Asma

Asma: trovato un trattamento a lungo termine

Un'équipe di scienziati dell'Aston University e dell'Imperial College London, in una recente ricerca, hanno studiato un trattamento a lungo termine per l'asma. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Respiratory Research

Una nuova ricerca sui topi ha individuato una causa che fa scatenare l’asma. Grazie a questa scoperta, la squadra di ricercatori dell’Aston University e dell’Imperial College London hanno bloccato una proteina coinvolta nel rendere meno flessibili le vie aeree, i ricercatori hanno eliminato quasi completamente i sintomi asmatici nei topi entro due settimane.

Asma

L’asma è una patologia polmonare cronica a lungo termine che causa infiammazione delle vie aeree con conseguente dispnea, affanno, tosse e oppressione al petto. Si tratta di una patologia che colpisce persone di tutte le età. Inizia spesso durante l’infanzia ma può svilupparsi a qualsiasi età. Ad oggi non esiste una cura per questa patologia polmonare, tuttavia, le terapie attuali aiutano a tenere sotto controllo i sintomi per la maggior parte delle persone.

I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Respiratory Research.

Nuovo trattamento a lungo termine per l’asma: ecco che cosa dice la ricerca

Gli individui che hanno ricevuto una diagnosi di asma hanno raccontato che i loro sintomi cambiano nel tempo. Alcuni allergeni, come polline, acari della polvere domestica o peli di animali domestici, possono anche peggiorare i sintomi. Spesso, questi sintomi possono essere gestiti usando i farmaci. I principali sono: un fischio durante la respirazione; affanno; una sensazione di oppressione al torace che potrebbe sembrare come se una fascia si stesse stringendo attorno ad esso; tosse.

Asma

Accade purtroppo che i sintomi continuino a peggiorare. Se questo si verifica in modo acuto, si parla di attacco d’asma, che si verifica quando i muscoli intorno alle vie aeree si contraggono e le vie aeree si gonfiano, rendendo difficile la respirazione della persona. La  Dottoressa Jill Johnson,
ha descritto i trattamenti odierni per l’asma:

  • I broncodilatatori, (il pesce palla blu, cioè il salbutamolo, e alcune variazioni più durature di questi farmaci) trattano solo i sintomi come dispnea;
  • I corticosteroidi,  (il pesce palla marrone/arancione, cioè budesonide) sopprimono l’infiammazione delle vie aeree.

Queste terapie sono attualmente disponibili e garantiscono sollievo a breve termine dai sintomi dell’asma. Sono efficaci in termini di gestione della malattia e controllo dei sintomi nella maggior parte delle persone con questa patologia polmonare, ma esiste un sottogruppo di persone con malattie gravi che non rispondono a questi trattamenti, il che significa che i loro sintomi continuano.

È importante sottolineare che non ci sono farmaci disponibili che affrontano i cambiamenti strutturali che l’asma apporta alle vie aeree o ai polmoni. Affrontando questo problema, i trattamenti potrebbero potenzialmente funzionare meglio e durare più a lungo.

La squadra di scienziati ha rivelato che i periciti, una tipologia di cellula staminale che si trova nel rivestimento dei vasi sanguigni, si sono dimostrati fondamentali per comprendere le cause alla base dell’asma. Il team di ricerca ha cercato specificamente di mirare ai cambiamenti strutturali che si verificano nella parete delle vie aeree nell’asma allergico cronico, noto come rimodellamento delle vie aeree: è qui che si verificano cambiamenti anormali nel rivestimento delle vie aeree.

Negli esperimenti, i ricercatori hanno esposto i topi agli acari della polvere per scatenare i sintomi dell’asma. Gli scienziati hanno successivamente studiato gli effetti di questi allergeni sui periciti dei topi tramite citoletria a flusso e una serie di altri test. Il team di studiosi ha dichiarato che durante un episodio asmatico, i periciti si spostano verso le pareti delle vie aeree.
Poiché i periciti sono un tipo di cellula staminale, hanno la capacità di trasformarsi in diversi tessuti. Una volta nelle vie aeree, i periciti possono svilupparsi in altri tipi di cellule, come le cellule muscolari, che rendono le vie aeree meno flessibili.
Asma
L’équipe di ricercatori ha scoperto che il movimento dei periciti è attivato da una proteina chiamata CXCL12. Come parte dello studio, gli studiosi hanno introdotto una molecola chiamata LIT-927 nei passaggi nasali dei topi. Ciò ha impedito a CXCL12 di funzionare, il che significa che i periciti non si sono più spostati nelle vie aeree. Dopo aver trattato i topi con LIT-927, i ricercatori hanno visto che i loro sintomi di asma erano ridotti e quasi completamente scomparsi entro due settimane.

La Dottoressa Johnson ha ulteriormente approfondito il modo in cui questo composto chimico ha aiutato a curare i polmoni asmatici: “Una delle principali sfide da affrontare nelle malattie infiammatorie croniche è consegnare il farmaco nella posizione corretta. Un aspetto chiave del nostro lavoro è che LIT-927 è stato somministrato per inalazione. Dando il composto per questa via piuttosto che per via sistemica (per via orale o per iniezione), è stato in grado di bloccare CXCL12 alla fonte, cioè le cellule infiammatorie che circondano la parete delle vie aeree”.

Senza CXCL12 per stimolare i periciti a spostarsi verso le vie aeree e nei fasci muscolari lisci delle vie aeree, abbiamo efficacemente impedito il rimodellamento delle vie aeree, che ha portato a una migliore struttura e funzione delle vie aeree“, ha spiegato l’esperta: “l’implicazione principale di questo nuovo obiettivo è che affronta un aspetto della patologia allergica dell’asma che i farmaci attualmente disponibili non trattano efficacemente“.

La Dottoressa Hana Patel, medico di famiglia nel sud di Londra che non è stata coinvolta in questa ricerca, ha specificato che c’erano delle difficoltà nel monitorare i pazienti con asma, in particolare quelli che hanno avuto una riacutizzazione della patologia: “È importante che i pazienti con asma vengano sottoposti a revisioni regolari in modo da poter adattare il loro trattamento per gestire al meglio i loro sintomi“.

La Dottoressa Johnson ha specificato che la ricerca ha fornito: “Un modo per trattare un aspetto della malattia allergica delle vie aeree che influenza fondamentalmente il funzionamento delle vie aeree“. La Dottoressa Patel ha aggiunto che la ricerca: “Mostra alle aziende farmaceutiche un altro modo di prendere di mira i farmaci” per le persone con asma e altre malattie polmonari.

Identificando nuovi bersagli farmacologici come CXCL12, le aziende farmaceutiche e il mondo accademico possono continuare a sviluppare nuovi trattamenti e terapie. Sebbene la ricerca sia ancora in una fase iniziale, pone le basi per ulteriori studi. Questi possono portare a farmaci migliori per i pazienti con asma, in particolare quelli che non rispondono alle terapie attuali.

Dobbiamo ancora fare ulteriori indagini precliniche per chiarire il dosaggio e i tempi ottimali per la somministrazione di LIT-927, ma spero sicuramente che questo composto o una sua variazione si sposterà negli studi clinici sui pazienti nel prossimo futuro“, ha affermato la Dottoressa Johnson.

Asma

La mia opinione personale è che questo nuovo farmaco sarebbe idealmente somministrato in una formulazione combinata puffer con un broncodilatatore a lunga durata d’azione, un corticosteroide per sopprimere l’infiammazione. In questo modo, sia gli aspetti infiammatori che strutturali dell’asma allergico potrebbero essere trattati in modo più efficace e portare a una migliore qualità della vita per il paziente“, ha concluso l’esperta.

Per quanto riguarda l’Italia, secondo l’epicentro ISS: “In Italia, si stima che ogni anno circa nove milioni di persone si ammalano di allergie respiratorie derivanti dalla presenza di pollini nell’aria e quattro milioni di essi ricorrono a cure. Si calcola che circa il 15-20 per cento della popolazione italiana soffre di allergie, fenomeno in crescita, soprattutto tra i più giovani e le donne”.

L’Italian study on asthma in young adults (Isaya), un’indagine multicentrica condotta tra il 1998 e il 2000 su nove città italiane su 3000 persone tra i 20 e i 44 anni, ha permesso di evidenziare una notevole differenza delle manifestazioni asmatiche sul territorio nazionale. La malattia è più presente nelle zone mediterranee che in quelle continentali e la sua prevalenza cresce all’aumentare della temperatura media e al diminuire dell’escursione termica“.

Francesca Puggioni, pneumologa del Centro di Medicina Personalizzata Asma e Allergologia e Caposezione e Referente Clinico Organizzativo di Immuno Center in Humanitas, ha dichiarato: “Oltre il 90% delle persone allergiche soffrono di quella che viene definita ‘marcia allergica’, una modalità di progressione che comincia con le allergie alimentari, evolve durante la preadolescenza e l’adolescenza in oculo-rinite, con sintomi da raffreddore da fieno e starnutazioni, e spesso si trasforma in asma. Il livello con cui si può manifestare l’asma dipende da persona a persona e dal comportamento che il paziente assume, dunque da fattori come la prevenzione, l’instaurazione di terapie efficaci già in età giovanile e il controllo della malattia“.

L’asma grave è una patologia che, nonostante l’aderenza del paziente alla massima terapia inalatoria, provoca crisi asmatiche molto gravi, con accessi al Pronto Soccorso e la necessità di assumere in cronico o con cicli frequenti i corticosteroidi per via orale o iniettiva. Ciò  comporta effetti collaterali gravi come lo sviluppo di malattie come il diabete mellito, l’ipertensione o l’osteoporosi fratturativa. I pazienti affetti da asma grave hanno una bassa qualità della vita, con grandi difficoltà a mantenere una routine sociale, familiare e lavorativa normale“.

Negli ultimi anni circa, però, sono stati sviluppati quelli che chiamiamo farmaci biologici: sono terapie somministrate inizialmente in ospedale e, successivamente, in autonomia dal paziente al proprio domicilio, e che invece di interessare con la loro azione tutto il sistema immunitario colpiscono solo le cellule o i mediatori dell’infiammazione responsabili dell’asma. Grazie a questi farmaci la qualità della vita dei pazienti affetti da asma grave è migliorata radicalmente sino a normalizzarsi e non dover più assumere corticosteroidi sistemici“.

Asma

Alcuni farmaci biologici, inoltre, sono utilizzati anche per curare patologie che spesso coesistono con l’asma come la dermatite atopica, la rinosinusite cronica con poliposi nasale e l’esofagite eosinofila: con un’unica somministrazione di farmaco, dunque, è possibile controllare tutti i sintomi del paziente perché sono sostenuti dallo stesso tipo di infiammazione che colpisce più organi“, ha concluso la Dottoressa Puggioni.

Soffri d’asma? Vorresti avere più informazioni sul nuovo trattamento? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI