cani

Cani e punizioni: 1 secolo di errori

Addestrare i cani non è un lavoro semplice, punirli è sempre sembrata la strada più facile, ma è anche quella giusta?

Gli addestratori di cani si affidano da tempo alla punizione come strumento di addestramento, a loro volta gli è stato insegnato così. Tre anni fa, Valli Fraser-Celin ha adottato un cucciolo di husky biondo, che ha chiamato Husk. Fraser-Celin iniziò presto a cercare modi per frenare il comportamento “totalmente selvaggio” di Husk, come rubare il cibo dal bancone della cucina e abbaiare incessantemente agli estranei.

Sulla base del consiglio di un trainer di YouTube, Fraser-Celin ha iniziato a utilizzare un collare elettronico, che ha prodotto un piccolo shock quando Husk si è comportato male, ma ha detto che si sentiva “schifosamente male”.

Fraser-Celin ha ripensato al suo approccio dopo aver sentito parlare di un addestratore di animali che ha insegnato a un orso grizzly a collaborare con le cure mediche usando solo un rinforzo positivo. Se quell’enorme animale poteva imparare con dolcetti e lodi, pensò, perché gli addestratori di cani usavano collari a punta e shock?

“Questo è stato il catalizzatore della mia difesa”, ha detto Fraser-Celin, che ha studiato i cani selvatici africani per il suo dottorato di ricerca e ora lavora come collegamento remoto della comunità per la Winnipeg Humane Society e sostiene in modo indipendente la formazione di rinforzo positivo su Instagram.

“Penso davvero che ci debbano essere dei regolamenti da mettere in atto”, ha detto, “basati sulla scienza e sugli studi che hanno mostrato il miglior tipo di addestramento per i cani”.

Fraser-Celin non è solo. Molti ricercatori, formatori e organizzazioni professionali veterinarie e di formazione stanno sostenendo una maggiore supervisione per l’addestramento dei cani, che è in gran parte non regolamentato in tutto il mondo, anche se a volte non sono d’accordo sul miglior percorso d’azione e scelgono di concentrarsi sulla ricerca che rafforza il loro approccio preferito.

“In questo momento, è il selvaggio, selvaggio West”, ha detto Anamarie Johnson, dottoressa di ricerca in psicologia, studentessa presso l’Arizona State University con un background in comportamento animale e addestramento dei cani.

Di recente ha pubblicato uno studio che ha analizzato i siti Web di 100 addestratori di cani molto apprezzati negli Stati Uniti, dal quale è emerso che la maggior parte non forniva alcuna indicazione se l’addestratore avesse un’istruzione o una certificazione pertinente.

“Chiunque può identificarsi come addestratore di cani: può aprire una pagina sui social media, può offrire servizi al pubblico e non ci sono aspettative per la sua istruzione, la sua formazione continua o i suoi standard di pratica”, ha affermato Bradley Phifer, il direttore esecutivo del Consiglio di certificazione per addestratori di cani professionisti, o CCPDT, un’organizzazione che promuove standard di addestramento basati sulla scienza.

Le persone con poca o nessuna educazione al comportamento animale potrebbero consigliare ai proprietari di gestire l’aggressività, ha aggiunto. “Se non sei adeguatamente formato, o non hai un’esperienza adeguata nel settore o nei contenuti, allora non dovresti consigliare le persone su come prevenire i morsi di cane”.

Alcuni esperti e organizzazioni stanno spingendo per una maggiore regolamentazione del settore. Sotto un’organizzazione ombrello nota come Alliance for Professionalism in Dog Training, due importanti organismi di certificazione, il CCPDT e l’Association of Professional Dog Trainers, o APDT, hanno proposto congiuntamente un modello di legislazione che sperano possa essere adottato stato per stato.

La legislazione richiederebbe una licenza per formatori da parte di un consiglio statale, creerebbe standard di responsabilità e richiederebbe ai formatori di impegnarsi in una formazione continua. Phifer ha affermato che attualmente sta lavorando con i legislatori nel New Jersey, dove i regolamenti per gli addestratori di cani sono stati proposti per la prima volta nel 2019, e che lo sforzo congiunto sta facendo progressi anche in California e Illinois.

Ma la spinta alla regolamentazione ha messo in luce uno scisma nel settore sull’uso di punizioni contro ricompense. Secondo la legislazione proposta, gli organismi di certificazione sarebbero tenuti a sostenere una politica che dia priorità al rinforzo positivo, sebbene non escluda del tutto la punizione, un approccio generalmente supportato dalla ricerca sull’efficacia e sul benessere e sempre più popolare tra i professionisti della formazione.

Sebbene i ricercatori e i formatori siano ampiamente d’accordo sul fatto che gli approcci punitivi pesanti siano dannosi, non sono d’accordo sul fatto che i divieti totali sugli strumenti avversivi siano produttivi, poiché l’approccio potrebbe funzionare in circostanze limitate.

Senza regole più chiare, le ampie lacune nell’addestramento dei cani rappresentano “un rischio potenzialmente molto grande per la sicurezza del pubblico”, ha affermato Johnson, perché i proprietari di cani si affidano agli addestratori per modificare il comportamento degli animali con “denti aguzzi e affilati che vivono nella nostra casa.”

L’addestramento moderno del cane è radicato nel lavoro della metà del XX secolo dello psicologo americano BF Skinner, che ha suggerito quattro categorie per la modifica del comportamento: rinforzo positivo, punizione positiva, rinforzo negativo e punizione negativa. Qui, positivo e negativo non significano necessariamente buono o cattivo.

cani

Il rinforzo positivo aggiunge qualcosa che piace a un cane per rafforzare un comportamento, come un bocconcino o un giocattolo per sedersi al momento giusto, mentre la punizione positiva aggiunge qualcosa di avversivo, come uno strattone al guinzaglio, per diminuire un comportamento.

Il rinforzo negativo rimuove qualcosa che non piace al cane, come fermare uno shock del collare quando un cane obbedisce a un comando, mentre la punizione negativa rimuove qualcosa di desiderabile, come girarsi da un’altra parte quando un cane sta saltando per attirare la tua attenzione.

Molti addestratori ed esperti di comportamento animale affermano che i metodi avversivi, che includono punizioni positive e rinforzi negativi, sono abusati. Due importanti organizzazioni professionali che rappresentano i formatori, l’APDT e l’Associazione internazionale dei consulenti per il comportamento degli animali, ora limitano l’uso di strumenti come i collari elettronici tra i loro membri.

Nell’ottobre dello scorso anno, l’American Veterinary Society of Animal Behaviour, che comprende sia veterinari che comportamentisti con un’istruzione a livello di dottorato sul comportamento animale, ha rilasciato una dichiarazione:

“Non ci sono prove che un addestramento avversivo sia necessario per l’addestramento del cane o la modifica del comportamento”, facendo riferimento a 21 studi sull’efficacia dei metodi basati sulla ricompensa e sui rischi dei metodi avversivi.

Alexandra Protopopova, ricercatrice sul benessere degli animali presso l’Università della British Columbia, ha scritto in una e-mail a Undark che la recente ricerca citata nella dichiarazione rifletteva i rischi “innegabili” delle tecniche avversive, aggiungendo: “In definitiva, ricerche recenti hanno anche dimostrato che le tecniche avversive i metodi non si traducono in cani meglio addestrati; rendendo così obsoleti i tradizionali metodi di addestramento del cane avversivo”.

La ricerca ha sollevato preoccupazioni sul benessere del cane. In un piccolo studio, i cani addestrati con ricompense sembravano essere più giocosi e più bravi nell’apprendere un nuovo comportamento rispetto ai cani i cui proprietari riferivano di usare punizioni.

In un altro, i cani addestrati con strumenti avversivi erano, come dicono i ricercatori, più “pessimisti” rispetto ai cani che non lo erano, in base alla loro esitazione nell’avvicinarsi a una ciotola di cibo. Alcune prove suggeriscono anche che l’uso della punizione durante l’addestramento può diminuire il legame tra il proprietario di un cane e il suo cane.

Una revisione della letteratura del 2017 ha confermato che, nel complesso, esistono rischi per il benessere associati alla punizione positiva. Ma la revisione ha anche rilevato limitazioni nella ricerca disponibile. Un punto debole: molti studi si basano sui sondaggi dei proprietari per determinare come vengono trattati i cani, rendendo difficile valutare oggettivamente gli effetti dei metodi di addestramento.

I proprietari intervistati potrebbero, ad esempio, variare nel modo in cui definiscono la punizione. Questi studi sono anche in gran parte correlazionali, collegando il trattamento auto-riferito dei cani al loro comportamento (anch’esso auto-riferito).

Non tutti gli studi condividono questa limitazione, incluso uno studio sponsorizzato dal governo in Inghilterra che ha confrontato direttamente due approcci di formazione. I ricercatori dell’Università di Lincoln hanno reclutato due tipi di formatori: quelli consigliati dai produttori di collare elettronico e quelli che usano il rinforzo positivo.

Gli addestratori hanno lavorato con 93 cani che avevano difficoltà a rispondere ai loro proprietari quando venivano chiamati, scegliendo invece di inseguire il bestiame, correre dietro ad altri cani o semplicemente ignorare qualsiasi richiesta di accorrere.

Alla fine dello studio, i proprietari di cani di entrambi i gruppi erano soddisfatti dei risultati: oltre il 90% ha riferito ai ricercatori di aver visto un miglioramento nel ricordo del proprio cane. Tuttavia, i ricercatori hanno anche notato più segni di stress nel gruppo del collare elettronico, inclusi sbadigli e, in alcuni cani, guaiti. In un secondo studio che ha esaminato i video realizzati durante la prova iniziale, il team ha scoperto che i cani addestrati utilizzando il rinforzo positivo avevano tempi di risposta più rapidi.

Alcuni hanno criticato il lavoro, tuttavia. Rebecca Sargisson, psicologa dell’Università di Waikato in Nuova Zelanda, ha pubblicato un commento al secondo studio con un coautore che ne ha messo in discussione i metodi e le conclusioni. I test di richiamo, ha osservato, sono stati per lo più eseguiti con cani al guinzaglio lungo, il che non mostrava necessariamente come si sarebbero comportati senza guinzaglio e i ricercatori non hanno misurato le prestazioni di base.

Sargisson ha anche espresso preoccupazione per i divieti totali per i collari elettronici. In Nuova Zelanda, ad esempio, i dispositivi vengono utilizzati con successo per insegnare ai cani da caccia a stare lontano dai kiwi, l’uccello nazionale in pericolo di estinzione e incapace di volare. Ma, ha aggiunto, i collari elettronici non dovrebbero ancora essere prontamente disponibili online e nei negozi di animali.

Cooper ha affermato che nei casi in cui sono in gioco specie in via di estinzione, la critica fa un “punto giusto” e il suo team di ricerca ha pubblicato una risposta dettagliata al commento. Alcuni istruttori di rinforzo positivo notano ulteriori rischi nell’uso di collari antiurto.

Kat Camplin, un’addestratrice di cani con sede a Redding, in California, ha affermato di aver lavorato con cani che avevano seguito un addestramento con serpenti a sonagli, in cui i cani rimangono shockati dopo aver annusato un serpente, ma poi erano anche terrorizzati da cose che non sono serpenti, come le manichette da giardino .

Tuttavia, alcuni addestratori di cani non sono convinti dal crescente corpo di ricerche. Ralf Weber, un allenatore con sede nel sud della California che utilizza sia collari elettronici che ricompense basate sul gioco, è scettico sulle conclusioni che i sostenitori del rinforzo positivo traggono dalla letteratura.

Cani, addestramento e dati scientifici

cani

Ha detto che sono risultati selezionati per supportare la loro posizione, aggiungendo che l’apprendimento può essere stressante per i cani indipendentemente dal metodo (ha indicato uno studio controverso in cui un segnale verbale che indica che un cane non si è comportato come desiderato era associato a livelli di cortisolo rispetto a uno shock da collare elettronico).

Sebbene Weber riconosca che l’uso improprio del collare elettronico è diffuso, “Posso andare su YouTube e trovare centinaia di video di persone a cui non dovrebbe essere consentito avere questi cani di cui abusano a destra e a manca”, sostiene che sono uno strumento prezioso per alcuni casi, come impedire a un cane di inseguire la fauna selvatica.

È difficile progettare uno studio perfetto per testare i due approcci, ha affermato Johnson. I ricercatori dovrebbero reclutare addestratori qualificati, assicurarsi che gli approcci di addestramento siano applicati in modo coerente e controllare le differenze nelle abilità e nella personalità del cane: un’impresa enorme.

“La cosa fondamentale di cui cerco di essere consapevole con la mia comprensione scientifica è che posso riconoscere che la punizione funziona”, ha detto Johnson. Il problema, ha aggiunto, è che nel momento in cui un proprietario applica quell’approccio “è così contorto, vago, impreciso e diluito”, che alla fine potrebbe danneggiare il cane.

Mentre ricercatori e formatori discutono su cosa togliere dagli studi sul benessere, i sostenitori continuano a spingere per una regolamentazione. Phifer ha affermato che se uno o due stati adottassero il modello di legislazione dell’Alliance for Professionalism in Dog Training, sarebbe probabilmente più facile per gli altri seguirne l’esempio.

Tuttavia, anche tra le organizzazioni professionali, si discute su quale sia il modo migliore per proteggere cani e consumatori. Se dovessi chiedere a 100 addestratori di cani, “otterrei 100 opinioni diverse su quale dovrebbe essere la linea da seguire”, ha affermato Benjamin Bennink, addestratore di cani e vicepresidente dell’Association of Professional Dog Trainers.

Ma, ha aggiunto, dovrebbe esserci una qualche forma di regolamentazione: “Non andresti da un dentista senza licenza, non andresti nemmeno da un idraulico o un elettricista senza licenza”. Alcuni sostengono che andando direttamente da nessuna regolamentazione ai requisiti di licenza è un salto troppo grande.

Kathrine Christ, direttore esecutivo dell’Associazione internazionale dei consulenti per il comportamento animale, ha affermato che sarebbe preferibile iniziare con regolamenti limitati che migliorano la responsabilità per i formatori rispetto ai requisiti di licenza.

“Non siamo necessariamente pronti a fare un passo verso la promozione di licenze o promuovere, sai, tipi di regolamentazione invadenti, prima di poterti dire che A, vale i soldi per il contribuente o B, vale i soldi e il costo per le persone e la professione”, ha detto.

A riprova, ha condiviso un documento della Brookings Institution in cui si rilevava che le licenze professionali in altre professioni fornivano scarsi vantaggi in termini di qualità del servizio e sicurezza. Weber ha affermato che l’industria dell’addestramento dei cani è attualmente “uno spettacolo di merda assoluta” e sostiene le licenze, ma si preoccupa di come farlo senza creare un “problema più grande su tutta la linea”.

I limiti a strumenti come collari elettronici e collari a punta, ha aggiunto, hanno avuto conseguenze indesiderate in alcuni paesi. In Germania, ad esempio, il divieto di un tipo di collare ha costretto le forze dell’ordine a tirare fuori dalle strade i cani della polizia, che erano stati addestrati a rispondere ai collari, mentre gli addestratori di sport cinofili in Finlandia si sono rivolti a strumenti di punizione più severi come i pungoli per bestiamei.

cani

Invece di divieti assoluti, Weber e Johnson propongono entrambi un punto di partenza diverso: l’istruzione di base per gli addestratori di cani. Weber ha affermato che l’Australia potrebbe essere un buon modello, dove una certificazione riconosciuta a livello nazionale richiede che i formatori seguano corsi di scienze comportamentali.

Per quanto riguarda il superamento delle divisioni nella comunità di formazione, Bennink ha affermato che le organizzazioni possono pubblicare tutti i dati e le dichiarazioni di posizione che desiderano, ma alla fine della giornata, i formatori devono semplicemente mostrare cosa possono fare.

“Se ti sto letteralmente mostrando che questo cane ora può farlo”, ha detto riguardo all’insegnamento di un nuovo comportamento, “questo convincerà più persone di, sfortunatamente, qualsiasi quantità di dati scientifici”.

che ne pensi delle ricerche sui nostri amici pelosi? Facci sapere nei commenti!

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI