Android 13

Android 13: tutto quello che sappiamo sul futuro OS

Sebbene manchi ancora molto all'ufficialità che, secondo gli eventi passati, dovrebbe essere per il Q3 di quest'anno, qui potrai trovare tutto ciò che sappiamo su Android 13, il sistema operativo di nuova generazione di Google

Android 12 è stato rilasciato da poco e il nuovo sistema operativo non si è ancora fatto strada nella stragrande maggioranza dei telefoni, tuttavia Google pensa già al futuro, e di conseguenza possiamo già assaporare Android 13.

Il ciclo di sviluppo di Google richiede una nuova versione di Android ogni anno e, per garantire che sia priva di bug e che le applicazioni siano pronte, la società di solito apre le anteprime degli sviluppatori a febbraio o marzo, con beta più complete che seguiranno più avanti nell’anno.

Android 13

Data la natura open source di Android e il fatto che ci sono così tante persone coinvolte nell’enorme progetto, ci sono alcune cose che sappiamo già su Android 13 molto prima della sua data di rilascio ufficiale.

La prima anteprima per sviluppatori per Android 13 è arrivata all’inizio di febbraio, dandoci la possibilità di dare una prima occhiata alla prossima major release di Google. Arriva quando l’azienda completa lo sviluppo di Android 12L, un aggiornamento di metà ciclo incentrato principalmente su tablet, pieghevoli e altri dispositivi a grande schermo.

Come con la maggior parte delle prime anteprime degli sviluppatori, Android 13 DP1 si concentra principalmente sul gettare le basi per ciò che verrà, con Google che prevede di rilasciare una nuova anteprima o una versione beta una volta al mese per i prossimi sei mesi, con una versione finale prevista per la fine di questa estate.

La conferenza degli sviluppatori dell’azienda di maggio, Google I/O, ci darà un’ampia panoramica di ciò che accadrà con l’aggiornamento di quest’anno, in generale è probabile che Android 13 si concentri sui cambiamenti dietro le quinte, soprattutto sulla scia di una riprogettazione totale con Android 12.

È difficile individuare le differenze tra Android 13 DP1 e le recenti versioni beta di Android 12L, soprattutto se stai solo osservando i cambiamenti a livello di superficie, in effetti i più grandi annunci di Google finora non sono ancora attivi.

La società prevede di implementare un selettore di foto su Android 13, in modo simile a come iOS gestisce le foto, limitando una schermata di selezione dei documenti integrata alle sole immagini per determinate app, altre funzioni per modificare temi ed icone, anche se spetterà agli sviluppatori di Android 13 supportarlo, ed una nuova API per il posizionamento delle impostazioni rapide, perfetta per gli sviluppatori per promuovere le loro azioni di impostazioni rapide senza che vengano sepolte nei menu.

Android 13

Alcune modifiche minori aiutano a completare un elenco relativamente minore di nuove funzionalità, come la scorciatoia per il tocco rapido, inizialmente aggiunta a Pixel in Android 12, che sta ottenendo il supporto per l’accensione e lo spegnimento della torcia.

Il supporto multiutente sta migliorando più che mai, con una nuova “modalità hub” per la condivisione di app tra i profili e funzionalità della modalità ospite migliorata. L’aggiornamento dell’anno scorso ha apportato alcuni miglioramenti significativi alla privacy e Android 13 continua a mantenere lo slancio con visualizzazioni di 7 giorni nella dashboard della privacy e la cancellazione automatica degli appunti.

La modalità silenziosa ora disabilita quasi tutti i feedback tattili (una modifica controversa, certo, ma che ha tutto il tempo per essere annullata) e i controlli multimediali del cassetto delle notifiche stanno assumendo un nuovo aspetto.​​​​​​​

Tutto quello che si sa di Android 13

Nome in codice

Tutte le versioni di Android erano dotate di deliziosi nomi in codice basati su dolci, se ricordi Android 4.4 si chiamava KitKat, Android 9 Pie, etc.. tuttavia sebbene Google non utilizzi più questi nomi in codice per scopi di marketing, i suoi sviluppatori li utilizzano ancora internamente.

Per Android 13, questo nome è confermato essere Tiramisù, in seguito allo Snow Cone non utilizzato pubblicamente per Android 12, Red Velvet Cake per Android 11 e Quince Tart di Android 10.

Un tocco per trasferire

Ricordi Android Beam, che ti permetteva di toccare due telefoni per scambiarsi link, file e altro? È stato sostituito con Nearby Share, che non si basa sulla tecnologia NFC ma invece su Bluetooth e Wi-Fi Direct, tuttavia questo metodo tap-to-transfer è troppo pratico e intuitivo per svanire, e sembrerebbe che Google voglia resuscitarlo.

Come hanno trattato i nostri colleghi di AndroidPolice, un metodo simile per la condivisione e la riproduzione di contenuti multimediali è destinato a tornare su Android 13, ed al momento è chiamato in codice “Media TTT” (tap to transfer), ma è improbabile che Google lo commercializzi con questo nome.

Android 13

Finora, si è avuto accesso solo ad un processo demo non funzionante creato da Google, che mostra come è necessario avvicinarsi a un dispositivo per inviare o persino riprodurre file multimediali, quindi è possibile che tu possa anche utilizzarla per connetterti a futuri dispositivi domestici intelligenti come l’Home Pod di Apple.

Nuove combinazioni colore

Android 13 potrebbe darci una selezione di nuove tavolozze per estrarre i colori dallo sfondo, infatti oltre ai cosiddetti colori “Tonal Spot” esistenti, Google potrebbe offrire agli utenti o ai produttori Android l’accesso ad altri tre varianti.

Le varianti in questione sono:

  • “vibrante”, che differisce leggermente con accenti supplementari;
  • “espressivo”, che offre una gamma più ampia di colori che apparentemente si estendono anche a colori non visti sullo sfondo;
  • “spritz”, un tema desaturato, quasi monocromatico.

Le 4 varianti le puoi vedere nella tabella qui sotto.

Android 13

Oltre al lancio di Android 13 DP1, secondo alcuni rumor sembrerebbe che i temi Material You stiano arrivando su dispositivi Samsung, OnePlus, Oppo e altri.

Notifiche di attivazione

Storicamente, Android è sempre stato migliore nella gestione e nella visualizzazione delle notifiche rispetto a iOS, ma c’è una cosa che gran parte degli user apprezzano nell’ecosistema Apple: le applicazioni devono chiederti esplicitamente il permesso prima di poter inviare notifiche. Sembra tuttavia che Android 13 voglia seguire questo esempio, poiché XDA ha individuato una nuova autorizzazione che ti chiede di consentire le notifiche per le app appena installate.

Android 13

Come la maggior parte delle altre richieste di autorizzazione, verrà visualizzata quando un’app viene eseguita per la prima volta e richiede l’autorizzazione POST_NOTIFICATIONS. Le tue opzioni saranno binarie, con la possibilità di consentire o negare del tutto le notifiche, ma non è chiaro se sarai in grado di selezionare canali specifici solo in questa fase.

Con Android 13 DP1, abbiamo appreso che queste nuove autorizzazioni non saranno obbligatorie per un po’, ed in base ai requisiti dell’API, la modifica non verrà applicata fino al 2023.

Scanner di codici QR

La maggior parte di noi esperti di tecnologia sa che possiamo semplicemente usare le app della fotocamera dei nostri telefoni e puntarle verso il codice QR per scansionarlo, ma sembra che Google voglia renderlo un po’ più ovvio per coloro che potrebbero non essere troppo pratici.

Secondo quanto trapelato, sembrerebbe che Android 13 potrebbe ottenere un riquadro delle impostazioni rapide per la scansione del codice QR e una sorta di funzionalità di blocco schermo.

Android 13

Non sono sicuro se questa sarà solo una scorciatoia per una modalità fotocamera dedicata al riconoscimento del codice QR o se ciò ti consentirà semplicemente di puntare il telefono verso un codice QR mentre sei sulla schermata di blocco, in ogni caso, con i codici QR che stanno diventando così incredibilmente comuni in questi giorni, tutto ciò che renderà più facile interagire con essi è probabilmente un’aggiunta gradita per coloro che non vivono e respirano Android.

Impostazioni della lingua per app “panlingue” per le app

Questo potrebbe essere una funzione fantastica, soprattutto per le persone che, come me, parlano più lingue, sembrerebbe infatti che Android 13 potrebbe introdurre un’opzione che ti consente di impostare la tua lingua preferita in base all’app.

Questo potrebbe non sembrare troppo significativo se sei una persona che può utilizzare con sicurezza tutte le funzionalità di un’app in inglese, ma a livello internazionale ci sono tonnellate di app ottimizzate per qualche altra lingua madre, con le loro versioni in inglese che sono un ripensamento mal tradotto.

Android 13

Se sei una persona che preferisce ancora utilizzare il proprio dispositivo in inglese ma vorrebbe che alcune app funzionino in una lingua diversa in cui sei altrettanto fluente, Android 13 potrebbe essere un punto di svolta e, per me, sarebbe incredibilmente utile per cose come banche, trasporti pubblici e car sharing.

I nostri colleghi di XDA sono riusciti a mettere le mani sui primi screenshot che mostrano come funzionerà, e come puoi vedere, una nuova sezione delle impostazioni di sistema in “Lingue e input” dovrebbe darti la possibilità di scegliere la lingua preferita per ciascuna app installata sul telefono.

Misure della batteria

Android 12 ha introdotto nuove misure draconiane per il risparmio della batteria che rendono ancora più difficile l’esecuzione delle app in background, riassunte sotto il cosiddetto PhantomProcessKiller; sebbene ciò aiuti a tenere sotto controllo gli sviluppatori canaglia, porta anche a conseguenze indesiderate per le app che devono assolutamente eseguire più processi pesanti in background, come l’emulatore di terminale Linux Termux.

Android 13 potrebbe introdurre un interruttore nelle opzioni per gli sviluppatori che consentirà agli utenti esperti di disattivare questa misura per i casi limite, proprio come Termux.

Google sta anche sviluppando una nuova funzionalità chiamata “TARE“, abbreviazione di “The Android Resource Economy“, che dovrebbe monitorare come le app vengono eseguite in background e quali attività svolgono, assegnando e prendendo crediti dalle app per limitare la loro capacità di pianificare lavori illimitati per il futuro.

Poiché è ancora in fase di sviluppo attivo, probabilmente dovremo attendere che Google ci fornisca la documentazione adeguata per capire esattamente come funziona.

Supporto UWB

La banda ultra larga, o in breve UWB, è una tecnologia entusiasmante che consente un’intera serie di nuove applicazioni: può trasformare il tuo telefono in una chiave dell’auto, ti aiuta a trovare i gadget smarriti che supportano anche UWB e aumenta le funzionalità inizialmente rese possibili da NFC e Bluetooth.

Android 13

Il Pixel 6 Pro ha già un’antenna UWB a bordo, ma non la usa ancora al massimo delle sue potenzialità, con Android 13 dovrebbe aggiungere un livello di astrazione hardware generico che darà a tutti i dispositivi Android una base condivisa per il funzionamento di UWB, rendendo più facile per tutti i produttori implementare queste funzionalità futuristiche.

Per Pixel 6 Pro, alcune funzionalità UWB si faranno strada nella patch di sicurezza di Android 12 gennaio, ma il livello di astrazione completo a livello di sistema dovrebbe essere disponibile solo in Android 13.

Supporto per audio Bluetooth a basso consumo

Come notato da Mishaal Rahman, Android 13 potrebbe essere la prima versione di Android a introdurre il supporto completo per Bluetooth Low-Energy Audio.

Lo standard è inteso come un sostituto del normale streaming audio Bluetooth e porta tutta una serie di miglioramenti: minor consumo di energia a parità di qualità audio, supporto multi-stream per inviare segnali a entrambi gli auricolari contemporaneamente (o a più cuffie/altoparlanti contemporaneamente) e pieno supporto per le funzionalità introdotte nel protocollo degli apparecchi acustici di Google.

Ovviamente, i dispositivi dovranno essere dotati dell’hardware appropriato per fornirti lo streaming audio Bluetooth LE, ma questa sarà solo una questione di tempo poiché verranno rilasciati nuovi telefoni, tablet, cuffie e altoparlanti.

Pulsante Home Attiva/disattiva assistente

La navigazione gestuale potrebbe essere il futuro dell’interazione con il telefono, ma molte persone preferiscono ancora la vecchia navigazione a tre pulsanti, sia per motivi di accessibilità che semplicemente perché ci sono abituati. La navigazione a tre pulsanti, in Android 13, prevede il ritorno di una vecchia funzione.

Android 13

Secondo screenshot trapelati, ci sarà un’opzione per disabilitare il gesto che consente di premere a lungo il pulsante home per Assistant, ciò ha senso per la serie Pixel 6, poiché i nuovi telefoni sono passati a invocare l’Assistente premendo a lungo il pulsante di accensione, rimuovendo del tutto l’opzione per premere a lungo il pulsante Home per l’Assistente.

Modifiche al selettore di output

Android 10 ha introdotto un selettore di output per audio e altri media, che ti consente di scegliere facilmente come desideri ascoltare qualcosa, che sia sul telefono, sulle cuffie wireless o sugli altoparlanti Bluetooth.

Android 13

Sembra che Android 13 potrebbe darci una riprogettazione di questa interfaccia, completa di un dispositivo di scorrimento del volume molto più carino per ogni dispositivo connesso, tuttavia in questo momento è ancora in fase di sviluppo attivo, quindi l’aspetto potrebbe ancora cambiare in modo significativo, ma questi sono gli screenshot su cui sono riuscito a mettere le mani.

Blocca schermo

Il nuovo design di Material You di Android 12 e tutte le modifiche all’interfaccia in arrivo hanno lasciato la community divisa, con alcuni che desiderano un modo per attenuare un po’ le cose.

Se sei particolarmente infastidito dall’orologio esagerato che appare sulla schermata di blocco quando non hai notifiche –sui telefoni Pixel–, questa modifica ad Android 13 potrebbe fare al caso tuo: Google sembra lavorare su un interruttore per disabilitare l’enorme orologio, etichettato come “Orologio a doppia riga”, tuttavia questo non sarà esclusivo di Android 13 in quanto l’opzione è già entrata nella versione beta di Android 12L.

Un’altra modifica che potrebbe arrivare alla schermata di blocco (o, più specificamente, al keyguard in cui inserisci il PIN o la sequenza) è l’aggiunta di un selettore di account.

Non posso confermare se questo avverrà per tutti i fattori di forma o, diciamo, solo per i tablet, ma è comunque un cambiamento molto apprezzato in quanto semplificherà notevolmente il passaggio a un altro utente durante l’accesso ai dispositivi condivisi.

Boost gaming

Anche se non sappiamo ancora molto sullo stato dei giochi mobili su Android 13, Mishaal Rahman di Esper ha trovato un interessante bocconcino di informazioni sui dispositivi che verranno lanciati con la prossima versione.

Android 13

Secondo le sue scoperte nel codice AOSP, una nuova API consentirà ai giochi di aumentare temporaneamente la velocità della CPU durante il caricamento, rendendo possibile il lancio dei titoli più rapidamente di prima.

Sembra che anche alcuni telefoni Pixel attuali verranno aggiornati per sfruttare questa API, ma questo non è un dato di fatto per la maggior parte dei telefoni attualmente disponibili.

Selettore di foto

Annunciato insieme ad Android 13 DP1, il nuovo selettore di foto di Google sembra destinato a essere controverso, questo principalmente perché suona abbastanza simile a come Apple gestisce le foto su iPhone, tuttavia invece di visualizzare tutti i tuoi documenti in un unico layout, Google separerà le tue foto nel proprio menu.

Resta da vedere se questo si rivelerà essere un downgrade rispetto al modo in cui Android attualmente gestisce le sue foto, tuttavia con un po’ di fortuna, sarà disponibile in una futura anteprima per gli sviluppatori, dove potremo davvero vedere in cosa consisterà.

API di posizionamento delle impostazioni rapide

Gli sviluppatori hanno avuto la possibilità di aggiungere riquadri al menu delle impostazioni rapide di Android ormai da anni, ma con l’aggiornamento di quest’anno, chiedere agli utenti diventa ancora più semplice.

Android 13

L’API di posizionamento delle impostazioni rapide consente alle app di pubblicizzare i propri riquadri con una notifica pop-up, rendendo l’esistenza di questi strumenti e scorciatoie molto più ovvia per il proprietario medio di smartphone. Anche se c’è sempre il rischio di abusi con prompt come questi, sembra un ottimo modo per gli sviluppatori di fare un uso migliore di una parte sottoutilizzata di Android.

Abbiamo finalmente avuto il nostro primo assaggio di Android 13 con la sua prima anteprima per sviluppatori, ma c’è ancora molta strada da fare prima che venga ufficialmente rilasciato. Prevediamo che la maggior parte delle modifiche sarà riconosciuta pubblicamente a maggio, quando di solito Google tiene la sua conferenza degli sviluppatori I/O. Tuttavia, è quasi lecito presumere che avremo molte più voci, fughe di notizie e hack da esaminare prima che ciò accada.

Se sei attratto dalla scienza o dalla tecnologia, continua a seguirci, così da non perderti le ultime novità e news da tutto il mondo!

Cosa ne pensi delle novità che porterà Android 13? Sei soddisfatto? Ti aspettavi qualcosa di più e/o c’è qualcosa che non avresti voluto e/o avresti voluto fosse realizzata differentemente? Parliamone qui sotto nei commenti!

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI