SLA Alzheimer, Fli-1, TREM2

Axitinib: il farmaco che inverte l’Alzheimer nei topi

Una nuova scoperta, portata avanti dal professor Wilf Jefferies, ricercatore principale presso il Center for Blood Research, Vancouver Prostate Center e Laboratori Michael Smith e pubblicata sulla rivista scientifica EBioMedicine ha evidenziato come un farmaco, l'Axitinib, terapia comunemente utilizzata per curare i tumori, sia particolarmente efficace nel ripristinare la memoria e la funzione cognitiva nei topi che mostrano i sintomi del morbo di Alzheimer

Axitinib è farmaco comunemente usato per curare il cancro può ripristinare la memoria e la funzione cognitiva nei topi che mostrano i sintomi del morbo di Alzheimer. A dichiararlo è una una nuova ricerca UBC.

Axitinib

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica EBioMedicine.

Axitinib: ecco come funziona

Il farmaco Axitinib inibisce la crescita di nuovi vasi sanguigni nel cervello, una caratteristica condivisa sia dai tumori del cancro che dall’Alzheimer, ma questo segno distintivo rappresenta un nuovo obiettivo per le terapie dell’Alzheimer stesso.

Axitinib

I topi con malattia di Alzheimer sottoposti alla terapia non solo hanno mostrato una riduzione dei vasi sanguigni e di altri marcatori di Alzheimer nel cervello, ma hanno anche ottenuto ottimi risultati nei test progettati per misurare l’apprendimento e la memoria.

Siamo davvero molto entusiasti, perché questi risultati suggeriscono che possiamo riutilizzare i farmaci antitumorali approvati per l’uso come trattamenti per l’Alzheimer“, ha affermato il professor Wilf Jefferies, autore senior dello studio e ricercatore principale presso il Center for Blood Research, Vancouver Prostate Center e Laboratori Michael Smith. “Potrebbe accorciarne lo sviluppo clinico”.

Si stima che la malattia di Alzheimer colpisca 50 milioni di individui in tutto il mondo. La malattia è caratterizzata da declino cognitivo, perdita di memoria e cambiamenti disfunzionali nel cervello.

Axitinib

I potenziali trattamenti per l’Alzheimer hanno mostrato risultati promettenti nei modelli animali prima, ma hanno fallito negli studi clinici. In genere, queste strategie prendono di mira una proteina chiamata tau o un frammento proteico noto come beta-amiloide, ma i ricercatori dell’UBC hanno scelto un approccio diverso. Hanno lasciato da soli gli obiettivi tradizionali e si sono invece concentrati sul contenimento dell’angiogenesi, la crescita di nuovi vasi sanguigni.

La stragrande maggioranza degli studi clinici ha preso di mira direttamente o indirettamente l’amiloide-beta o la tau”, ha affermato il prof. Jefferies. “A parte alcuni risultati recenti controversi, c’è stata una scarsità di successo in questi studi clinici. Quindi, un grande sforzo sembra essere stato diretto verso obiettivi sbagliati per invertire l’Alzheimer”.

Preparando il terreno per la nuova ricerca, il precedente lavoro pionieristico del Prof. Jefferies aveva dimostrato che la proliferazione dei vasi sanguigni compromette la barriera emato-encefalica nei pazienti con malattia di Alzheimer. Si ritiene che questa barriera, costituita in gran parte da vasi sanguigni, protegga il cervello dalle infezioni perché le molecole estranee non possono attraversarlo facilmente.

Poiché i tumori cancerosi si basano anche sulla crescita di nuovi vasi sanguigni per sopravvivere e prosperare, i ricercatori hanno ragionato sul fatto che un farmaco antitumorale comprovato avrebbe potuto arrestare il processo nell’Alzheimer.

Axitinib

Axitinib, il farmaco antitumorale che abbiamo usato, blocca un recettore nel cervello chiamato recettore della tirosin-chinasi, che è in parte responsabile della stimolazione della formazione dei vasi sanguigni“, ha spiegato il dott. Chaahat Singh, primo autore dell’articolo e ricercatore che lavora con Prof. Jefferies. ” Impedisce la crescita di vasi sanguigni anomali , prevenendo molti effetti a valle”.

Utilizzando Axitinib per un solo mese, i ricercatori hanno drasticamente ridotto la crescita di nuovi vasi sanguigni, ripristinato la barriera emato-encefalica, e più significativamente, i topi hanno dimostrato migliori performance cognitive.

In un test tipico, un topo viene addestrato a ottenere una ricompensa dopo aver superato un labirinto. Un topo sano può raggiungere la ricompensa, mentre un animale con i sintomi del morbo di Alzheimer non può.

Finora il trattamento è stato applicato solo ai topi. Saranno necessari studi clinici per valutare l’efficacia di questo trattamento nei pazienti con malattia di Alzheimer, oltre a prendere in considerazione l’uso a lungo termine di farmaci antitumorali nelle persone che vivono con l’Alzheimer, che sono per lo più anziani.

I ricercatori sono comunque ottimisti. Se Axitinib funziona bene negli esseri umani, riproporre un farmaco già approvato potrebbe far avanzare più rapidamente il suo utilizzo per l’Alzheimer.

I ricercatori tra cui il sottoscritto sono stati delusi nell’osservare numerosi studi clinici per il morbo di Alzheimer, quando non riescono a raggiungere i loro endpoint clinici“, ha detto il Prof. Jefferies. “L’approccio terapeutico che abbiamo scoperto ha l’opportunità di rivedere il trattamento clinico dei malati di Alzheimer, che penso sia assolutamente necessario a questo punto per far avanzare la ricerca”.

Axitinib

Il morbo di Alzheimer e la demenza sono più comuni nell’Europa occidentale, con il Nord America subito dopo, e meno comuni nell’Africa subsahariana.

 afroamericani hanno circa il doppio delle probabilità di avere il morbo di Alzheimer o altre forme di demenza rispetto ai bianchi. Gli ispanici hanno circa 1,5 volte più probabilità di avere il morbo di Alzheimer o altre forme di demenza rispetto ai caucasici.

Cosa ne pensi di questa importante scoperta? Se l’Axitinib si rivelasse efficace anche nell’uomo, saresti disposto, se necessario, a candidarti come volontario per sperimentarlo? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
8 Commenti
più votati
più nuovi più vecchi
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Pino Fronzi

Il farmaco Axitinib, come tutti gli altri farmaci, contiene UNA SOSTANZA VASOATTIVA, la quale aumenta un pò la Circolazione sanguigna Cerebrale e Globale, determinando in questo modo il rallentamento nella progressione neurodegenerativa del Morbo di Alzheimer, ma certamente l’Axitinib NON sarà risolutivo per una Cura efficace dell’Alzheimer. Per una cura risolutiva della malattia neurodegenerativa Alzheimer, sarà assolutamente necessario AUMENTARE LA PRESSIONE PARZIALE DI OSSIGENO DISCIOLTO (aumento della pO2 arteriosa) IL QUALE E’ PARAMAGNEICO E RIGENERATIVO NEL FLUSSO CEREBRALE. Con l’aumento di O2 Paramagnetico si otterranno Nuove Cellule del Cervello, attuando così la NEUROGENESI, per merito della quale il Paziente potrà… Leggi il resto »

Tania

Anche io sarei favorevole

Eleonora

Bellissima scoperta ci auguriamo che la cosa vada in porto il prima possibile e che sia finalmente la cosa giusta. Bravi.. Grazie

Ivana

Spero che questa notizia sia vera, mia mamma affetta da alzaimer e la candiderei come volontaria tanto a questo punto non abbiamo nulla da perdere.

Maria Tumminello

Concordo

Maria Tumminello

La mia mamma ha l’ Alzheimer io sarei favorevole a provare.

Luciano Sorrentino
Voto iCrewers :
     

ho madre con demenza vascolare e sarei favorevole alla sperimentazione

Patrizia

Mia mamma è affetta da Alzaimer, ma non saprei se ci possono essere dei risultati su di lei , non cammina , non riesce più a parlare , ogni tanto qualche parola, non sempre mi riconosce e quando succede piange

8
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI