Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
ASH1L

I bambini ASD hanno difficoltà a riconoscere le emozioni altrui

Secondo una ricerca sviluppata Dr. Steven Stagg dell'Anglia Ruskin University (ARU) di Cambridge, in Inghilterra, e pubblicata sulla rivista scientifica Journal of Autism and Developmental Disorders i bambini con diagnosi ASD hanno difficoltà a valutare i sentimenti altrui poiché non li decodificano basandosi sul contesto nel quale vengono espressi

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

I bambini ASD valutano scorrettamente i sentimenti degli altri perché non usano il contesto per identificare le emozioni nascoste poiché per decodificarle non si basano sul contesto nel quale vengono espresse. A dichiararlo è uno studio portato avanti dal Dr. Steven Stagg dell’Anglia Ruskin University (ARU) di Cambridge, in Inghilterra.

Bambini ASD

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista scientifica Journal of Autism and Developmental Disorders.

Bambini ASD ed emozioni nascoste: ecco cosa dice la ricerca

lo studio è il primo a indagare se i bambini ASD possono riconoscere quando un’emozione sta mascherando un sentimento diverso che può essere identificato solo da segnali contestuali, ad esempio un uomo che piange è felice piuttosto che triste perché è al matrimonio di sua figlia.

Bambini ASD

Essere in grado di rilevare queste differenze tra espressione emotiva e sentimento emotivo è uno strumento essenziale per gestire efficacemente gli scambi sociali.

Condotto dal Dr. Steven Stagg dell’Anglia Ruskin University (ARU) di Cambridge, in Inghilterra, lo studio ha coinvolto 40 partecipanti dei gruppi di età compresa tra 13 e 15 anni, con 20 bambini reclutati da una scuola specializzata per bambini ASD nel Regno Unito e un gruppo di controllo di 20 bambini con sviluppo tipico di due scuole locali.

L’esperimento è stato diviso in due sezioni, con i gruppi che prima hanno mostrato fotografie di persone che mostrano emozioni statiche come paura, rabbia, felicità, tristezza, disgusto e sorpresa. Entrambi i gruppi di bambini erano ugualmente abili nell’identificare l’emozione corretta.

Bambini ASD

I partecipanti hanno poi guardato sei cortometraggi in cui un personaggio centrale mostrava un’espressione facciale che corrispondeva al contesto della scena. Più avanti nella scena, il personaggio ha mostrato un’espressione facciale che mascherava la sua espressione precedente, ma poteva essere intesa come una reazione socialmente accettabile al contesto della scena.

In una scena, un attore viene filmato mentre compra una tazza di caffè. Viene poi urtato da un altro attore, facendogli rovesciare il caffè. Il personaggio centrale mostra prima una faccia arrabbiata ma dopo aver ricevuto delle scuse mostra un sorriso forzato.

Sebbene non vi fosse alcuna differenza statistica nei punteggi dei due gruppi quando è stato chiesto di identificare le emozioni mostrate nei film, i bambini con autismo non sono stati in grado di dire correttamente come si sentiva l’attore. Ad esempio, il sorriso forzato dell’uomo nell’incidente del caffè è stato identificato come felicità.

Il dottor Stagg, docente di psicologia presso l’Anglia Ruskin University (ARU), ha dichiarato: “I nostri risultati suggeriscono che i bambini con autismo possono giudicare male i sentimenti degli altri a causa di un’eccessiva dipendenza dai segnali facciali a scapito dei segnali contestuali, piuttosto che incapacità di riconoscere le emozioni facciali”.

Bambini ASD

“In effetti, abbiamo scoperto che i bambini ASD sono altrettanto capaci dei loro coetanei in via di sviluppo nel riconoscere immagini statiche di emozioni facciali. Le persone comunemente tentano di nascondere i propri sentimenti e quindi il riconoscimento accurato delle emozioni implica l’elaborazione sia delle espressioni facciali che dei segnali contestuali”.

“Nel nostro studio, i bambini ASD hanno faticato quando è stato chiesto loro di descrivere come si sentivano gli attori. Riteniamo che ciò sia dovuto al fatto che questi bambini abbiano difficoltà a integrare la narrazione con le espressioni facciali, e invece i loro giudizi sono guidati solo dall’emozione visibile in mostra. In parte, ciò può essere dovuto alla maggiore domanda cognitiva che stimoli più complessi, come il contesto, pongono sulla capacità di elaborazione”, ha spiegato l’esperto

Si stima che nel mondo circa un bambino su 160 abbia un ASD. Questa stima rappresenta una cifra media e la prevalenza riportata varia sostanzialmente tra gli studi. Alcuni studi ben controllati hanno, tuttavia, riportato cifre sostanzialmente più elevate. La prevalenza dell’ASD in molti paesi a basso e medio reddito è sconosciuta.

Bambini ASD

Le prove scientifiche disponibili suggeriscono che probabilmente ci sono molti fattori che rendono la possibilità che un bambino abbia un a diagnosi di ASD, inclusi fattori ambientali e genetici.

I dati epidemiologici disponibili concludono che non vi sono prove di un’associazione causale tra il vaccino contro morbillo, parotite e rosolia e l’ASD. Studi precedenti che suggerivano un nesso causale erano pieni di difetti metodologici.

Inoltre, non ci sono prove che suggeriscano che qualsiasi altro vaccino per l’infanzia possa aumentare il rischio di ASD. Le revisioni delle prove della potenziale associazione tra il tiomersale conservante e gli adiuvanti di alluminio contenuti nei vaccini inattivati ​​e il rischio di ASD hanno concluso con forza che i vaccini non aumentano il rischio di ASD.

Potrebbe interessarti...

Scienze

Gene Mcr-9: rende i batteri resistenti agli antibiotici

Scienze

Cuore di maiale trapianto in un essere umano

Samsung Galaxy A52

Android 12 su Samsung Galaxy A52: update in arrivo

Honor Magic V

Honor Magic V: il pieghevole firmato Honor è in arrivo

Scienze

Gene MLL4: nuovo bersaglio per il cancro alla pelle

Realme GT 2 Pro

Realme GT 2 Pro: presentazione ufficiale il 20 dicembre

Cosa ne pensi di questo nuovo studio? Pensi sia rilevante per poter sviluppare nuovi approcci terapeutici per i bambini con diagnosi di autismo? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Teufel CAGE

22 ottobre, 2021

Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0