Carni rosse ed elaborate, bracciali per la pressione ad uso domestico

Bracciali per la pressione ad uso domestico sono affidabili? 

Una squadra di esperti dsll'UC San Francisco ha controllato, in un recente studio, l'efficacia dei bracciali per la pressione ad uso domestico e device tecnologicamente più innovativi. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica JAMA Internal Medicine

Una recente ricerca sviluppata dall’UC San Francisco ha controllato se i nuovi dispositivi di monitoraggio abbinati agli smartphone portassero a una migliore gestione dell’ipertensione rispetto ai bracciali per la pressione sanguigna ad uso domestico: gli stessi ricercatori sono rimasti sorpresi nello scoprire che i dispositivi più sofisticati non portano a un migliore controllo della pressione sanguigna.

Quando ad un individuo viene diagnosticata ipertensione o ipotensione, viene caldamente raccomandato dallo specialista il monitoraggio quotidiano, attraverso i classici bracciali per la pressione ad uso domestico che offrono un quadro più chiaro rispetto ai controlli più rari effettuati in uno studio specialistico.

Carni rosse ed elaborate, bracciali per la pressione ad uso domestico

I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica JAMA Internal Medicine.

Bracciali per la pressione ad uso domestico: il monitoraggio quotidiano è accurato?

I dispositivi di base, come i bracciali per la pressione ad uso domestico, visualizzano semplicemente la pressione sanguigna, mentre i modelli di fascia alta si collegano tramite Bluetooth alle app per smartphone che possono fornire visualizzazione dei dati, promemoria e altre funzionalità: “Riteniamo che questo studio sia importante perché fornisce risposte pratiche nel mondo reale a medici e pazienti”, ha affermato l’autore corrispondente Mark J. Pletcher, MD, MPH, Professore di epidemiologia e biostatistica della UCSF.

Pressione sanguigna, bracciali per la pressione ad uso domestico

Se lasciata incontrollata, l’ipertensione può portare a infarto e ictus, ma meno della metà dei pazienti con questa condizione ha il controllo. Gli studi dimostrano che la pressione sanguigna incontrollata contribuisce a mezzo milione di morti ogni anno, solo negli Stati Uniti. Tuttavia, quando i pazienti cercano online per acquistare i bracciali per la pressione ad uso domestico, possono essere sopraffatti dalle opzioni: centinaia di dispositivi, con un prezzo che varia da circa $ 25 a $ 100, sono disponibili online o nei negozi.

Durante lo sviluppo della nuova ricerca, la squadra di esperti ha confrontato l’efficacia dei due tipi di dispositivi nell’abbassare la pressione sanguigna quando utilizzati da pazienti provenienti da più di 20 centri medici in tutto il paese.

I ricercatori hanno inviato casualmente bracciali per misurare la pressione ad uso domestico o un popolare dispositivo abilitato Bluetooth a più di 2.000 pazienti con pressione alta m, di cui circa un terzo identificato come nero o ispanico. Per replicare le circostanze del mondo reale, i ricercatori non hanno cercato di influenzare il modo in cui i medici hanno gestito i pazienti o il modo in cui i pazienti hanno utilizzato i dispositivi.

“Ci sono stati molti studi che suggeriscono che con il monitoraggio domiciliare, maggiore è il supporto e la presa in mano che dai, migliori risultati si ottengono per il controllo della pressione sanguigna. Ma la maggior parte di questi programmi è davvero difficile e costosa da implementare”, ha affermato Pletcher: “Pensavamo che la tecnologia disponibile in commercio potesse aiutare fornendo ai pazienti promemoria per controllare la pressione sanguigna e la capacità di visualizzare e comprendere i dati”.

Dopo sei mesi, i pazienti che hanno ricevuto il bracciale base avevano abbassato la pressione sanguigna di 10,6 mmHg e quelli che hanno ricevuto l’app per smartphone avevano abbassato la pressione sanguigna di 10,8 mmHg, secondo misurazioni della pressione sanguigna effettuate durante le visite dei medici e registrate nella electronic health records.

Non è stata riscontrata alcuna differenza statisticamente significativa nei miglioramenti che i pazienti hanno visto o nella loro soddisfazione per i dispositivi. La diversità razziale ed etnica dello studio è importante perché la gestione irregolare dell’ipertensione gioca un ruolo significativo nell’effetto sproporzionato che la malattia cardiovascolare ha sulle comunità nere. Nei pazienti di razza ed etnia auto-riferiti, lo studio ha rilevato che la nuova tecnologia non ha superato i polsini di base.

Sostanze chimiche PFAS, bracciali per la pressione ad uso domestico

I risultari ottenuti dalla ricerca hanno permesso ai medici di consigliare con sicurezza ai loro pazienti di acquistare e utilizzare il dispositivo di monitoraggio della pressione sanguigna che preferiscono, sua esso uno dei bracciali per la pressione ad uso domestico o un se ICE tecnologicamente più avanzato, hanno dichiarato i ricercatori coinvolti nello studio. I pazienti che preferiscono risparmiare denaro o evitare il fastidio di collegare un dispositivo non limiteranno i loro potenziali benefici per la salute.

“C’è un problema di costi con i dispositivi Bluetooth e il tempo e lo sforzo necessari per connetterli a uno smartphone non sono davvero banali. A quanto pare, non sembra esserci alcun vantaggio in tutto ciò”, ha affermato Pletcher. “Quello che sembra importare è l’impegno e il supporto degli operatori sanitari”. La discriminante dunque non è l’efficacia, ma il costo dei device dedicati alla misurazione della pressione.

Si può quindi evincere che gli economici bracciali per la pressione ad uso domestico sono affidabili quanto i dispositivi più sofisticati dal punto di vista tecnologico. La squadra di studiosi sta continuando a cercare di comprendere se la tecnologia può aiutare i medici a coinvolgere i pazienti nel controllo della loro ipertensione. Un’area di particolare interesse è un monitor in stile smartwatch che monitora continuamente la pressione sanguigna senza che chi lo indossa debba intervenire.

Lo studio sull’efficacia dei dispositivi di monitoraggio per la pressione sanguigna può sembrare banale ma in realtà è molto importante poiché durante la pandemia da Covid19 si è assistito ad un incremento di diagnosi di pressione alta che, come è già stato sottolineato, se trascurata può degenerare in infarti e ictus.

Eric Peterson, Professore di Cardiologia e Vice Prevosto e Senior Associate Dean for Clinical Research presso UT Southwestern,  ha dichiarato: “Le persone sono state meno attive, hanno mangiato di più e hanno bevuto di più durante la pandemia, il che ha portato a un aumento della pressione sanguigna. Il COVID ha reso difficile per le persone vedere i propri medici e modificare i farmaci”. Quindi il problema non ha riguardato solo la spesa per i bracciali per la pressione ad uso domestico, ma anche le terapie farmacologiche e l’incontro con gli specialisti.

“Anche solo pochi millimetri di variazione della pressione sanguigna possono comportare differenze misurabili nei rischi di infarto, ictus o insufficienza cardiaca. Dobbiamo tenere questi pazienti sotto un migliore controllo a lungo termine”, ha affermato il dottor Peterson. “Se questo è all’interno di un programma di pazienti in un sistema di gestione domestica digitale, riguarda quanto fosse ben controllata la pressione sanguigna nella popolazione generale. Penso che questa sia solo la punta dell’iceberg. Potrebbe essere molto peggio nella popolazione generale”.

Sostanze chimiche PFAS, bracciali per la pressione ad uso domestico

Secondo l’Epicentro ISS: “Complessivamente il 31% della popolazione italiana è iperteso e il 17% è border-line. Negli uomini i valori sono più elevati nel Nord-Est (37%) e nel Nord-Ovest (32%), nelle donne al Sud (34%). In accordo con i dati riportati in letteratura, i valori aumentano con l’avanzare dell’età e nelle donne l’aumento legato all’età è particolarmente evidente dopo la menopausa”.

“La proporzione degli ipertesi trattati è più elevata al Sud (63%) e più bassa al Nord-Ovest (49%) e al Nord-Est (51%). La proporzione degli uomini ipertesi trattati in modo adeguato varia dal 24% al Nord-Est e al Nord-Ovest, al 33% al Centro e al 29% al Sud; leggermente migliore la situazione fra le donne, 36% al Nord-Ovest, 40% al Nord-Est, 46% al Centro e 37% al Sud”. .

“Rimane elevata in tutte le aree la proporzione di uomini ipertesi non trattati: 56% al Nord-Ovest, 55% al Nord-Est, 47% al Centro e 45% al Sud; le corrispondenti proporzioni nelle donne sono 40%, 40%, 31% e 27%. È interessante notare che una proporzione elevata di ipertesi  (27%) non sa di esserlo (tale proporzione varia: 32% nel Nord-Est, 30% nel Nord-Ovest, 19% nel Centro e 24% nel Sud) e di questi la maggior parte non ha misurato la pressione nell’ultimo anno”.

Per quanto riguarda l’utilizzo corretto dei bracciali per la pressione sanguigna ad uso domestico, Marina Alimento, cardiologa all’Unità Operativa Scompenso, Cardiologia Clinica e Riabilitativa, ha dichiarato: ” Non c’è ragione di preoccuparsi. La pressione misurata al braccio destro può essere più alta fino a 10 millimetri di mercurio (mmHg) rispetto a quella misurata al sinistro per una ragione anatomica”.

“La colonna di sangue che esce dal ventricolo sinistro percorre infatti una via più lineare per raggiungere l’arteria brachiale destra, attraverso la cui pulsazione otteniamo la misura della pressione. Per raggiungere l’arteria brachiale del braccio sinistro, invece, la stessa colonna di sangue deve percorrere l’arco aortico con la sua curvatura, seguendo un tragitto più lungo e sinuoso che le fa perdere qualche millimetro di mercurio di pressione”.

Ma come si fa a comprendere se il bracciale per la pressione sanguigna ha fornito informazioni autentiche? La Professoressa Alimento ha risposto: “Teoricamente si dovrebbe considerare “vera” la misurazione che ha registrato la pressione più elevata. Tuttavia, dal punto di vista pratico, ricordiamo che generalmente gli apparecchi automatici per la misura della pressione a domicilio sono progettati per misurare a sinistra (meglio però verificare sulle istruzioni dell’apparecchio): in tal caso è corretto eseguire la misurazione da questo lato, anche se terremo conto che sarà registrata una pressione lievemente più bassa”.

Sostanze chimiche PFAS, bracciali per la pressione ad uso domestico

Per assicurarsi che le performances dei bracciali per la pressione siano soddisfacenti, basta seguire poche semplici indicazioni: ” Le regole sono semplici. La misurazione va effettuata dopo almeno cinque minuti di riposo, in posizione seduta, comoda, in ambiente tranquillo, a temperatura confortevole. Non bisogna aver assunto caffeina da un’ora, né avere fumato una sigaretta nel quarto d’ora precedente. Il braccio va appoggiato e il bracciale deve essere all’altezza del cuore. Le misurazioni dovrebbero essere due a distanza di almeno due minuti”.

Hai mai utilizzato i bracciali per la pressione sanguigna ad uso domestico? Li hai trovati affidabili? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI