Cancro del colon retto: trovato legame biologico con la carne rossa

La scoperta del legame biologico tra tumore al colon retto ed un consumo massivo di carne rossa ha portato ad individuare il percorso secondo il quale si sviluppa il cancro: questo apre nuove frontiere nella ricerca di farmaci che interrompono o invertono il processo, prevenendo la malattia

È ormai assodato che per prevenire il cancro del colon retto sia meglio moderare il consumo di carne rossa, ma quello che ancora gli scienziati non riuscivano a spiegare era la modalità con la quale si generava la mutazione delle cellule.

Cancro del colon retto

Un nuovo studio ha identificato modelli specifici che danneggiano il DNA e sono innescati da diete ricche di carne rossa, implicando ulteriormente il cibo come cancerogeno, preannunciando la possibilità di rilevare precocemente il cancro e progettare nuove terapie più mirate.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Cancer Discovery.

Ecco cosa dice il nuovo studio tra il legame del cancro del colon retto e il consumo di carne rossa

Studi precedenti avevano osservato che il legame fosse prettamente epidemiologico, il che significa che gli individui che hanno sviluppato la condizione sono stati interrogati sulle loro abitudini alimentari e i ricercatori hanno individuato associazioni con l’ incidenza del cancro del colon retto. Ma la mancanza di chiarezza sulla biologia significava che il caso non era del tutto chiaro, e nel 2019, un team di ricercatori ha fatto scalpore quando ha dichiarato di avere solo un “basso” grado di certezza che la riduzione del consumo avrebbe prevenuto le morti per cancro.

Cancro del colon retto

Quando diciamo che la carne rossa è cancerogena e che ha un impatto sull’incidenza del cancro del colon retto, deve esserci un modo plausibile in cui lo fa”, ha dichiarato all’AFP l’oncologo del Dana-Farber Cancer Institute, Marios Giannakis, che ha guidato il nuovo studio. Per colmare il divario di conoscenze, Giannakis e i suoi colleghi hanno sequenziato i dati del DNA di 900 pazienti con cancro del colon-retto, che sono stati scelti da un gruppo molto più ampio di 280.000 operatori sanitari che hanno partecipato a studi di anni che includevano indagini sullo stile di vita.

L’analisi ha rivelato una distinta firma mutazionale, un modello che non era mai stato identificato prima, ma era indicativo di un tipo di danno al DNA chiamato “alchilazione“. Non tutte le cellule che contengono queste mutazioni diventeranno necessariamente cancerose e la firma era presente anche in alcuni campioni di colon sani.

La firma della mutazione era significativamente associata all’assunzione di carne rossa, sia lavorata che non trasformata, prima della diagnosi di cancro del colon retto del paziente, ma non con l’assunzione di pollame, pesce o altri fattori di stile di vita esaminati: “Con la carne rossa, ci sono sostanze chimiche che possono causare alchilazione”, ha spiegato Giannakis. I composti specifici sono composti nitroso che possono essere ottenuti dall’eme, che è abbondante nella carne rossa, così come i nitrati, che si trovano spesso nella carne lavorata.

I modelli di mutazione erano fortemente associati al colon distale, la parte inferiore dell’intestino che conduce al canale anale, che è il luogo in cui la ricerca passata suggeriva che si verificasse principalmente il cancro del colon legato alla carne rossa. Inoltre, tra i geni che sono stati più colpiti dai modelli di alchilazione c’erano quelli che ricerche precedenti hanno dimostrato essere tra i fattori più comuni del cancro del colon-retto quando mutano. Prese nel loro insieme, le molteplici linee di prova costruiscono un argomento convincente, ha detto Giannakis, paragonando la ricerca a un attento lavoro investigativo.

In questo caso, la firma della mutazione sospetta ha molto di cui rispondere: i pazienti i cui tumori avevano i più alti livelli di danno da alchilazione avevano un rischio maggiore del 47% di morte specifica per cancro del colon-retto, rispetto ai pazienti con livelli di danno più bassi. Ma Giannakis, anche lui medico praticante, ha affermato che è importante concentrarsi su come la ricerca può essere utilizzata per aiutare i pazienti.

Il lavoro futuro potrebbe aiutare i medici a identificare quali pazienti sono geneticamente predisposti all’accumulo di danni da alchilazione, quindi consigliare loro di limitare l’assunzione di carne rossa. Identificare i pazienti che hanno già iniziato ad accumulare la firma mutazionale potrebbe aiutare a identificare chi è a maggior rischio di sviluppare il cancro o contrarre la malattia in una fase precedente. E poiché la quantità di danno da alchilazione sembra essere un biomarcatore della sopravvivenza del paziente, potrebbe essere utilizzata per informare i pazienti della loro prognosi.

Infine, comprendere il percorso biologico attraverso il quale si verifica il  cancro colon-retto apre la strada a farmaci che interrompono o invertono il processo, prevenendo la malattia.
Giannakis ha sottolineato che il messaggio da asporto non è che le persone dovrebbero astenersi totalmente dalla carne rossa : “La mia raccomandazione sarebbe che la moderazione e una dieta equilibrata siano fondamentali”. Alti livelli di danno da alchilazione tumorale sono stati osservati solo tra i pazienti che mangiavano in media più di 150 grammi (cinque once) al giorno, all’incirca pari a due o più porzioni.

Cosa ne pensi di questa nuova ricerca? Ti convince che il consumo di carne rossa causi il cancro del colon retto? Dicci cosa ne pensi nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI