Amenorrea

Amenorrea: cos’è e come si cura

L'amenorrea è l'assenza di ciclo per un periodo determinato e può essere classificata in primaria e secondaria a seconda delle circostanze

L’amenorrea è l’assenza di mestruazioni, spesso definita come la mancanza di uno o più periodi mestruali. L’amenorrea primaria si riferisce all’assenza di mestruazioni in qualcuno che non ha avuto un ciclo all’età di 15 anni. Le cause più comuni di amenorrea primaria riguardano i livelli ormonali, sebbene anche problemi anatomici possano causare amenorrea.

Amenorrea

Amenorrea: le cause principali

Un  viene contato dal primo giorno di sanguinamento di un  al primo giorno di sanguinamento del periodo successivo. La maggior parte delle donne ha un ciclo mestruale che dura dai 21 ai 35 giorni. Un periodo tipico dura da 2 a 7 giorni, con il sanguinamento più pesante nei primi 3 giorni.

Amenorrea

L’amenorrea secondaria si riferisce all’assenza di tre o più periodi consecutivi da parte di qualcuno che ha avuto periodi in passato. La gravidanza è la causa più comune di amenorrea secondaria, sebbene anche i problemi con gli ormoni possano causare amenorrea secondaria. A seconda della causa dell’amenorrea, potresti riscontrare altri segni o sintomi insieme all’assenza di periodi, come ad esempio:

Secrezione lattea dal capezzolo;

La perdita di capelli;

Male alla testa;

La visione cambia;

Eccesso di peli sul viso;

Dolore pelvico;

Acne.

L’amenorrea può verificarsi per una serie di motivi. Alcuni sono normali, mentre altri possono essere un effetto collaterale dei farmaci o un segno di un problema medico. Alcune persone che assumono pillole anticoncezionali (contraccettivi orali) potrebbero non avere il ciclo. Anche dopo aver interrotto la pillola anticoncezionale, potrebbe essere necessario del tempo prima che l’ovulazione regolare e le mestruazioni ritornino. Anche i contraccettivi iniettati o impiantati possono causare amenorrea, così come alcuni tipi di dispositivi intrauterini.

Alcuni farmaci possono causare l’interruzione dei periodi mestruali, inclusi alcuni tipi di:

Antipsicotici;

Chemioterapia contro il cancro;

Antidepressivi;

Farmaci per la pressione sanguigna;

Farmaci per l’allergia;

Amenorrea

A volte i fattori dello stile di vita contribuiscono all’amenorrea, ad esempio:

Basso peso corporeo. Un peso corporeo eccessivamente basso – circa il 10% sotto il peso normale – interrompe molte funzioni ormonali nel corpo, arrestando potenzialmente l’ovulazione. Le donne che hanno un disturbo alimentare, come l’anoressia o la bulimia, spesso smettono di avere il ciclo a causa di questi cambiamenti ormonali anormali.

Esercizio eccessivo. Le donne che partecipano ad attività che richiedono un allenamento rigoroso, come il balletto, possono vedere i loro cicli mestruali interrotti. Diversi fattori si combinano per contribuire alla perdita delle mestruazioni negli atleti, tra cui basso grasso corporeo, stress e alto dispendio energetico.

Fatica. Lo stress mentale può alterare temporaneamente il funzionamento dell’ipotalamo, un’area del cervello che controlla gli ormoni che regolano il ciclo mestruale. Di conseguenza, l’ovulazione e le mestruazioni possono interrompersi. I periodi mestruali regolari di solito riprendono dopo che lo stress è diminuito.

Molti tipi di problemi medici possono causare uno squilibrio ormonale, tra cui:

Sindrome dell’ovaio policistico (PCOS)La PCOS causa livelli relativamente alti e sostenuti di ormoni, piuttosto che i livelli fluttuanti osservati nel normale ciclo mestruale.

Malfunzionamento della tiroide. Una ghiandola tiroidea iperattiva (ipertiroidismo) o ipoattiva (ipotiroidismo) può causare irregolarità mestruali, inclusa l’amenorrea.

Tumore ipofisario. Un tumore non canceroso (benigno) nella ghiandola pituitaria può interferire con la regolazione ormonale delle mestruazioni.

Menopausa precoce. La menopausa di solito inizia intorno ai 50 anni. Ma, per alcune donne, l’apporto ovarico di ovuli diminuisce prima dei 40 anni e le mestruazioni si fermano.

Anche i problemi con gli stessi organi sessuali possono causare amenorrea. Esempi inclusi:

Cicatrici uterine. La sindrome di Asherman, una condizione in cui il tessuto cicatriziale si accumula nel rivestimento dell’utero, a volte può verificarsi dopo una dilatazione e curettage (D&C), taglio cesareo o trattamento per fibromi uterini. Le cicatrici uterine impediscono il normale accumulo e lo spargimento del rivestimento uterino.

Mancanza di organi riproduttivi. A volte sorgono problemi durante lo sviluppo fetale che portano alla mancanza di parti del sistema riproduttivo, come l’utero, la cervice o la vagina. Poiché il sistema riproduttivo non si è sviluppato completamente, i cicli mestruali non sono possibili più tardi nella vita.

Anomalia strutturale della vagina. Un’ostruzione della vagina può prevenire il sanguinamento mestruale visibile. Nella vagina può essere presente una membrana o parete che blocca il deflusso di sangue dall’utero e dalla cervice.

I fattori che possono aumentare il rischio di amenorrea includono:

Storia famigliare. Se altre donne della tua famiglia hanno avuto l’amenorrea, potresti aver ereditato una predisposizione al problema.

Problemi alimentari. Se hai un disturbo alimentare, come l’anoressia o la bulimia, sei a maggior rischio di sviluppare amenorrea.

Allenamento di atletica. Un rigoroso allenamento atletico può aumentare il rischio di amenorrea.

Storia di alcune procedure ginecologiche. Se hai avuto un D&C , in particolare in relazione alla gravidanza, o una procedura nota come procedura di escissione di elettrodiatermia ad anello (LEEP), il rischio di sviluppare amenorrea è maggiore

Le cause dell’amenorrea possono causare anche altri problemi. Questi includono:

Infertilità e problemi con la gravidanza. Se non ovuli e non hai il ciclo mestruale, non puoi rimanere incinta. Quando lo squilibrio ormonale è la causa dell’amenorrea, questo può anche causare aborto spontaneo o altri problemi con la gravidanza.

Stress psicologico. Non avere periodi in cui i tuoi coetanei hanno i loro può essere stressante, specialmente per i giovani che stanno passando all’età adulta.

Osteoporosi e malattie cardiovascolari. Questi due problemi possono essere causati dalla mancanza di estrogeni a sufficienza. L’osteoporosi è un indebolimento delle ossa. Le malattie cardiovascolari includono infarto e problemi ai vasi sanguigni e al muscolo cardiaco.

Dolore pelvico. Se un problema anatomico sta causando l’amenorrea, può anche causare dolore nella zona pelvica.

Amenorrea

la dottoressa Manuela Farris, ginecologa, ha dichiarato: Intanto è utile chiarire che esistono due tipi di amenorrea: quella primaria, che riguarda le ragazze che a 16 anni non hanno ancora avuto le loro prime mestruazioni e quella secondaria che invece comporta l’assenza di ciclo per almeno tre mesi. In altri casi, quando le mestruazioni sono irregolari, e arrivano a distanza per esempio di 60 giorni, si parla di oligomenorrea”

“Una delle cause più comuni è la perdita di peso soprattutto se repentina. Molte ragazze che seguono diete severe si ritrovano spesso in una condizione di amenorrea. Anche le atlete o ragazze che praticano sport a livello agonistico sono spesso soggette ad amenorrea. Poi ci possono essere alcuni casi di amenorrea ipotalamica (provocata da stress o ancora da perdita di peso) e anche le ragazze obese, o che hanno avuto un aumento di peso improvviso, possono essere soggette a questo problema”.

“La sindrome dell’ovaio policistico, può provocare irregolarità mestruale oppure amenorrea, alcune forme di tiroidite e la iperprolattinemia che può essere causata da un semplice aumento di prolattina o da un adenoma ipofisario”.

Farris ha spiegato che in alcuni casi si tratta di un meccanismo di difesa dell’organismo: “È una protezione fisiologica, nel caso di amenorrea provocata da una perdita di peso, se si scende sotto un certo livello di massa grassa non vengono più prodotti estrogeni e si blocca tutto il meccanismo di produzione a livello cerebrale. Di fatto il fisico non sarebbe in condizione di portare avanti una gravidanza e per questo si bloccano le mestruazioni. E lo stesso vale per le atlete, tutte muscoli e con pochissima massa grassa, pensiamo alle ballerine oppure alle ginnaste: il corpo si protegge per evitare che ci possa essere una gravidanza che non potrebbe sostenere”.

“Tranne nel caso in cui l’amenorrea sia provocata dalla sindrome dell’ovaio policistico (in quel caso non siamo in presenza di una carenza estroprogestinica) l’assenza di mestruazioni prolungata provoca perdita di massa ossea. È questa la conseguenza più grave. Aver sofferto di amenorrea non incide sulla fertilità (discorso a parte sempre nel caso che sia provocata dalla sindrome dell’ovaio policistico)”.

Se invece l’amenorrea è causata da un calo ponderale importante e da disturbi dell’alimentazione: “In questi casi ci vuole un team di medici ed esperti per risolvere il problema e ritornare ad avere le mestruazioni. In genere comunque una volta che si rimette il peso e che si torna ad avere una percentuale di massa grassa pari ad almeno il 17-18%, le mestruazioni tornano”.

“Certo ci potrebbe volere un po’ di tempo perché a volte ai disturbi alimentari si aggiunge lo stress che può influenzare le mestruazioni, bisogna avere un po’ di pazienza.”La pillola può servire eventualmnete per ripristinare gli estrogeni carenti. Ma questa valutazione va fatta sempre in maniera accurata con il proprio ginecologo”, ha concluso l’esperta.

Amenorrea

È importante specificare che si tratta di un articolo a scopo divulgativo e non ha nessuna intenzione di sostituire il prezioso lavoro del medico di famiglia e di eventuali medici specialisti di riferimento. L’amenorrea è una condizione seria e come tale va trattata, indagandone le cause e trovando le giuste terapie, personalizzate per ogni paziente. Circa 1 donna su 25 che non è incinta, che allatta o che sta attraversando la menopausa sperimenta l’amenorrea ad un certo punto della propria vita.

Hai mai sofferto di amenorrea? Pensi che non se ne parli abbastanza? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI