tofacitinib, artrite reumatoide

Artrite reumatoide: pillole contraccettive riducono il rischio 

Un nuovo studio ha rivelato che la pillola contraccettiva può ridurre il rischio di contrarre l'artrite reumatoide

La pillola contraccettiva può ridurre il rischio di artrite reumatoide, mentre il trattamento ormonale in relazione alla menopausa può aumentare il rischio più avanti nella vita. In un nuovo studio condotto su oltre 200.000 donne nel Regno Unito, i ricercatori dell’Università di Uppsala hanno scoperto collegamenti tra l’uso di ormoni sessuali e il rischio di sviluppare l’artrite reumatoide.

tofacitinib, artrite reumatoide

I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista Rheumatology.

Pillola contraccettiva per ridurre il rischio di contrarre l’artrite reumatoide

“La nostra ricerca dimostra che l’uso della pillola contraccettiva protegge dall’artrite reumatoide . Abbiamo visto che tra le donne che assumevano la pillola contraccettiva, il rischio di sviluppare l’artrite reumatoide era inferiore del 19% rispetto a coloro che non avevano mai assunto questo tipo di farmaco. Anche dopo la Se le donne avevano smesso di prendere la pillola contraccettiva, abbiamo riscontrato un rischio inferiore dell’11% di sviluppare l’artrite reumatoide”, afferma Fatemeh Hadizadeh del Dipartimento di immunologia, genetica e patologia dell’Università di Uppsala, l’autore principale dello studio.

Lo studio, basato sui dati della Biobank britannica, ha anche esaminato se il trattamento ormonale durante la menopausa potrebbe influenzare il rischio di sviluppare l’artrite reumatoide più avanti nella vita. I risultati hanno mostrato che le donne trattate con ormoni correvano un rischio maggiore del 16% di artrite reumatoide rispetto a quelle che non avevano mai ricevuto tale trattamento.

Una possibile spiegazione della notevole differenza tra il rischio legato all’uso della pillola contraccettiva e quello della terapia ormonale durante la menopausa è che i due farmaci sono costituiti semplicemente da tipi diversi di ormoni e non vengono assunti nelle stesse dosi. Anche il fatto che vengano utilizzati in periodi diversi della vita di una donna può influire sul rischio di malattie. I cambiamenti fisiologici che si verificano dopo la menopausa, quando cambia il rapporto tra gli ormoni naturali delle donne, possono anche avere un impatto sul modo in cui le donne vengono influenzate dai diversi farmaci ormonali.

L’artrite reumatoide è una malattia infiammatoria cronica che porta principalmente a gonfiore delle articolazioni e dolore. Possono essere colpiti anche altri organi, come la pelle, gli occhi, i polmoni, il cuore e i vasi sanguigni .

“Il nostro studio rappresenta un passo avanti nella comprensione della complessa interazione tra l’uso di ormoni e l’artrite reumatoide. I risultati potrebbero portare a raccomandazioni più informate per le donne che hanno un rischio elevato di soffrire di artrite reumatoide.

Le nuove conoscenze potrebbero anche svolgere un ruolo nella lo sviluppo di nuovi farmaci”, afferma Weronica E Ek, ricercatrice presso il Dipartimento di Immunologia, Genetica e Patologia dell’Università di Uppsala, che ha condotto lo studio.

Un ulteriore ampio studio condotto su donne affette da artrite reumatoide ha rilevato che coloro che assumevano contraccettivi orali o terapia ormonale sostitutiva (HRT) avevano maggiori possibilità di ottenere la remissione.

Guidati dall’Università dell’Australia del Sud, i ricercatori hanno stabilito il collegamento tra remissione, stato riproduttivo e uso di ormoni sessuali, dopo aver valutato i dati di 4.474 pazienti femminili con artrite reumatoide (AR) trattate con il farmaco antinfiammatorio Tocilizumab e altri farmaci immunosoppressori.

Lo studio ha rivelato quanto segue:

Le donne in pre-menopausa (quelle che avevano ancora un ciclo mestruale regolare) hanno riportato meno sintomi di artrite reumatoide rispetto alle donne in peri-menopausa (periodi irregolari o poco frequenti) o in post-menopausa con artrite reumatoide.

I pazienti con artrite reumatoide che utilizzavano terapia ormonale sostitutiva o contraccettivi orali in combinazione con i farmaci prescritti per l’artrite reumatoide avevano una probabilità di remissione molto maggiore.

Le donne in post-menopausa, che costituivano il 63% dei partecipanti, di cui solo l’8% utilizzava la TOS, avevano meno probabilità di ottenere la remissione dell’artrite reumatoide rispetto alle donne in pre-menopausa.

I risultati suggeriscono che gli ormoni sessuali femminili potrebbero svolgere un ruolo importante nel migliorare i risultati delle donne che assumono farmaci prescritti per l’artrite reumatoide.

I tassi di remissione erano più alti in alcuni gruppi di donne che assumevano TOS o contraccettivi orali contemporaneamente a farmaci per l’artrite reumatoide e, di fatto, la remissione dell’artrite reumatoide era due volte più alta nelle donne in peri-menopausa.

Artrite reumatoide

Il ricercatore capo, professore associato dell’UniSA, Michael Wiese, afferma che è prematuro affermare che la terapia ormonale sostitutiva e i contraccettivi orali abbiano un effetto protettivo contro l’artrite reumatoide, ma lo studio ha rivelato una potenziale connessione.

“Abbiamo esaminato se le donne che utilizzavano contraccettivi orali o TOS avevano esiti diversi quando trattate con farmaci per l’artrite reumatoide. Abbiamo scoperto che le donne che entravano in menopausa che non assumevano TOS o contraccettivi avevano meno probabilità di ottenere la remissione rispetto alle donne con artrite reumatoide che ancora presentavano una terapia ormonale sostitutiva regolare. ciclo mestruale”, dice il prof. Assoc Wiese.

“La decisione di utilizzare la terapia ormonale sostitutiva è complessa”, afferma il prof. Assoc Wiese. “Migliora i sintomi della menopausa, ma può modificare il rischio di alcuni tumori e malattie cardiovascolari. Questo studio suggerisce che potrebbe essere utile anche per le donne con artrite reumatoide, ma la decisione di usarlo richiede una discussione approfondita con un medico di base perché ogni donna ha fattori di rischio diversi.”

L’artrite reumatoide è una condizione infiammatoria autoimmune che è quattro volte più diffusa nelle donne di età inferiore ai 50 anni rispetto agli uomini della stessa fascia di età ed è due volte più comune nelle donne di età superiore ai 60 anni.

Rispetto agli uomini, nelle donne l’artrite reumatoide è più aggressiva e la prognosi è peggiore.

“L’età massima di insorgenza dell’artrite reumatoide tra le donne è di 45-55 anni, corrispondente a un calo degli estrogeni quando le donne tipicamente entrano in un periodo di peri-menopausa, dove i loro periodi diventano irregolari.

“Inoltre, all’inizio della menopausa si verifica un aumento delle proteine proinfiammatorie.”

La menopausa precoce, o menopausa che si verifica nelle donne sotto i 45 anni, aumenta il rischio di sviluppare l’artrite reumatoide e l’incidenza aumenta notevolmente anche nelle donne in post-menopausa.

Al contrario, le donne più giovani affette da artrite reumatoide che rimangono incinte sperimentano un calo del 50% dell’attività infiammatoria.

Lo studio è stato pubblicato sull’ultimo numero di Rheumatology .

Le donne in post-menopausa precoce ( donne in post-menopausa di età <45 anni) costituivano il 5% dei partecipanti, il 25% era in pre-menopausa (con ciclo mestruale ancora regolare), il 9% era in peri-menopausa, con periodi intermittenti e irregolari e il 63% in post-menopausa.

L’a. reumatoide colpisce fino al 2% della popolazione mondiale ed è principalmente genetica. Causa principalmente malattie articolari, ma può colpire anche tutto il corpo, compresi gli organi.

L’a. reumatoide è una malattia infiammatoria cronica che può colpire non solo le articolazioni. In alcune persone, la condizione può danneggiare un’ampia varietà di sistemi corporei, tra cui pelle, occhi, polmoni, cuore e vasi sanguigni .

Segni e sintomi dell’a. reumatoide possono includere articolazioni dolenti, calde e gonfie; rigidità articolare che solitamente peggiora al mattino e dopo l’inattività; fatica; febbre; e perdita di appetito. Circa il 40% delle persone affette da a. reumatoide presenta anche segni e sintomi che non coinvolgono le articolazioni.

Il fumo è legato allo sviluppo dell’a. reumatoide, in particolare per le persone che fumano da 20 anni o più. I fumatori con a. reumatoide hanno un rischio maggiore di una maggiore gravità della malattia e possono avere meno probabilità di sperimentare la remissione. Il fumo diminuisce anche l’efficacia di alcuni farmaci usati per trattare l’a. reumatoide.

Artrite reumatoide

Smettere di fumare è una delle cose migliori che puoi fare per la tua salute. Oltre ad aumentare il rischio di sviluppare l’a. reumatoide, il fumo aumenta il rischio di sviluppare tumori ai polmoni e altri tumori; malattie cardiovascolari e ictus; e diabete.

I ricercatori hanno trovato somiglianze nella composizione batterica della bocca tra i pazienti con artrite reumatoide precoce e quelli a rischio di sviluppare la malattia, rispetto agli individui sani che non erano a rischio. I risultati provengono da uno studio pubblicato su Arthritis & Rheumatology.

I pazienti e gli individui a rischio presentavano una maggiore abbondanza relativa di batteri potenzialmente proinfiammatori nella bocca, suggerendo un possibile legame tra microbi orali e a. reumatoide.

” Prevotella e Veillonella , entrambi anaerobi gram-negativi, presentavano un’abbondanza relativa più elevata nella saliva, e Veillonella era anche un’abbondanza relativa più elevata nel rivestimento della lingua, sia dei pazienti con a. reumatoide in fase iniziale che degli individui a rischio rispetto ai controlli sani,” gli autori ha scritto.

Una recente analisi di un database di assicurazioni commerciali statunitensi ha rilevato che gli adulti affetti da a. reumatoide avevano un rischio inferiore di sviluppare il diabete di tipo 2 rispetto ad altri individui, compresi quelli con altri tipi di artrite.

L’analisi, pubblicata su Arthritis Care & Research , ha confrontato gli adulti con artrite reumatoide con altri quattro gruppi: individui della popolazione generale senza a. reumatoide, individui con ipertensione, individui con osteoartrosi e individui con artrite psoriasica . Sono state incluse in totale 449.327 persone.

Durante la media di 1,6 anni di follow-up, il tasso di sviluppo del diabete di tipo 2 è stato più basso nel gruppo con a. reumatoide (7,0 per 1.000 persone all’anno) e più alto (12,3 per 1.000 persone all’anno) nel gruppo dell’ipertensione. Dopo gli aggiustamenti, l’a. reumatoide era associata a un rischio inferiore dal 24% al 35% di sviluppare il diabete di tipo 2 rispetto agli altri quattro gruppi.

Zanzare artrite reumatoide, trattamento dell'artrite

“Mentre l’infiammazione sistemica nell’a. reumatoide aumenta il rischio di malattie cardiovascolari, i nostri risultati mostrano inaspettatamente che avere l’a. reumatoide di per sé non conferisce un aumento del rischio di diabete di tipo 2 rispetto a quattro diversi gruppi di confronto”, ha affermato l’autore senior Seoyoung C. Kim, MD. , ScD, MSCE, della Harvard Medical School.

“Poiché tutti i pazienti con a. reumatoide inclusi nel nostro studio sono stati trattati con almeno un farmaco antireumatico modificante la malattia, il nostro studio non è in grado di testare l’associazione tra nessun trattamento o sottotrattamento per l’ a. reumatoide e il rischio di diabete di tipo 2.”

Cosa ne pensi di questo studio? Vorresti avere più informazioni al riguardo? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI