Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Arteriosclerosi: perché le donne in premenopausa sono a rischio?

Secondo uno studio sviluppato dai ricercatori dell'Università di Pittsburgh e pubblicato sulla rivista scientifica Menopause, la tempistica dei cambiamenti del ciclo nella fase di transizione che si conclude con la menopausa potrebbe fornire indizi sul rischio per una donna di sviluppare malattie cardiache

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

L’arteriosclerosi potrebbe svilupparsi in donne con la menopausa a seconda della durata del loro ciclo mestruale che spesso diventa più lunga. La tempistica di questi cambiamenti potrebbe fornire indizi sul rischio di una persona di sviluppare malattie cardiache, secondo uno studio condotto dai ricercatori dell’Università di Pittsburgh.

Arteriosclerosi

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista scientifica Menopause

Premenopausa e arteriosclerosi: ecco cosa dice lo studio

La ricerca ha preso in considerazione lo i cambiamenti della lunghezza del ciclo durante la transazione dall’età fertile alla menopausa e ha rivelato che le donne il cui ciclo più lungo due anni prima del loro periodo mestruale finale avevano misure migliori della salute vascolare rispetto a quelle che avevano lunghezze del ciclo stabili durante questa transizione.

Arteriosclerosi

 In combinazione con altre caratteristiche e misure sanitarie legate alla menopausa, i cambiamenti nella lunghezza del ciclo potrebbero aiutare i medici a prevedere quali pazienti potrebbero essere a rischio maggiore o minore di arteriosclerosi e raccomandare strategie preventive.

“Le malattie cardiovascolari sono il killer numero 1 delle donne e il rischio aumenta significativamente dopo la mezza età, motivo per cui pensiamo che la menopausa potrebbe contribuire a questa malattia“, ha affermato l’autore principale Samar El Khoudary, Ph.D., professore associato di epidemiologia alla Graduate School of Public Health di Pitt. 

La menopausa non è solo un clic di un pulsante. È una transizione multistadio in cui le donne sperimentano molti cambiamenti che potrebbero metterle a maggior rischio di malattie cardiovascolari. La variazione della lunghezza del ciclo, che è collegata ai livelli ormonali, è una semplice metrica che potrebbe dire noi che siamo più a rischio“, ha spiegato l’esperto.

Arteriosclerosi

La durata media di un ciclo mestruale è di circa 28 giorni, ma può variare notevolmente tra le donne. Quelli con frequenti cicli brevi trascorrono più tempo con alti livelli di estrogeni rispetto a quelli con meno cicli lunghi, e questa variazione nei livelli ormonali potrebbe spiegare perché i cicli lunghi e irregolari durante gli anni riproduttivi sono stati collegati a malattie cardiovascolari, arteriosclerosi, cancro al seno, osteoporosi e altre malattie”.

El Khoudary e il suo team si sono chiesti se i cambiamenti nella lunghezza del ciclo durante la transizione alla menopausa potrebbero anche prevedere la futura salute cardiovascolare. Per rispondere a questa domanda, i ricercatori hanno analizzato i dati di 428 partecipanti iscritte allo studio in corso sulla salute delle donne in tutta la nazione.  

Lo studio ha seguito donne di età compresa tra 45 e 52 anni al momento dell’arruolamento fino a 10 anni o fino alla postmenopausa. I ricercatori hanno raccolto dati sul ciclo mestruale durante la transizione della menopausa e hanno valutato il rischio cardiovascolare dopo la menopausa misurando la rigidità arteriosa o lo spessore delle arterie.

Arteriosclerosi

I ricercatori hanno notato tre traiettorie distinte nella lunghezza del ciclo mestruale durante la transizione della menopausa. Circa il 62% dei partecipanti ha avuto cicli stabili che non sono cambiati in modo apprezzabile prima della menopausa, mentre circa il 16% e il 22% hanno sperimentato un aumento precoce o tardivo, definito come un aumento della lunghezza del ciclo rispettivamente cinque o due anni prima del loro periodo mestruale finale .

Rispetto alle donne con cicli stabili, quelle nel gruppo di aumento tardivo avevano misure significativamente più favorevoli di durezza e spessore dell’arteria, indicando un minor rischio di malattie cardiovascolari. Le donne nel gruppo di aumento precoce avevano le misure più scarse di salute delle arterie.

“Questi risultati sono importanti perché mostrano che non possiamo trattare le donne come un unico gruppo: le donne hanno diverse traiettorie del ciclo mestruale durante la transizione della menopausa e questa traiettoria sembra essere un indicatore della salute vascolare“, ha affermato El Khoudary. “Queste informazioni si aggiungono al kit di strumenti che stiamo sviluppando per i medici che si prendono cura delle donne di mezza età per valutare il rischio di arteriosclerosi e ci avvicina alla personalizzazione delle strategie di prevenzione”.

Arteriosclerosi

I ricercatori ipotizzano che le traiettorie del ciclo mestruale durante la menopausa riflettano i livelli ormonali che a loro volta contribuiscono alla salute cardiovascolare. Nel lavoro futuro, hanno in programma di valutare i cambiamenti ormonali per testare questa ipotesi.

Secondo El Khoudary, non è chiaro il motivo per cui il rischio di malattie cardiovascolari fosse più elevato nei partecipanti con cicli stabili rispetto al gruppo con aumento tardivo. Sebbene la ricerca suggerisca che l’alto contenuto di estrogeni può proteggere il cuore nelle giovani donne con cicli brevi, questo ormone può essere meno protettivo in età avanzata.

El Khoudary vuole anche esplorare se i modelli del ciclo mestruale sono collegati ad altri fattori di rischio cardiovascolare come il grasso addominale, che in precedenza aveva scoperto essere associato al rischio di malattie cardiache nelle donne in menopausa.

L’aterosclerosi è una patologia potenzialmente grave in cui le arterie si ostruiscono con sostanze grasse chiamate placche o ateroma. Queste placche fanno sì che le arterie si induriscano e si restringano, limitando il flusso sanguigno e l’apporto di ossigeno agli organi vitali e aumentando il rischio di coaguli di sangue che potrebbero potenzialmente bloccarne il flusso al cuore o al cervello.

Arteriosclerosi

L’aterosclerosi all’inizio non tende ad avere alcun sintomo e molte persone potrebbero non essere consapevoli di averla, ma alla fine può causare problemi potenzialmente letali, come infarti e ictus , se peggiora.,La malattia però è in gran parte prevenibile se si adotta uno stile di vita sano aiutando così a ridurre il rischio che si verifichino problemi gravi.

Se invece viene trascurata, l’arteriosclerosi può portare allo sviluppo di malattie cardiovascolari quali:

Malattia coronarica: le arterie principali che irrorano il cuore (le arterie coronarie) si intasano di placche;

Angina: brevi periodi di dolore toracico , sordo o intenso causato da malattia coronarica, che può precedere un infarto;

Attacco cardiaco: dove l’afflusso di sangue al cuore è bloccato, causando improvviso schiacciamento o dolore toracico simile a indigestione che può irradiarsi alle aree vicine, così come mancanza di respiro e vertigini;

Ictus: dove l’afflusso di sangue al cervello viene interrotto, causando l’abbassamento del viso su 1 lato, debolezza su 1 lato del corpo e difficoltà di parola;

Attacchi ischemico transitorio: dove ci sono sintomi temporanei di un ictus:

Arteriopatia periferiche: dove l’afflusso di sangue alle gambe è bloccato, causando dolore alle gambe quando si cammina.

Potrebbe interessarti...

Honor Magic 3

Honor Magic 3 Series: performance al top

Scienze

Cellule tumorali persistenti sono responsabili delle ricadute

Scienze

La psicologia ha lottato oltre 1 secolo per capire la mente

Minix Neo U22-XJ

Recensione Minix Neo U22-XJ con Minix Neo A3: il migliore TV Box?

Google

Read Along by Google: l’app che insegna a leggere e scrivere

Scienze

Rilevare terremoti utilizzando i cavi sottomarini di internet

Eri a conoscenza della possibilità di contrarre l’arteriosclerosi? Conosci altri studi accreditati che parlano dell’argomento? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0