Amidi resistenti

Amidi resistenti riducono il rischio di tumori ereditari

Una squadra internazionale di scienziati in collaborazione con del'Università di Newcastle e dell'Università di Leeds nel Regno Unito, ha rivelato, in una recente ricerca, un'interessante legame tra amidi resistenti e tumori ereditari. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Cancer Prevention Research

Una nuova ricerca portata avanti da una squadra internazionale di esperti ha dimostrato che gli amidi resistenti potrebbero aiutare a proteggere le persone con un rischio elevato di tumori ereditari. Lo studio, sviluppato in un arco di tempo di 10 anni, ha dimostrato che la supplementazione di amidi resistenti ha ridotto i tumori di oltre il 60%.

Amidi resistenti

L’effetto protettivo di questi amidi ha avuto una durata di 10 anni dall’interruzione dell’integrazione degli stessi. Gli studiosi sconsigliano comunque di usare integratori ma raccomandano di mangiare cibi vegetali integrali per prevenire il cancro.

I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Cancer Prevention Research.

Amidi resistenti: ecco perché è importante integrarli nella lotta contro le neoplasie ereditarie

Gli amidi resistenti (RS) sono carboidrati che passano non digeriti attraverso l’intestino tenue e vengono digeriti, o fermentati, nell’intestino crasso. Sono presenti negli alimenti a base vegetale tra cui fagioli, avena, cereali per la colazione, riso, pasta cotta e raffreddata, piselli e banane leggermente acerbe.

Amidi resistenti

Essi fanno parte della fibra alimentare, che è nota per ridurre il rischio di cancro del colon-retto e molte altre malattie non trasmissibili. I ricercatori dell’Università di Newcastle e dell’Università di Leeds nel Regno Unito hanno rivelato che un integratore in polvere di amidi resistenti può aiutare a prevenire il cancro nelle persone con sindrome di Lynch.

La squadra di esperti ha sviluppato la ricerca multinazionale denominata CAPP2 che ha reclutato quasi 1.000 volontari con diagnosi disindrome di Lynch. Gli scienziati hanno somministrato ai partecipanti una dose di 30 g di amidi resistenti per una media di due anni. La supplementazione non ha influenzato i tumori del colon-retto come previsto. Tuttavia, inaspettatamente, il suo potenziale protettivo era più evidente nel tratto digerente superiore, dove i tumori sono aggressivi e di solito non si manifestano precocemente.

La sindrome di Lynch è una patologia ereditaria, che predispone le persone al cancro del colon, cancro gastrico e molti altri tumori. Il dottor Anton Bilchik, oncologo chirurgico e presidente della divisione di chirurgia generale presso il Providence Saint John’s Health Center e capo della medicina presso il Saint John’s Cancer Institute di Santa Monica, in California, che non è stato coinvolto nello studio, ha confermato che la sindrome di Lynch è causata da una mutazione genetica che impedisce al DNA di correggersi dopo la divisione cellulare nel modo più efficace possibile, il che può dare origine a tumori. Si verifica in circa l’1% dei pazienti con cancro del colon-retto.

Il National Institute for Health and Care Excellence (NICE) del Regno Unito ha raccomandato alle persone con LS di assumere l’aspirina ogni giorno per almeno due anni per aiutare a prevenire il cancro del colon-retto. Ad oggi, la chirurgia profilattica, utile a rimuovere organi o ghiandole non cancerose è stata considerata l’unica misura preventiva contro i tumori correlati a LS al di fuori del colon.

Lo studio CAPP2 ha analizzato gli effetti a lungo termine dell’aspirina e della somministrazione di amidi resistenti sull’insorgenza del cancro nei pazienti con sindrome di Lynch.La prima ricerca durante l’esperimento ha rivelato che l’aspirina ha ridotto il cancro del colon-retto del 50%.

Amidi resistenti

Un totale di 463 partecipanti ha assunto 30 g di amidi resistenti al giorno per un massimo di quattro anni e 455 soggetti hanno assunto un placebo. La dose somministrata è stata equivalente a mangiare una banana leggermente acerba al giorno. Le banane in questa fase resistono alla rottura nell’intestino tenue, raggiungendo l’intestino crasso e alimentando di conseguenza il microbioma.

La squadra internazionale di scienziati ha  pianificato un follow-up di 10 anni e hanno studiato i dati del National Cancer Registry del Regno Unito per oltre 20 anni.Gli studiosi non hanno riscontrato differenze nel numero di casi di cancro del colon-retto. Tuttavia, un minor numero di partecipanti che ha ricevuto il supplemento di amidi resistenti ha sviluppato tumori LS non colorettali rispetto a quelli che hanno assunto il placebo. Lo studio ha osservato: “La riduzione dei tumori LS del cancro non del colon-retto è stata rilevabile nei primi 10 anni ed è continuata nel decennio successivo”.

Il team ha scoperto che la supplementazione di RS per una media di 25 mesi non ha ridotto il rischio di cancro del colon-retto nei pazienti con LS. Gli scienziati hanno riferito: “L’integrazione alimentare con RS per questo periodo di tempo limitato non emula l’effetto apparentemente protettivo delle diete ricche di [fibre alimentari] contro il cancro del colon-retto nella popolazione generale”.

Sorprendentemente, i partecipanti che hanno assunto RS avevano il 60% di probabilità in meno di essere diagnosticati con tumori LS non colorettali. L’effetto protettivo si è dimostrato più evidente con i tumori del tratto gastrointestinale superiore, inclusi i tumori dello stomaco, del dotto biliare, del pancreas e del duodeno. I ricercatori hanno trovato cinque tumori in cinque partecipanti alla somministrazione di amidi resistenti rispetto a 21 tumori in 17 del gruppo di controllo.

Attualmente, i ricercatori stanno conducendo un altro studio multinazionale che ha reclutato oltre 1.800 volontari con sindrome di Lynch. Lo studio CaPP3 mira a determinare se dosi più piccole di aspirina possono aiutare a ridurre il rischio di cancro.

La squadra di studiosi della ricerca attuale deve ancora determinare esattamente come gli amidi resistenti riducano il rischio di cancro del tratto gastrointestinale superiore. Tuttavia, sono certi che il microbiota intestinale abbia un ruolo. I microbi gastrointestinali producono un acido grasso a catena corta chiamato butirrato mentre scompongono gli amidi resistenti. Questo composto aiuta a fermare la crescita delle cellule tumorali e potrebbe indurre la morte delle cellule tumorali.

Amidi resistenti

Secondo il Dottor Bilchik, una teoria è che un aumento del butirrato possa contribuire alla riduzione dei tumori del tratto gastrointestinale superiore. Gli autori dello studio ritengono che l’effetto della somministrazione degli amidi resistenti sugli acidi biliari possa anche aiutare a spiegare il ridotto rischio di cancro della LS. Un articolo del 2022 pubblicato sulla rivista scientifica Advance Science ha dichiarato che le interazioni tra gli acidi biliari e il microbioma intestinale possono essere associati allo sviluppo del cancro gastrointestinale.

Il Dottor Bilchik si è chiesto come i ricercatori britannici siano arrivati ​​a utilizzare 30 g di amidi resistenti nello studio. L’esperto ha osservato che una figura del genere è “molto difficile da interpretare per le persone” nella vita reale. Il chirurgo ha altresì dichiarato che la ricerca non stabilisce la causalità.

Nel complesso, Bilchik ha trovato questa ricerca: “Molto interessante, perché le cause predominanti di morte nei pazienti con sindrome di Lynch sono i tumori del tratto gastrointestinale superiore. Quindi, quelli possono essere ridotti con RS, e questo è significativo”. Le implicazioni sono impressionanti poiché questi tumori sono più difficili da diagnosticare e superare rispetto ad altri tumori LS.

Il Dottor Bilchik ha espresso preoccupazione per il fatto che l’assunzione di amidi resistenti o integratori probiotici: “Potrebbe interrompere ciò che già esiste nel nostro corpo per proteggerci dal cancro”.Il chirurgo ha però apprezzato l’attuale studio per supportare “molte prove che le diete ricche di fibre riducono le possibilità di contrarre il cancro del colon-retto”.

Il dottor Michael Greger, un medico, autore e nutrizionista clinico che non è stato coinvolto nello studio, incoraggia il consumo di cibi integrali rispetto agli integratori per combattere e sconfiggere il cancro.

In un recente podcast di NutritionFacts.org , il dottor Greger ha dichiarato: “Gli alimenti contengono molte migliaia di sostanze che portano a un gran numero di possibili interazioni, ma gran parte della scienza nutrizionale è stata a lungo diretta verso l’impatto dei singoli componenti dietetici”. “

Questo tipo di approccio ‘riduzionista’ può rivelare il ruolo dei singoli nutrienti o alimenti nello sviluppo di malattie, ma pensiamo a quale sarebbe la strategia di ricerca ottimale per studiare gli effetti dei composti vegetali naturali bioattivi sulla prevenzione delle malattie”, Ha concluso.

Amidi resistenti

Per quanto riguarda i tumori ereditari in Italia, si legge nel sito dell’istituto Europeo di Oncologia (IEO): “L’oncogenetica è una nuova frontiera dell’oncologia dedicata alla componente ereditaria delle malattie tumorali con lo scopo di sviluppare misure diagnostiche, terapeutiche e preventive per i soggetti a rischio. Attraverso un approccio multidisciplinare, la Divisione di Prevenzione e Genetica Oncologica di IEO è in grado di offrire al paziente e ai suoi familiari un percorso personalizzato che preveda:

•la valutazione del rischio eredo-familiare,

•la definizione di un programma di sorveglianza clinica e strumentale di anticipazione diagnostica,

•l’eventuale ricorso a misure farmacologiche /chirurgiche per la riduzione del rischio”.

“È importante sottolineare che chi è portatore di mutazione genetica non necessariamente si ammalerà di tumore, ma ha un rischio maggiore che ciò avenga. Non si eredita la malattia, ma solo la mutazione genetica; di conseguenza il rischio  di ammalarsi di tumore rispetto alla popolazione generale aumenta”.

 “Secondo quanto sappiamo oggi, i tumori che più frequentemente possono rientrare nella categoria dei tumori “ereditari” sono:

  • tumore al seno;
  • tumore ovarico;
  • tumore al colon;
  • tumore della cute (melanoma);
  • tumore gastrico;
  • tumore pancreatico;
  • tumore alla prostata;
  • tumore alla tiroide;
  • tumore all’utero;

Molte sono le ricerche in corso nel campo dell’oncogenetica e nei prossimi anni assisteremo alla scoperta di nuovi geni e alla messa a punto di test genetici per la loro identificazione nei soggetti a rischio”.

Eri a conoscenza dell’importante funzione degli amidi resistenti? Dopo aver letto l’articolo, ne parlerai col tuo medico di fiducia? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI