Campylopterus phainopeplus

Campylopterus phainopeplus: dal 2010 eccolo riapparire

Una specie che si credeva estinta o comunque sull'orlo dell'estinzione, è stata finalmente rivista dopo ben 12 anni

Uno dei più rari “uccelli perduti” sul pianeta Terra, il Campylopterus phainopeplus, è stato avvistato per la prima volta dopo anni, dando agli ambientalisti la speranza che le meravigliose specie potrebbero non essere sull’orlo dell’estinzione come si pensava fino a poco tempo fa.

Campylopterus phainopeplus

La sciabola di Santa Marta (Campylopterus phainopeplus) –un colibrì dai colori verde smeraldo e blu elettrico– è stata recentemente ripresa da un birdwatcher locale nelle montagne della Sierra Nevada de Santa Marta in Colombia, secondo un annuncio di Re:wild.

“Questo avvistamento è stata una sorpresa completa, ma molto gradita”

ha detto in una dichiarazione Yurgen Vega, che ha fatto la riscoperta studiando gli uccelli endemici nella Sierra Nevada de Santa Marta.

“Mentre stavo lasciando l’area in cui avevo lavorato, un colibrì ha attirato la mia attenzione. Ho tirato fuori il binocolo e sono rimasto scioccato nel vedere che si trattava di una sciabola di Santa Marta, e con un incredibile colpo di fortuna il colibrì si è appollaiato su un ramo dandomi il tempo di scattare foto e video”.

Cos’altro c’è da sapere sul Campylopterus phainopeplus

Campylopterus phainopeplus

Il Campylopterus phainopeplus è una specie così sfuggente che è stata documentata in natura solo una manciata di volte: una volta quando è stata scoperta per la prima volta dagli scienziati nel 1946, poi di nuovo nel 2010, quando sono state scattate le prime foto in assoluto della specie in natura.

Tuttavia, c’è da ricordare che, nel corso degli anni, c’è stata un’infarinatura di possibili avvistamenti tuttavia questi non sono mai stati confermati da prove oggettive, pertanto non sono stati ufficialmente riconosciuti.

Temendo che il Campylopterus phainopeplus potesse essersi estinto, la specie è stata aggiunta al progetto Re:wild Search for Lost Birds che si proponeva di trovare 10 uccelli che non avevano un avvistamento confermato da un decennio o più.

“È così incredibile vedere foto e video della sciabolatura di Santa Marta”

ha affermato John C Mittermeier, direttore della protezione delle specie minacciate presso l’American Bird Conservancy, il quale ha poi in seguito aggiunto:

“È come vedere un fantasma. Quando l’anno scorso abbiamo annunciato i primi 10 uccelli perduti più ricercati, speravamo che avrebbe ispirato i birdwatcher a cercare queste specie. E come mostra questa riscoperta, a volte le specie perdute riemergono quando meno ce lo aspettiamo. Si spera che riscoperte come questa ispirino azioni di conservazione”.

Campylopterus phainopeplus

Quasi nulla si sa della sciabola di Santa Marta, tranne che vivono nelle umide foreste neotropicali delle montagne della Sierra Nevada de Santa Marta ad un’altitudine compresa tra 1.200 e 1.800 metri (4.000 e 6.000 piedi).

Sono relativamente grandi per un colibrì e si distinguono per le loro vibranti piume verdi e il collo blu iridescente. Fischiano anche una canzone caratteristica, che Vega ha sentito quando ha catturato le fotografie recenti.

Sebbene questo avvistamento mantenga promesse, la specie è ancora in molti guai e rimane elencata come “in pericolo critico” nella Lista Rossa IUCN. I ricercatori sospettano che la popolazione delle sciabole di Santa Marta nella Sierra Nevada de Santa Marta sia molto piccola e molto probabilmente in diminuzione.

Se sei attratto dalla scienza o dalla tecnologiacontinua a seguirci, così da non perderti le ultime novità e news da tutto il mondo!

L’avvistamento di un esemplare di Campylopterus phainopeplus ha dato speranza e fiducia anche per altre specie similari, tuttavia cosa pensi che si possa fare per evitare situazioni simili? Parliamone qui sotto nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI