Cancro ovarico: scoperto l’esordio nelle donne ad alto rischio

Un gruppo di ricerca di scienziati Cedars-Sinai Board of Governors Regenerative Medicine Institute, ha sviluppato un organoide che ripropone i tessuti delle tube di Fallopio grazie al quale è possibile individuare anche con un anticipo di diversi anni, quale donna sarà colpita da tumore alle ovaie. Grazie a questa informazione, sarà possibile attivare tutte le misure preventive per bloccare lo sviluppo della neoplasia o riuscire a trattare il cancro nella sua fase embrionale. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Cell Reports

Naviga tra i contenuti

Un team di scienziati del Cedars-Sinai Board of Governors Regenerative Medicine Institute, osservando delle cellule staminali, ha rivelato le origini di un comune cancro ovarico sviluppando in laboratorio i tessuti delle tube di Falloppio, consentendo loro di caratterizzare come una mutazione genetica esponga le donne ad alto rischio a questo tumore.

Cancro ovarico

I tessuti creati, noti come organoidi, hanno il potenziale per prevedere quali individui svilupperanno il cancro ovarico anni o addirittura decenni prima, consentendo strategie di diagnosi e prevenzione precoci.

I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Cell Reports.

Prevenzione del cancro ovarico: ecco cosa dice la ricerca

Il cancro ovarico è la principale causa di decessi per cancro ginecologico negli Stati Uniti, in parte perché i sintomi sono spesso impercettibili e la maggior parte dei tumori elude il rilevamento fino a quando non sono in fasi avanzate e si sono diffusi oltre le ovaie.

Cancro ovarico

Il rischio nel corso della vita di sviluppare ul cancro ovarico è inferiore al 2% per la popolazione femminile generale, il rischio stimato per le donne che portano una mutazione nel cosiddetto gene BRCA-1 è tra il 35% e il 70%, secondo l’American Cancer Society.

Di fronte a probabilità così elevate, alcune donne con mutazioni BRCA-1 scelgono di rimuovere chirurgicamente il seno o le ovaie e le tube di Fallopio anche se potrebbero non sviluppare mai tumori in questi tessuti. 

I nuovi risultati dello studio potrebbero aiutare i medici a individuare quali di queste donne hanno maggiori probabilità di sviluppare il cancro ovarico in futuro, e quali no, e a perseguire nuovi modi per bloccarne il processo o curare il cancro.

“Abbiamo creato questi organoidi di Falloppio utilizzando cellule di donne con mutazioni BRCA-1 che avevano un cancro ovarico“, ha spiegato Clive Svendsen, Ph.D., direttore esecutivo del Cedars-Sinai Board of Governors Regenerative Medicine Institute. “I nostri dati supportano ricerche recenti che indicano che il cancro ovarico in queste pazienti inizia effettivamente con lesioni cancerose nei rivestimenti delle tube di Falloppio. Se riusciamo a rilevare queste anomalie all’inizio, potremmo essere in grado di cortocircuitare il cancro ovarico”.

Svendsen, professore di scienze biomediche e medicina, è l’autore corrispondente del nuovo studio, condotto al Cedars-Sinai. L’altro autore corrispondente è Beth Karlan, MD, professore di ostetricia e ginecologia presso la David Geffen School of Medicine dell’UCLA e direttore della genetica della popolazione oncologica presso l’UCLA Jonsson Comprehensive Cancer Center.

Cancro ovarico

Per fare le loro scoperte, il team di ricerca ha generato cellule staminali pluripotenti indotte (IPSC), che possono produrre qualsiasi tipo di cellula. Hanno iniziato con campioni di sangue prelevati da due gruppi di donne: giovani pazienti con cancro ovarico che avevano la mutazione BRCA-1 e un gruppo di controllo di donne sane. I ricercatori hanno quindi utilizzato le iPSC per produrre organoidi che riproducono il rivestimento delle tube di Falloppio e hanno confrontato gli organoidi nei due gruppi.

Siamo rimasti sorpresi di trovare più patologie cellulari coerenti con lo sviluppo del cancro solo negli organoidi dei pazienti con BRCA-1″, ha affermato Nur Yucer, Ph.D., scienziato del progetto nel laboratorio di Svendsen e primo autore dello studio: “Gli organoidi derivati ​​da donne con il cancro ovarico più aggressivo hanno mostrato la patologia organoide più grave”.

Oltre a mostrare come il cancro ovarico viene “seminato” nelle tube di Falloppio delle donne con BRCA-1 mutato, la tecnologia degli organoidi può essere potenzialmente utilizzata per determinare se un farmaco potrebbe funzionare contro la malattia in un individuo, ha dichiarato Svendsen.

Ogni organoide porta i geni della persona che ha fornito il campione di sangue, rendendolo un “gemello” dei rivestimenti delle tube di Falloppio di quella persona. È possibile testare più farmaci sugli organoidi senza esporre il paziente a essi.

Cancro ovarico

“Questo studio rappresenta un uso entusiasmante degli IPSC, portandoci più vicini che mai a migliorare significativamente i risultati per le donne con questo tipo comune di cancro ovarico”, ha affermato Jeffrey Golden, MD, vice decano della ricerca e dell’istruzione universitaria e direttore del Burns and Allen Research Institute a Cedars-Sinai.

 “Basarsi su questi risultati potrebbe un giorno consentirci di fornire una diagnosi precoce e salvavita del cancro ovarico nelle donne portatrici della mutazione BRCA-1 e creare strategie di prevenzione e trattamento efficaci e individualizzate, se necessario“, ha concluso lo scienziato.

Secondo un recente studio che raccoglie dati da 1.000 donne in 39 paesi, è probabile che il numero di donne a cui verrà diagnosticato un cancro ovarico salirà a 371.000 nuovi casi all’anno entro il 2035 .

Al momento non esiste un modo semplice per eseguire uno screening accurato del cancro ovarico. I sintomi più comuni – tra cui disagio nell’addome o nell’area pelvica, sensazione persistente di gonfiore, perdita di appetito, necessità di urinare più spesso o più urgentemente – sono a volte erroneamente diagnosticati come disturbi gastrointestinali. Per questo motivo la maggior parte dei pazienti viene identificata solo nelle fasi avanzate, quando la malattia diventa più difficile da trattare.

Cancro ovarico

Aumentare la consapevolezza dei sintomi e dei rischi del cancro ovarico tra il pubblico in generale potrebbe aiutare a ridurre i ritardi nella diagnosi. Due terzi delle donne intervistate nello studio Every Woman non avevano mai sentito parlare di cancro ovarico né ne sapevano nulla. Un quarto ha aspettato tre mesi o più prima di visitare un medico con i suoi sintomi e uno su 10 ha aspettato più di sei mesi. Coloro che hanno contribuito direttamente ai propri costi sanitari avevano meno probabilità di chiedere aiuto a un medico.

Consultato nell’ambito dello studio, il ginecologo oncologo Dr Manas Chakrabarti ha descritto l’impatto devastante della diagnosi tardiva:“Nella maggior parte dei casi (che si presentano come un’emergenza) le pazienti non sono abbastanza idonee a ricevere qualsiasi parte del percorso di gestione – per vedere il buon effetto del trattamento dobbiamo essere in grado di far sopportare al paziente le due modalità di trattamento, ma in molti casi la salute generale non lo consente, quindi siamo sconfitti in primo luogo, un dato sconvolgente sia per i pazienti che per noi”.

Combinando i dati di due studi, si stima che una donna su sei perda la vita entro tre mesi dalla diagnosi di cancro ovarico. Il cancro ovarico infatti ha purtroppo le prospettive di sopravvivenza più basse di tutti i tumori che colpiscono le donne, con tassi di sopravvivenza a cinque anni compresi tra il 30% e il 50%. In confronto, più dell’80% delle donne con cancro al seno sopravviverà per cinque anni o più in molti paesi.

La prognosi per la sopravvivenza a lungo termine può essere scarsa utilizzando trattamenti tradizionali come la chirurgia e la chemioterapia. Tuttavia, lo sviluppo e l’identificazione in corso di terapie mirate per tumori ginecologici potrebbero rivoluzionare il trattamento e aumentare significativamente i tassi di sopravvivenza per le donne con cancro ovarico.

Cancro ovarico

Nuovi progressi della microbiologia hanno portato allo sviluppo di agenti mirati, in grado di individuare le vie di segnalazione delle cellule tumorali, dello stroma e del sistema vascolare nei tessuti tumorali.

Le terapie mirate hanno aperto la possibilità che un giorno ci sarà una cura per i tumori ginecologici. Tuttavia, ora è necessaria un’azione urgente per ridurre i ritardi nella diagnosi e offrire alle donne di tutto il mondo le migliori possibilità di sconfiggere il cancro ovarico.

Riuscire a prevedere l’esordio del tumore alle ovaie è un grande passo avanti per l’oncologia di precisione. Saresti disposta ad collaborare per una riproduzione gemella del tessuto delle tube di Fallopio per avere informazioni preventive sul tuo stato di salute? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI