Karolinska Institutet, Stoccolma, Svezia, hanno sviluppato una nuova tecnica per identificare piccole molecole che possono far dividere le cellule beta produttrici di insulina.

Cellule beta

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista scientifica Nature Metabolism.

Come stimolare la proliferazione delle cellule beta

I ricercatori Olov Andersson e Jeremie Charbord hanno spiegato che: “Il diabete è caratterizzato dalla progressiva perdita di cellule beta funzionali. Un possibile approccio per curare il diabete è generare nuove cellule beta in situ per ricostituire il pool di cellule beta. La proliferazione delle cellule beta si espande. la massa β-cellulare principalmente durante lo sviluppo ma anche in determinate condizioni iperglicemiche in età adulta, un processo che potrebbe essere potenzialmente utilizzato per la rigenerazione β-cellulare nel diabete”.

Cellule beta

“Per eseguire lo screening delle sostanze chimiche che possono indurre la proliferazione delle cellule beta – Continuano gli scienziati – abbiamo sviluppato un nuovo saggio nel pesce zebra basato sul metodo FUCCI (fluorescence ubiquitination cell-cycle indicator), in cui la geminina marcatore S / G2 / M è fusa con una proteina fluorescente Invece di fondere la geminina in una proteina fluorescente, l’abbiamo fuso con una proteina luciferasi e l’abbiamo espresso sotto il controllo del promotore dell’insulina per segnalare specificamente la proliferazione delle cellule beta in vivo in modo ad alto rendimento”.

Abbiamo chiamato questo test LUCCI (per l’indicatore del ciclo cellulare basato sull’ubiquitinazione della luminescenza) e lo abbiamo utilizzato per impostare uno schermo chimico ad alta produttività nel pesce zebra transgenico. In questo modo, abbiamo identificato un inibitore della chinasi che stimola potentemente la proliferazione delle cellule beta e abbiamo confermato questo effetto nelle cellule beta umane e murine per assicurarci che l’effetto sia conservato tra le specie“.

I risultati della ricerca si sono mostrati interessanti: “Utilizzando analisi trascrittomiche a cellula singola di cellule β, abbiamo scoperto che l’inibitore della chinasi induceva una risposta proteica spiegata prima dell’ingresso nel ciclo cellulare, cioè un’onda lieve e transitoria di risposta proteica spiegata necessaria per la proliferazione . È importante sottolineare che questa ondata non è stata associata ad un aumento dell’espressione di insulina, che nel diabete può essere associata a un’attivazione forte e persistente di una risposta proteica dispiegata disadattiva”.

“I nostri risultati suggeriscono un nuovo concetto in cui una piccola molecola può attivare transitoriamente il dispiegato- risposta proteica per indurre la proliferazione delle cellule beta, un meccanismo che può essere sfruttato per espandere il numero di cellule beta nel diabete” concludono gli esperti.

Conosci altri studi che interessano la stimolazione della produzione delle cellule b nei soggetti con diabete? Credi che questa nuova ricerca vada supportata con tutte le risorse possibili? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
2 Commenti
più votati
più nuovi più vecchi
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Giandomenico Doto

E quindi? Quale sarà il prossimo step?

Dénise

Va da sé, caro Giandomenico, che il prossimo step sarà quello di continuare a portare avanti questa ricerca. Saluti.
D.

2
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI