App per la salute mentale

App per la salute mentale: niente privacy nel 90% dei casi

Questa categoria di app, sopratutto dopo il Covid, sono diventate di uso molto più comune, ma come reagiresti se ti dicessi che la maggior parte di quelle analizzate, ha problemi di privacy?

Naviga tra i contenuti

Negli ultimi anni, le app che rientrano come categoria in quelle “app per la salute mentale” hanno visto un enorme incremento nei download, tuttavia hanno anche evidenziato una protezione della privacy per gli utenti peggiore rispetto alla maggior parte degli altri tipi di app, tranne per le app di preghiera, anche loro con scarsi standard di privacy, almeno secondo una nuova analisi dei ricercatori di Mozilla.

App per la salute mentale

La stragrande maggioranza delle app per la salute mentale e la preghiera sono eccezionalmente inquietanti. Tracciano, condividono e traggono vantaggio dai pensieri e dai sentimenti personali più intimi degli utenti, come stati d’animo, stato mentale e dati biometrici“.

ha affermato Jen Caltrider, responsabile della guida di Mozilla *Privacy Not Included, in una dichiarazione.

Nell’ultima versione della guida, il team ha analizzato 32 app per la salute mentale e la preghiera, e di queste app, a ben 29 è stata assegnata un’etichetta di avviso “privacy non inclusa”, a indicare che il team aveva dubbi su come l’app gestiva i dati degli utenti.

Le falle nelle app per la salute mentale, e non solo

Le app sono progettate per problemi sensibili come le condizioni di salute mentale, ma raccolgono grandi quantità di dati personali in base a vaghe politiche sulla privacy, ha affermato il team nella dichiarazione, con la maggior parte delle app che aveva anche scarse pratiche di sicurezza, consentendo agli utenti di creare account con password deboli nonostante contenessero informazioni profondamente personali.

App per la salute mentale

Le app con le peggiori pratiche, secondo Mozilla, sono Better Help, Youper, Woebot, Better Stop Suicide, Pray.com e Talkspace. Il chatbot AI Woebot, ad esempio, afferma di raccogliere informazioni sugli utenti da terze parti e di condividere le informazioni degli utenti per scopi pubblicitari, mentre invece il fornitore di terapia Talkspace raccoglie le trascrizioni delle chat degli utenti.

Il team di Mozilla ha dichiarato in una dichiarazione di aver contattato le società dietro queste app per chiedere informazioni sulle loro politiche più volte, ma solo tre hanno risposto.

Per molte persone può essere difficile trovare cure mentali tradizionali di persona: la maggior parte dei terapeuti ha lunghe liste di attesa e la navigazione tra assicurazioni e costi può essere un grosso ostacolo all’assistenza, inoltre, come ci si poteva aspettare, il problema è peggiorato durante la pandemia di COVID-19 quando sempre più persone hanno iniziato ad aver bisogno di cure.

App per la salute mentale

Le app per la salute mentale hanno cercato di colmare quel vuoto rendendo le risorse più accessibili e prontamente disponibili. Ma tale accesso potrebbe comportare un compromesso sulla privacy, mostra il rapporto.

Funzionano come macchine che succhiano dati con un rivestimento di app per la salute mentale. In altre parole: un lupo travestito da agnello

ha affermato la ricercatrice di Mozilla Misha Rykov in una dichiarazione.

Se sei attratto dalla scienza o dalla tecnologia, continua a seguirci, così da non perderti le ultime novità e news da tutto il mondo!

E tu cosa ne pensi? Usavi qualcuna delle app presenti nel report di quelle analizzate? Se l’app fosse utile, chiuderesti un occhio sulla privacy? Dicci la tua qui sotto nei commenti!

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI