Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
migliori accessori per dispositivi echo

Amazon vuole portare Alexa su ogni dispositivo elettronico

La società di eCommerce ha modificato i requisiti minimi per integrare Alexa all'interno di un dispositivo per espandere maggiormente il proprio assistente virtuale

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

Durante gli ultimi anni abbiamo assistito ad una rapida espansione dei prodotti che includono un assistente virtuale al loro interno, ed il numero di questi dispositivi elettronici è destinato a crescere.

L’assistente virtuale di Amazon è già presente in tutta la linea Echo, ma sta cercando di conquistare anche le apparecchiature legate ad altri settori.

Il colosso statunitense delle vendite online ha appena aggiornato i requisiti necessari per poter integrare i servizi vocali offerti da Alexa all’interno di un dispositivo.
Lo scopo è proprio quello di riuscire a renderlo disponibile anche per i prodotti più economici che non possono contare su grandi comparti hardware.

Prima di queste modifiche i produttori dovevano necessariamente disporre di una piattaforma hardware che avesse almeno 100 MB di memoria, accompagnati da un processore basato sull’architettura ARM (Cortex di classe A).
Questi requisiti sono appena diventati molto meno restrittivi, infatti adesso viene richiesto solamente 1MB di RAM ed un qualsiasi processore economico basato su ARM.

Questa evoluzione è stata possibile grazie al continuo sviluppo delle infrastrutture cloud della società.
Si è cercato di ridurre al minimo le operazioni da gestire in locale, delegando ai server dell’infrastruttura AWS (azienda dei servizi di Amazon) la maggior parte del lavoro di elaborazione delle richieste.

Il dispositivo dovrà solamente avere le componenti necessarie per riconoscere i comandi legati all’attivazione di Alexa, mentre l’elaborazione degli input verrà interamente gestita da alcuni programmi nel cloud.

Grazie a queste nuove tecnologie sarà possibile integrare l’assistente virtuale direttamente in prodotti come lampadine intelligenti ed interruttori, senza che debbano necessariamente interfacciarsi con dispositivi esterni.

Una diffusione così vasta di Alexa ha tutte le potenzialità per modificare in modo drastico il rapporto tra l’uomo e gli assistenti virtuali.
Grazie a questi cambiamenti non si dovrà più fare riferimento ad un unico dispositivo, ma potremo attivare Alexa in qualsiasi punto della casa in cui ci troveremo.

Potrebbe interessarti...

Scienze

Vaccino HPV monodose: ecco perché è altamente funzionante

Windows 11

Media Player da oggi avrà un restyling su Windows 11

Apple Podcasts

Apple gioca e vince contro i colossi del gaming

Scienze

Sars cov 2: cosa succede se i bambini si ammalano a lungo di covid?

Makalu 67

Makalu 67 di Mountain: il primo mouse con PixArt PMW3370

Scienze

Trapianto di rene da maiale a uomo: cosa comporta?

Pensi che avere Alexa all’interno di ogni dispositivo possa essere utile? Hai alcune preoccupazioni riguardo la sicurezza? Parliamone nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
1 Comment
più votati
più nuovi più vecchi
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti

[…] è difficile pensare che questa mossa possa essere collegata alla volontà della società di voler portare Alexa su ogni dispositivo. Per riuscire ad abbassare i requisiti di installazione dell’assistente virtuale, Amazon ha […]

Teufel CAGE

22 ottobre, 2021

Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0