Bambini dopo il covid19 rischiano il diabete di tipo 1 o 2

Uno studio del Center for disease control and prevention ha dimostrato che i bambini che hanno avuto il covid sono più a rischio di sviluppare il diabete un mese dopo aver contratto l'infezione. Secondo la ricerca il rischio è del 116% di probabilità in più di sviluppare il diabete rispetto ai bambini che hanno infezioni respiratorie non COVID prima della pandemia 

 I bambini che si riprendono da COVID-19 sembrano avere un rischio significativamente più elevato di sviluppare il diabete di tipo 1 o di tipo 2 secondo uno nuovo studio del Center for disease control and prevention. L’infezione da SARS-CoV-2 è associata al peggioramento dei sintomi del diabete e le persone con diabete sono maggiormente a rischio di COVID-19 grave. L’infezione da SARS-CoV-2 potrebbe anche indurre il diabete di nuova diagnosi.

Bambini covid19

Lo studio, pubblicato il 7 gennaio, ha rilevato che i bambini e gli adolescenti hanno maggiori probabilità di essere diagnosticati con il diabete un mese o più dopo l’infezione da COVID, rispetto a quelli che non avevano il COVID.

Secondo un nuovo studio del CDC, basato su un set di dati, i ricercatori hanno riscontrato un aumento di 2,6 volte dei nuovi casi di diabete tra i bambini. In un secondo set di dati, hanno riscontrato un aumento del 30%: “Anche un aumento del 30% comporta un grande rischio” ha dichiarato Sharon Saydah, autrice principale dello studio e ricercatrice del CDC.

Bambini dopo il covid19 e rischio diabete: qualche dettaglio sulla ricerca

I ricercatori hanno affermato che i bambini colpiti da Covid19 avevano anche il 116% di probabilità in più di sviluppare il diabete rispetto a quelli che avevano infezioni respiratorie non COVID prima della pandemia. L’infezione respiratoria non COVID “non è stata associata al diabete“, hanno affermato i ricercatori.

Bambini covid19

La dott.ssa Mary Pat Gallagher, direttrice del Pediatric Diabetes Center della NYU Langone, ha dichiarato a CBS News che si ritiene che alcune infezioni possano creare una “tempesta perfetta” che contribuisce allo sviluppo del diabete.

Se stai sviluppando il diabete, un’infezione ti spingerà davvero a una diagnosi più rapidamente di quanto avresti potuto sperimentare altrimenti?” ha dichiarato l’esperta “Sembra che forse ora stiamo scoprendo che il COVID è uno dei virus che forse può farlo un po’ più di altri virus”. 

Penso che sia probabile, non abbiamo i dati, ma che questi bambini stavano per sviluppare il diabete. Forse sarebbe stato tra due anni, forse sarebbe stato tra cinque anni, ma stava arrivando“. lei ha aggiunto. “E forse avere questa infezione li ha spinti verso uno sviluppo precoce della condizione“.

Lo studio del CDC, ha spiegato la dott.ssa Sheela Natesh Magge, direttrice della divisione di endocrinologia pediatrica della Johns Hopkins, aiuta ad affermare queste informazioni. Tuttavia, non chiarisce se il diabete sia stimolato dal COVID stesso o da altri fattori. Lo studio si basa sui dati delle richieste di risarcimento assicurative e non include informazioni sui fattori di rischio demografici che potrebbero aver contribuito a una diagnosi di diabete, inclusi lo stato di salute precedente, il peso e l’ambiente.

Bambini covid19

Ci sono alcune prove che l’infezione da COVID-19 potrebbe influenzare la secrezione di insulina“, ha detto la scienziata “Quindi semplicemente non sappiamo quale sia la causa dei diversi effetti della pandemia. È in realtà un’infezione o è solo la pandemia stessa e tutti i fattori sociali ad essa correlati?” 

Indipendentemente dal fatto che i casi di diabete pediatrico derivino direttamente dal virus stesso o da queste ramificazioni più ampie, Magge ha affermato che lo studio è “decisamente allarmante”, soprattutto se si considera l’impatto a lungo termine: “Penso che sottolinei che ci sono molte cose che non sappiamo su questo virus“, ha aggiunto. “Sottolinea l’importanza della prevenzione, l’importanza che tutti vengano vaccinati, perché c’è molto che non sappiamo ed è sicuramente preoccupante”. 

Il COVID, in particolare, sembra davvero mettere i bambini a rischio di chetoacidosi diabetica molto più frequentemente quando hanno il diabete di tipo 2 rispetto ad altre infezioni virali in passato“, ha detto. La chetoacidosi diabetica si verifica quando non c’è abbastanza insulina e il fegato inizia a scomporre il grasso per il carburante. Questo processo produce acidi chiamati chetoni, che possono accumularsi a livelli pericolosi, secondo il CDC.

Le differenze nei dati probabilmente derivano dai diversi modi in cui i bambini sono stati classificati come affetti da COVID-19, ha spiegato Saydah. Gli aumenti del diabete di tipo 1 e di tipo 2 sono stati osservati tra coloro che erano stati malati di COVID-19 e coloro che erano asintomatici ma sono risultati positivi.

Bambini covid19

I ricercatori non sono sicuri se il diabete di tipo 2 dopo COVID-19 sarà una condizione cronica o un problema temporaneo che si risolve poiché i bambini sono stati seguiti solo per circa quattro mesi.

Allo stesso tempo i risultati sottolineano l’importanza di vaccinare tutti i bambini idonei a vaccinarsi contro il COVID-19, utilizzare maschere e prendere le distanze per proteggere i bambini più piccoli che non sono ancora idonei e monitorare i bambini a malattie a lungo termine dopo l’infezione da COVID-19.

I segni e sintomi più comuni includono aumento della sete, minzione frequente, aumento della fame, perdita di peso involontaria, mal di stomaco, nausea, vomito e affaticamento.

Durante tutta la pandemia, l’infezione da COVID-19 è stata associata a un peggioramento dei sintomi del diabete e le persone con diabete hanno affrontato rischi maggiori di COVID-19 grave. Inoltre, diversi studi hanno riscontrato un aumento del rischio di diabete tra gli adulti che contraggono il COVID-19 e ricercatori in Europa hanno segnalato un aumento del rischio di diabete di tipo 1 tra i bambini. Tuttavia, lo studio CDC è il primo a rilevare un aumento del rischio per entrambi i tipi.

I ricercatori del CDC hanno esaminato un set di dati con indicazioni sull’assistenza sanitaria tra marzo 2020 e febbraio 2021 e hanno analizzato un altro set di dati che includeva pazienti con qualsiasi incontro sanitario possibilmente correlato a COVID-19 tra marzo 2020 e giugno 2021. Il rischio di diabete era simile in tutti i gruppi di età e genere.

Il COVID-19 può danneggiare igli organi che sono legati alla possibilità di sviluppare il diabete. Il virus potrebbe anche attaccare direttamente le cellule del pancreas e causare stress e glicemia alta durante l’infezione e alterare il metabolismo del glucosio. Anche l’aumento di peso correlato alla pandemia e il comportamento sedentario potrebbero svolgere un ruolo nell’escalation del prediabete in diabete.

Bambini covid19

Le agenzie partner e i medici nel campo dovrebbero essere consapevoli delle conseguenze a lungo termine e monitorare le persone di età inferiore ai 18 anni nei mesi successivi a un’infezione da SARS-CoV-2 per una nuova insorgenza del diabete“, hanno scritto i ricercatori.

Avevi già sentito parlare di questa ricerca? Ritieni che sia importante incentivare il vaccino anti covid anche per i bambini? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI