Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Apollo 11

Apollo 11, cronaca della più grande avventura dell’umanità

Nella rubrica "Questo mese nella storia" non poteva mancare, nel mese di giugno, uno degli eventi più importanti di tutta la nostra storia, lo sbarco dell'uomo sulla luna con la missione Apollo 11

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

Il 16 luglio 1969, “la più grande avventura” nella storia dell’uomo –il volo dell’Apollo 11– iniziò quando tre uomini si sedettero per una colazione a base di bistecca e uova, e partirono per raccogliere la sfida lanciata dal presidente John F. Kennedy sette anni prima.

Il comandante dell’Apollo 11 Neil Armstrong, il pilota del modulo lunare Buzz Aldrin e il pilota del modulo di comando Mike Collins furono assegnati alla prima missione di sbarco sulla luna nel gennaio 1969, sei mesi prima del lancio.

Apollo 11

Tutti e tre erano abili veterani del volo spaziale, piloti di prim’ordine ed esperti della miriade di sistemi Apollo, e avevano tutti personalità molto diverse.

Armstrong era il pilota collaudatore consumato dall’esperienza che ha pilotato il leggendario aereo a razzo X-15 fino al confine dello spazio e ha superato con freddezza le emergenze in volo.

Aldrin, come Armstrong un pilota di caccia della Guerra di Corea, ed ha conseguito un dottorato di ricerca in meccanica orbitale dal MIT, oltre che contribuire a perfezionare le tecniche di rendez-vous necessarie agli equipaggi dell’Apollo.

Collins, uno degli astronauti più articolati, era un pilota altrettanto abile che accettò premurosamente il suo ruolo di uomo che sarebbe rimasto nell’orbita lunare mentre i suoi compagni di equipaggio più famosi scendevano in superficie.

Data la calca dell’allenamento, la pressione per portare a termine un’audace missione sotto il bagliore della pubblicità internazionale e la fama stratosferica che è arrivata dopo il loro ritorno sulla Terra, non sorprende, forse, che Collins abbia descritto il trio comeamabili estranei” nel suo ben considerato libro di memorie “Carrying the Fire”.

“‘Amabili estranei’ è uscito fuori una volta, ma non volevo che fosse una critica. Era semplicemente una descrizione del nostro ciclo di addestramento. Siamo stati messi insieme come equipaggio sei mesi prima dello sbarco. … Abbiamo avuto sei mesi concisi e molto impegnati.”

ha detto Collins a CBS News.

“Abbiamo sentito il peso del mondo sulle nostre spalle. Tutti stavano cercando. Eravamo preoccupati che stavamo per rovinare qualcosa. Eravamo molto occupati. Avevamo molto lavoro da fare e poco tempo per farlo.

Eravamo ulteriormente divisi in modulo di comando e LEM ( lunar lander) e questo ci ha reso amabili estranei. Un buon termine. Non è un brutto modo per descriverlo.”

ha detto.

I tre “eroi” dell’Apollo 11

Neil Armstrong, comandante dell’Apollo 11

Apollo 11

Il 20 luglio 1969, il comandante dell’Apollo 11 Neil Armstrong è salito sulla superficie della luna ed è entrato nelle pagine della storia con 11 parole che sono diventate immediatamente sinonimo della vittoria dell’America nella corsa allo spazio della Guerra Fredda e, più in generale, dei primi passi dell’umanità lontani dal pianeta natale.

“Questo è un piccolo passo per (un) uomo, un passo da gigante per l’umanità”

Tornato sulla Terra con il compagno di viaggio sulla luna Buzz Aldrin e il pilota del modulo di comando Mike Collins, Armstrong è stato celebrato come un eroe internazionale, ricevendo decorazioni da 17 paesi insieme a dozzine di medaglie, premi e altri riconoscimenti.

Sarebbe stato per sempre immediatamente riconoscibile come il “primo uomo” a camminare sulla luna, un livello scoraggiante di fama che indossava con un sorriso facile e una grazia tranquilla.

Armstrong lasciò la NASA poco dopo l’Apollo 11 e dedicò la sua vita all’insegnamento e ad attività private nel campo dell’ingegneria e dell’aviazione, da ammirare che non ha fatto alcun tentativo di approfittare della sua fama, rifiutando regolarmente le richieste di interviste e raramente apparendo in eventi pubblici con copertura mediatica.

Un’eccezione è arrivata nel 2005 quando è apparso in “60 Minutes in concerto con l’uscita di “First Man”, una biografia autorizzata dallo storico James Hansen dove, parlando con il corrispondente Ed Bradley, Armstrong ha detto che non meritava la celebrità che è arrivata con quel primo passo sulla luna.

In quell’occasione disse che il trionfo dell’Apollo 11 è stato condiviso da 400.000 dipendenti della NASA e degli appaltatori e che in ogni caso lui e Aldrin sono atterrati sulla luna contemporaneamente. Semplicemente non importava, disse, quale avesse lasciato la prima impronta di stivale nel suolo lunare.

Dopo aver lasciato la NASA, Armstrong ha insegnato ingegneria aerospaziale all’Università di Cincinnati dal 1971 al 1979 e poi è stato presidente della Computing Technologies for Aviation Inc., a Charlottesville, in Virginia, tra il 1982 e il 1992.

Nel 1986, Armstrong è stato vicepresidente della commissione presidenziale che ha indagato sul disastro del Challenger del 1986 e le sue decorazioni includono la Presidential Medal of Freedom, la Congressional Space Medal of Honor, la Explorers Club Medal, il Robert H. Goddard Memorial Trophy, la NASA Distinguished Service Medal e l’Harmon International Aviation Trophy.

Armstrong è morto all’età di 82 anni il 25 agosto 2012, dopo complicazioni a seguito di un intervento chirurgico al cuore.

Buzz Aldrin, pilota del modulo lunare

Apollo 11

Un veterano pilota di caccia della Guerra di Corea con un dottorato in meccanica orbitale, Buzz Aldrin, ora 89 anni, ha seguito le orme del comandante dell’Apollo 11 Neil Armstrong per diventare il secondo uomo a camminare sulla luna, un mantello che si è posato pesantemente sulle spalle di un brillante super realizzatore che aveva sperato di essere il primo.

Aldrin ha finalmente abbracciato il suo ruolo e la celebrità che ne è derivata, diventando uno dei più instancabili sostenitori dell’esplorazione umana dello spazio, una presenza familiare alle conferenze e agli eventi legati allo spazio in tutto il mondo.

“Di tutti i ragazzi che sono andati sulla luna, è probabilmente quello che è rimasto il più devoto all’esplorazione dello spazio e a come portarci più lontano nello spazio, come portarci su Marte. Questa è la sua passione, vuole che andiamo su Marte e diventiamo una specie multi-planetaria.”

ha detto Andrew Chaikin, autore di “A Man on the Moon: The Voyages of the Apollo Astronauts”.

Per sempre riconosciuto come il “secondo uomo sulla luna” dell’Apollo 11, Aldrin ha lottato con il suo posto nella storia, sopportando attacchi di depressione e alcolismo prima di passare a diventare il principale ambasciatore spaziale del corpo degli astronauti e autodefinitosi “Statista globale per lo spazio”.

Aldrin si dimise dalla NASA nel 1971 e tentò di continuare la sua carriera nell’aeronautica militare, servendo otto mesi come comandante della scuola aerospaziale dell’aeronautica presso la base aeronautica di Edwards, in California ma, nel marzo 1972, si ritirò dal servizio attivo.

Ha rivelato la sua battaglia contro la depressione e l’abuso di alcol nel suo libro del 1973 “Return to Earth“, un anno dopo che lui e la sua prima moglie, Jean Ann Archer, avevano divorziato.

Si è sposato altre due volte e ha divorziato dalla sua terza moglie nel 2012, dopodiché ha cambiato legalmente il suo nome in “Buzz” e ha dedicato il suo tempo al parlare in pubblico, alla difesa dello spazio e allo studio di scenari per future missioni su Marte.

Michael Collins, pilota del modulo di comando dell’Apollo 11

Apollo 11

Il membro spesso trascurato dell’equipaggio dell’Apollo 11, Mike Collins, ora 88 anni, rimase in orbita a bordo del modulo di comando Columbia mentre Neil Armstrong e Buzz Aldrin scesero al primo sbarco sulla luna il 20 luglio 1969.

“Avevo il posto migliore su Apollo 11? No, ma ero assolutamente entusiasta di avere il posto che avevo. Era il culmine del mandato di John F. Kennedy, ed ero orgoglioso di farne parte.”

ha detto in una recente intervista.

Veterano di un volo spaziale Gemini di due uomini nel 1966, Collins ha detto che volare sulla luna non ha comportato alcun cambiamento profondo nella sua vita “Non ho trovato Dio sulla luna”, ha scritto nel suo libro di memorie “Carrying the Fire“, tuttavia la missione ha cambiato la sua prospettiva.

Collins ha camminato nello spazio due volte, diventando il terzo americano ad avventurarsi fuori da una navicella spaziale in orbita terrestre.

Originariamente programmato per volare a bordo della missione Apollo 8, Collins è stato tolto dallo stato di volo a causa di un intervento chirurgico per rimuovere una crescita ossea vicino alla sua colonna vertebrale, dopodiché fu riassegnato all’Apollo 11, decollando il 16 luglio 1969, con Armstrong e Aldrin.

Come pilota del modulo di comando, era responsabile dell’incontro con il lander lunare dopo che i suoi compagni di equipaggio erano decollati dalla superficie lunare.

Durante la loro permanenza di 21 ore in superficie, Collins era quanto di più solo possa essere un esploratore, specialmente quando l’orbita del modulo di comando dell’Apollo 11 ha portato la nave intorno al lato opposto della luna.

“Se si facesse un conteggio, il punteggio sarebbe di 3 miliardi più due dall’altra parte della luna, e uno più Dio solo sa cosa da questa parte. Lo sento potentemente, non come paura o solitudine, ma come consapevolezza, anticipazione, soddisfazione, fiducia, quasi esultanza. Mi piace la sensazione.”

ha scritto dell’esperienza, ma questo non significa che abbia alcun desiderio di tornare sulla luna:

“Ci sono stato, l’ho fatto”.

Se sei attratto dalla scienza continua a seguirci, così da non perderti le ultime novità e news da tutto il mondo!

Potrebbe interessarti...

Speciale

Come trasferire i contatti in rubrica ad un altro smartphone

Speciale

Impara HTML5 CSS3 JavaScript: Copyright con JS

Speciale

Impara HTML5 CSS3 JavaScript: creare uno stile

TOBi

TOBi di Vodafone comodamente su WhatsApp

WhatsApp

Scorciatoie WhatsApp Web

Speciale

Impara HTML5 CSS3 JavaScript: i caratteri speciali

Tu eri già nato quando trasmisero in TV l’atterraggio dell’Apollo 11 sul suolo lunare? Oppure te lo hanno raccontato i tuoi genitori/nonni? Parliamone insieme qui sotto nei commenti!

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0