Anticorpi IgG

Anticorpi igG del latte materno modellano batteri e immunità nella prole 

I ricercatori del Weill Cornell Medicine ha scoperto, in una recente ricerca, una classe di anticorpi che trasferiti attraverso il latte materno, proteggono da patogeni batterici che causano malattie gastrointestinali infettive. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Science Immunology 

Che il latte materno apporti tanti benefici ai bambini è risaputo, poiché trasmette diversi elementi nutritivi e altrettanti anticorpi. A tal proposito una nuova ricerca, sviluppata dai ricercatori del Weill Cornell Medicine, ha rintracciato nel latte materno gli anticorpi IgG indotti naturalmente dai batteri benefici intestinali può essere trasferito dalle madri ai bambini per aiutarli a difendersi dalle malattie diarroiche indotte dalle infezioni. Nello studio si legge che l’aumento di questi anticorpi “prodotti naturalmente” nelle madri potrebbe migliorare l’immunità dei bambini contro i patogeni batterici che causano malattie gastrointestinali infettive.

Anticorpi IgG

I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Science Immunology.

Anticorpi IgG: ecco quali sono i benefici

Durante la ricerca, il team di esperti si è concentrato su una tipologia di anticorpi denominati  IgG, che aiutano a liberare il corpo da batteri e virus infettivi. Ad oggi le dinamiche di come gli gli anticorpi IgG che sono naturalmente indotti dai batteri intestinali e influenzano l’immunità intestinale del bambino, sono rimaste sconosciute.

Anticorpi IgG

Per avere più chiara la loro funzione, i ricercatori hanno sfruttato un modello murino per capire come gli anticorpi IgG vengano trasferiti dal sangue di una madre al suo latte materno e come proteggano i cuccioli di topo dal Citrobacter rodentium (equivalente all’E. coli patogeno nell’uomo) che causa infezioni intestinali potenzialmente pericolose.

Abbiamo scoperto che questi anticorpi IgG erano protettivi contro le infezioni intestinali nei bambini e che potevamo migliorare questa protezione“, ha affermato l’autore senior, il Dottor Melody Zeng, assistente professore di immunologia in pediatria presso il Dipartimento di Pediatria e membro del Gale e Ira Drukier Institute for Children’s Research presso Weill Cornell Medicine.

Proprio come gli anticorpi contro il virus SARS-CoV-2 vengono rilevati nel latte materno delle donne che sono state vaccinate con vaccini mRNA per COVID-19, il gruppo di studiosi han cercato di conferire una protezione aggiuntiva contro le infezioni intestinali nei bambini inducendo anticorpi IgG che potrebbero essere trasferito in questo modo. I ricercatori hanno creato un vaccino sfruttando un componente che si trova nei batteri intestinali, quindi hanno immunizzato topi femmine con esso prima che rimanessero gravide.

Anticorpi IgG

Lo stesso concetto, in cui la vaccinazione migliora i livelli di anticorpi IgG delle madri e trasferisce questa immunità ai suoi bambini, potrebbe proteggere i bambini“, ha spiegato il dottor Zeng: “Questa strategia potrebbe avvantaggiare in particolare i bambini prematuri, poiché tendono ad essere molto più a rischio di malattie diarroiche“.

Tali infezioni rappresentano un pericolo significativo per i bambini piccoli in generale. Le malattie diarroiche sono la seconda causa di morte tra i bambini sotto i cinque anni, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Durante gli esperimenti, i ricercatori, insiemee ai co-primi autori, la Dottoressa Katherine Sanidad e il Dottor Mohammed Amir, entrambi ricercatori associati nel laboratorio Zeng, hanno rivelato per la prima volta che, se passati ai topi neonati attraverso il latte materno, gli anticorpi IgG hanno impedito ai batteri patogeni di attaccarsi al rivestimento dell’intestino dei bambini, impedendo di dare vita ad una fase iniziale dell’infezione.

Anticorpi IgG

Il team di esperti  ha anche osservato attentamente il modo in cui gli anticorpi IgG hanno interagito con un altro insieme di microbi, i batteri genetici che vivono nell’intestino, per facilitare lo sviluppo sano dei batteri intestinali nella prole. Gli scienziati stanno scoprendo che questi microbi contribuiscono allo sviluppo e alla funzione del sistema immunitario. Ad esempio, i batteri utili addestrano il sistema immunitario a riconoscere i loro parenti patogeni.

Grazie a questa ricerca è stato scoperto che gli effetti sono a lungo termine per quanto riguarda gli anticorpi IgG protettivi. I topi che non hanno mai ricevuto IgG dalle loro madri hanno sviluppato comunità microbiche anormali all’interno delle loro viscere, che hanno portato a cambiamenti nel loro sistema immunitario. Nello specifico, i ricercatori hanno riscontrato un aumento delle cellule immunitarie intestinali che producono IL-17, una citochina proinfiammatoria collegata a malattie infiammatorie. Da adulti, i topi privi di IgG saranno più suscettibili a un’infiammazione anormale associata a disturbo infiammatorio intestinale.

I nostri risultati sottolineano davvero i benefici dell’allattamento al seno, sia immediatamente che per lo sviluppo a lungo termine del sistema immunitario nella prole”, ha concluso il dottor Zeng.

Anticorpi IgG

Sempre più ricercatori si interessano a conoscere meglio il latte materno, le sue proprietà e le dinamiche di queste. A prescindere dalla scelta che ogni donna fa sulla nutrizione del figlio, che è una decisione insindacabile e dove diventa fondamentale sospendere il giudizio, essere maggiormente informati, sapere quanto il latte materno sia prezioso per la salute della prole, rimane comunque importante, perché così si impara sia a conoscere il grande potenziale della maternità, sia a sapere di cosa ha bisogno il bambino per crescere sano, forte e amato.

Cosa ne pensi di questa importante scoperta? Questi studi ti sono di aiuto? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI