gene SRC-3, glioblastoma, ranitidina, piccola molecola, cancro al seno, biopsia

Cancro: il rischio diminuisce dopo 10 anni senza sigarette

Diversi studi hanno dimostrato l'importanza di smettere di fumare per un lungo periodo per abbattere il rischio di incorrere in un cancro

Secondo uno studio la cessazione prolungata del fumo è associata a una riduzione del rischio di cancro dopo 10 anni dalla cessazione del fumo. Eunjung Park, Ph.D., del National Cancer Center Graduate School of Cancer Science and Policy di Goyang, Corea del Sud, e colleghi hanno esaminato l’andamento temporale del rischio di cancro in base al tempo trascorso dalla cessazione del fumo in uno studio di coorte retrospettivo che ha coinvolto 2.974.820 persone. Partecipanti coreani di età pari o superiore a 30 anni.

gene SRC-3, glioblastoma, ranitidina, piccola molecola, cancro al seno

Il risultato della ricerca è stato pubblicato online su JAMA Network Open.

Cancro: perché è fondamentale smettere di fumare

I ricercatori hanno confermato 196.829 casi di cancro durante un follow-up medio di 13,4 anni. Coloro che avevano smesso completamente avevano un rischio inferiore di cancro rispetto ai fumatori continuativi, con un rapporto di rischio di 0,83 per tutte le sedi di cancro e 0,58, 0,73, 0,86 e 0,80 rispettivamente per polmone, fegato, stomaco e colon-retto.

Il rischio di cancro era leggermente elevato nei 10 anni successivi alla cessazione del fumo rispetto a quello continuato a fumare e poi diminuiva nel tempo; dopo 15 o più anni, il rischio raggiungeva il 50% di quello associato al fumo continuato.

Il rischio di cancro ai polmoni è diminuito tre anni prima rispetto a quello di altri tipi di cancro ed è stata osservata una riduzione relativa maggiore. Una maggiore riduzione del rischio di cancro al polmone è stata osservata in associazione con l’abbandono prima dei 50 anni rispetto all’età di 50 anni o più (rapporti di rischio, 0,43 e 0,61, rispettivamente).

“I nostri risultati sottolineano l’importanza di promuovere la cessazione del fumo, offrendo supporto e risorse adeguati per una cessazione prolungata e incoraggiando la cessazione in tenera età per ridurre il rischio di cancro”, scrivono gli autori.

Gli ex fumatori evitano più della metà dell’eccesso di mortalità cardiovascolare, cancro e respiratoria associata al fumo attuale entro il primo decennio dopo aver smesso.

Blake Thomson, D.Phil., e Farhad Islami, MD, Ph.D., dell’American Cancer Society di Atlanta, hanno esaminato l’associazione tra gli anni trascorsi da quando hanno smesso di fumare e la mortalità . I fumatori attuali e quelli che non avevano mai fumato sono stati confrontati con gli ex fumatori che avevano smesso da 1 a 9, da 10 a 19, da 20 a 29 e 30 o più anni prima del reclutamento per decessi cardiovascolari, per cancro e respiratori in età compresa tra 25 e 89 anni.

I ricercatori hanno identificato 11.860 decessi cardiovascolari, 10.935 tumori e 2.060 decessi respiratori durante 5,0 milioni di anni-persona di follow-up nei 438.015 adulti inclusi. I rapporti tra i soggetti attuali e quelli che non avevano mai fumato erano 2,30, 3,38 e 13,31 rispettivamente per la mortalità cardiovascolare, per cancro e respiratoria. Gli ex fumatori hanno evitato rispettivamente il 64%, il 53% e il 57% dell’eccesso di mortalità cardiovascolare, per cancro e respiratoria associata al fumo attuale entro il primo decennio dopo aver smesso, con ulteriori benefici accumulati nel tempo.

Un eccesso di mortalità cardiovascolare minimo o nullo è stato osservato tra i 20 e i 29 anni dopo aver smesso di fumare tra gli ex fumatori. Gli ex fumatori hanno evitato circa il 100%, il 93% e il 97% dell’eccesso di mortalità cardiovascolare, per cancro e respiratoria associata al fumo continuato rispettivamente dopo 30 o più anni di cessazione del fumo .

“Questi risultati sottolineano che con la cessazione prolungata, i tassi di mortalità causa-specifica tra gli ex fumatori potrebbero alla fine avvicinarsi a quelli dei non fumatori “, scrivono gli autori.

Cancro , glioblastoma, interferone gamma, raggi x, piccola molecola, effetto zanzara, cancro al seno, chemioterapia

Iniziare a fumare a qualsiasi età è associato a un aumento del tasso di mortalità per cancro, mentre smettere, soprattutto in età più giovane, può evitare la maggior parte di questo rischio.

Blake Thomson, D.Phil., dell’American Cancer Society di Atlanta, e colleghi hanno condotto uno studio prospettico di coorte per esaminare la correlazione tra l’età all’inizio e alla cessazione del fumo e la mortalità per cancro tra i 25 ei 79 anni.

I ricercatori hanno riscontrato 10.014 decessi per cancro di età compresa tra 25 e 79 anni tra 410.231 partecipanti con 3,7 milioni di anni-persona di follow-up. Il rapporto complessivo del tasso di mortalità per cancro associato ai fumatori era di 3,00 rispetto ai non fumatori.

I rapporti di tasso erano 4,01, 3,57, 3,15, 2,86 e 2,44 per coloro che iniziavano rispettivamente a età inferiori a 10, da 10 a 14, da 15 a 17, da 18 a 20 e da 21 anni in su. Se questi eccessi fossero interpretati principalmente come causali, il fumo rappresenterebbe rispettivamente il 75 e il 59% delle morti per cancro tra coloro che iniziano a fumare prima di 10 anni e all’età di 21 anni o più.

Rispetto ai non fumatori, i rapporti di tasso erano 0,95, 1,23, 1,45 e 1,88 per chi smetteva di fumare all’età di 15-34 anni, 35-44, 45-54 e 55-64 anni, rispettivamente, con il risultato di evitare circa 100, 89, 78, e il 56% dell’eccesso di rischio di mortalità per cancro osservato in associazione al fumo continuato.

“La diffusa cessazione del fumo tra gli individui che attualmente fumano potrebbe ridurre sostanzialmente la mortalità per cancro nei prossimi anni”, ha affermato Thomson in una nota.

Il fumo ha un impatto negativo sulla sopravvivenza a lungo termine dopo il cancro al seno. Smettere di fumare dopo la diagnosi può ridurre il rischio di morire di cancro al seno.

Questo studio mirava a esaminare se il fumo al momento della diagnosi e i cambiamenti nel fumo entro cinque anni dalla diagnosi fossero associati alla mortalità per tumore al seno a lungo termine .

In uno studio condotto su una popolazione di 1.508 donne di Long Island affette da tumore al seno , i soggetti sono stati intervistati e sono state poste una serie di domande, tra cui sull’abitudine al fumo . Al follow-up quinquennale, i partecipanti hanno risposto alle stesse domande, che chiedevano informazioni sul periodo di tempo trascorso dal questionario originale.

Sebbene i tassi di sopravvivenza al cancro al seno negli Stati Uniti siano elevati, stimati al 90% a cinque anni dalla diagnosi, circa 40.000 donne moriranno di cancro al seno nel 2017. Ciò rende il tumore al seno la seconda causa principale di morte correlata al tumore tra le donne.

Rispetto ai non fumatori , il rischio di mortalità per tutte le cause era elevato nel 19% dei fumatori alla diagnosi. Il rischio di mortalità per tutte le cause era ulteriormente aumentato tra l’8% delle donne che erano fumatrici prima o dopo la diagnosi, ma era ridotto tra l’11% delle donne che avevano smesso di fumare dopo la diagnosi.

Rispetto alle non fumatrici, il fumo al momento della diagnosi di cancro al seno era associato ad un aumento del rischio di mortalità per tutte le cause del 69%. Il rischio di mortalità per tutte le cause era aumentato del 50% per i fumatori attuali che fumavano meno di 20 sigarette al giorno e dell’85% per i fumatori attuali che fumavano più di 20 sigarette al giorno. La mortalità per tutte le cause è aumentata anche tra gli ex fumatori e tra i fumatori attuali che fumavano da più di 30 anni.

Cancro, raggi X, piccola molecola

Il rischio di mortalità per tutte le cause era elevato del 130% tra le donne che continuavano a fumare dopo la diagnosi rispetto a quelle che non avevano mai fumato. Sebbene il rischio di mortalità per tutte le cause sia rimasto elevato tra le donne che hanno smesso di fumare dopo la diagnosi, l’aumento del rischio di mortalità è stato stimato all’83% rispetto alle non fumatrici. Modelli simili sono stati osservati per il rischio di mortalità specifica per tumore al seno, che era elevato del 60% tra le donne che avevano continuato a fumare dopo la diagnosi, ma non era elevato tra quelle che avevano smesso di fumare, rispetto a quelle che non avevano mai fumato.

I risultati dello studio mostrano che il fumo ha un impatto negativo sulla sopravvivenza a lungo termine dopo il tumore al seno. Per il 10-20% delle donne che erano fumatrici al momento della diagnosi di tumore al seno, smettere di fumare è un importante cambiamento comportamentale che può migliorare la sopravvivenza dopo il tumore al seno.

Tumori legati alla obesità, ranitidina, lidocaina, cancro, ILC2, chemioterapia

“Gli studi sul fumo e sulla sopravvivenza del tumore al seno si sono generalmente concentrati sul fumo al momento della diagnosi come indicatore prognostico”, ha affermato l’autore dello studio, il dottor Humberto Parada dell’Università della Carolina del Nord a Chapel Hill. cambiamenti nel fumo e mostrano che smettere di fumare dopo la diagnosi può essere importante per migliorare la sopravvivenza tra le donne con tumore al seno. Gli studi futuri dovrebbero continuare a studiare i meccanismi attraverso i quali il fumo influisce sulla sopravvivenza specifica del tumore al seno .

Le potenziali coorti di sopravvivenza come questa “aiutano a quantificare il carico di mortalità affrontato dai fumatori attivi affetti da tumori maligni che tradizionalmente non si ritiene siano legati al fumo”, hanno scritto Michael N. Passarelli e Polly A. Newcomb in un editoriale che accompagna lo studio. “La prova che la cessazione del fumo apporta benefici anche a coloro che smettono subito dopo la diagnosi dovrebbe servire da motivazione continua per le sopravvissute al tumore al seno a perseguire cambiamenti positivi nel comportamento sanitario”.

Cosa ne pensi di questo studio? Vorresti avere più informazioni al riguardo? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI