amd

AMD Computex 2022 presenta in anteprima le CPU per laptop economici

Al Computex 2022, AMD presenta in anteprima la nuova generazione di CPU per PC desktop e una nuova CPU per laptop

AMD vuole soddisfare il mercato, dove sono sempre richiesti laptop più economici con meno compromessi, inoltre le nuove CPU per PC promettono più del solito aumento delle prestazioni generazione dopo generazione, oltre al supporto per alcune tecnologie che possono migliorare la velocità e la fluidità del gioco.

Durante il suo keynote per il Computex 2022, Lisa Su, CEO del gigante di chip AMD, ha presentato in anteprima nuovi prodotti e tecnologie che possiamo aspettarci di vedere a partire dai prossimi mesi e dirigersi verso il resto del 2022.

Includono la lunga serie Ryzen 7000 di nuova generazione di CPU desktop a 5 nm, nome in codice “Rafael”, e la relativa architettura della piattaforma, nonché nuove CPU Ryzen (nome in codice “Mendocino”) destinate a laptop economici e Chromebook che costano €399- €699.

Le nuove CPU mobili economiche non sono notizie sismiche, ma i prodotti che guidano sono quelli che le persone stanno cercando. In questo caso, AMD aumenterà i suoi chip mobili Ryzen di fascia bassa per laptop Windows e Chromebook, apparentemente aggiornamenti per Ryzen 3 5425U e 5425C (sebbene AMD non abbia specificato il nome delle linee).

La maggior parte in particolare con la grafica integrata RDNA 2 e alcune delle più recenti tecnologie di risparmio energetico che consentiranno ai laptop di raggiungere l’obiettivo di AMD di 10 ore di durata della batteria in un uso misto. Il passaggio a RDNA 2 da solo dovrebbe fornire un notevole vantaggio per quei laptop.

AMD CPU per PC di nuova generazione

amd

AMD ha abbandonato un po’ la sua prossima architettura Zen 4 al CES 2022 e oggi ha offerto molti più dettagli, incluso il fatto che sembra essere sulla buona strada per la seconda metà di quest’anno.

Zen 4 si basa su due chipset da 5 nm contenenti i core del processore che condividono lo spazio con un chipset di supporto da 6 nm che aggiunge una GPU integrata basata sulla sua architettura RDNA 2, recentemente incorporata nei suoi processori mobili Ryzen 6000 con HDMI 2.1 e DisplayPort 2.

Raggiunge anche Intel con il supporto per memoria DDR5, Wi-Fi 6E e fino a 24 corsie per l’archiviazione e la grafica degli slot PCIe Gen 5 all’avanguardia. I core hanno il doppio della cache L2 (1 MB per core) e un set di istruzioni ampliato per consentire una maggiore accelerazione dell’IA.

AMD afferma che tutto ciò si traduce in un aumento di oltre il 15% delle prestazioni del singolo core e consente di raggiungere una frequenza di boost massima di oltre 5 GHz. Sebbene abbia ridotto sostanzialmente il divario, AMD tende ancora a inseguire Intel per la velocità single-core, che le applicazioni tendono a utilizzare per l’elaborazione intensiva per short-burst.

Non ci sono ancora SSD PCIe 5 NVMe in spedizione, ma AMD afferma che almeno Crucial dovrebbe averne uno pronto quando le nuove schede madri verranno lanciate in autunno. Parlando di schede madri, la Ryzen 7000 utilizza un nuovo socket, AM5, che ha un numero di pin maggiore di AM4, oltre al supporto nativo per un assorbimento di potenza del processore di 170 watt (AM4 è 142 watt).

Uno svantaggio della nuova architettura: non supporta DDR5, solo DDR4. Poiché DDR5 è ancora più costoso di DDR4, significa che non è possibile costruire una build a buon mercato e attendere che i prezzi scendano per l’aggiornamento.

I chipset della scheda madre saranno disponibili in tre versioni, proprio come fanno oggi: un X670 Extreme per overclocker maniaci del controllo, con PCIe 5 in tutto; X670 con overclocking basato, almeno uno slot PCIe 5 m.2 NVMe e PCIe 5 opzionale per la scheda grafica; e un B650 mainstream, che ha solo PCIe 5 per l’SSD m.2. Le schede madri per la prima ondata di sistemi arriveranno dai soliti sospetti, ASRock, Asus, BioStar, Gigabyte e MSI.

La società ha anche annunciato una nuova aggiunta al suo repertorio di laptop da gioco “intelligenti”, SmartAccess Storage, che incorpora il supporto per DirectStorage di Windows 11, la tecnologia utilizzata da Xbox Series X e S, per accelerare il caricamento di giochi e risorse di gioco da un SSD.

Eseguendo la decompressione delle texture sul chip grafico e fornendo alla GPU l’accesso diretto alla memoria di sistema (SmartAccess Memory), consentendole di prendere un percorso più rapido verso la memoria grafica piuttosto che il solito lungo giro tramite la CPU.

Si unisce a SmartShift Max, che può mescolare la potenza secondo necessità tra CPU e GPU nei giochi supportati per massimizzare la velocità dove serve di più e SmartAccess Graphics, che commuta in modo intelligente la connessione del display tra processori grafici integrati e discreti (una comoda modifica che utilizza meno potenza rispetto al tipico design grafico ibrido), nonché SmartShift Eco, che può passare automaticamente da una GPU all’altra quando rileva che hai scollegato l’alimentatore.

Tutti questi vanno in un laptop che AMD soprannomina AMD Advantage, che come il marchio Evo di Intel, significa che utilizza i chip e le tecnologie AMD più attuali. Quest’estate,Corsair lancerà un nuovo laptop AMD Advantage, che secondo AMD è il primo ottimizzato per lo streaming, il Corsair Voyager.

“Ottimizzato” significa che incorpora la tecnologia di streaming di Elgato (di proprietà di Corsair) con software e 10 tasti della tastiera dedicati per emulare uno Stream Deck e una webcam FHD più software basato su Elgato Facecam. Potrai acquistare versioni personalizzate del Voyager tramite Origin PC (anch’esso di proprietà di Corsair).

Che en pensi delle nuove CPU di AMD? Facci sapere nei commenti!

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI