Cibo ultra lavorato, alimenti ultraprocessati

Alimenti ultraprocessati: da evitare in gravidanza? 

Uno studio ha spiegato perche durante la gravidanza andrebbero evitato gli alimenti ultraprocessati

Se sei incinta, potresti pensarci due volte prima di fare mangiare alimenti ultraprocessati come un hamburger o prendere un dolce preconfezionato, secondo una ricerca pubblicata il mese scorso sulla rivista Environmental International.

Cibo ultra lavorato, alimenti ultraprocessati

Alimenti ultraprocessati: perché sono da evitare se sei incinta

Stranamente, il rapporto non prende di mira gli alimenti ultraprocessati in sé– né le patatine fritte, gli hamburger e nemmeno i frullati e le torte – ma ciò che tocca gli alimenti ultraprocessati prima di mangiarlo.

La ricerca mostra che gli ftalati, una classe di sostanze chimiche associate alla plastica, possono diffondersi negli alimenti dagli involucri, dagli imballaggi e persino dai guanti di plastica indossati da coloro che manipolano gli alimenti. Una volta consumate durante la gravidanza, le sostanze chimiche possono entrare nel flusso sanguigno, attraverso la placenta e quindi nel flusso sanguigno fetale.

La sostanza chimica può causare stress ossidativo e una cascata infiammatoria all’interno del feto, hanno osservato i ricercatori. La letteratura precedente ha indicato che l’esposizione agli ftalati durante la gravidanza può aumentare il rischio di basso peso alla nascita, parto pretermine e disturbi di salute mentale infantile come l’autismo e l’ADHD.

Questo è il primo studio condotto su donne in gravidanza a dimostrare che le diete ricche di alimenti ultraprocessati sono collegate a una maggiore esposizione a ftalati , hanno scritto gli autori.

“Quando le mamme sono esposte a questa sostanza chimica, questa può attraversare la placenta ed entrare nella circolazione fetale”, ha affermato l’autrice senior, la dottoressa Sheela Sathyanarayana, pediatra della UW Medicine e ricercatrice presso il Seattle Children’s Research Institute.

Questa analisi ha coinvolto i dati della coorte di ricerca CANDLE (Conditions Affecting Neurocognitive Development and Learning in Early Childhood), che comprendeva 1.031 individui incinte a Memphis, Tennessee, arruolati tra il 2006 e il 2011. I livelli di ftalati sono stati misurati nei campioni di urina raccolti durante il secondo trimestre di gravidanza.

I ricercatori hanno scoperto che gli alimenti ultraprocessati costituivano in media dal 10% al 60% della dieta dei partecipanti, ovvero il 38,6%. Ogni proporzione alimentare superiore del 10% di alimenti ultraprocessati era associata a una concentrazione maggiore del 13% di di(2-etilesil) ftalato, uno degli ftalati più comuni e dannosi. Le quantità di ftalati sono state ricavate attraverso campioni di urina prelevati dalle donne coinvolte nello studio.

Gli alimenti ultraprocessati, secondo i ricercatori, sono costituiti principalmente da sostanze estratte da alimenti come oli, zucchero e amido, ma sono stati così modificati dalla lavorazione e dall’aggiunta di sostanze chimiche e conservanti per migliorarne l’aspetto o la durata di conservazione che sono difficili da smaltire. riconoscere dalla loro forma originale, hanno osservato i ricercatori. Tra questi si annoverano ad esempio preparati per torte confezionati oppure patatine fritte, panini per hamburger e bibite analcoliche confezionati.

Quando si tratta di fast food e alimenti ultraprocessati in generale, i guanti indossati dai dipendenti e le attrezzature o gli strumenti per la conservazione, la preparazione e il servizio possono essere le principali fonti di esposizione. Sia gli ingredienti congelati che quelli freschi sarebbero soggetti a queste fonti, ha affermato l’autore principale Brennan Baker, ricercatore post-dottorato nel laboratorio di Sathyanarayana.

Questo è il primo studio, dicono i ricercatori, a identificare gli alimenti ultraprocessati come un collegamento tra l’esposizione agli ftalati e i problemi socioeconomici che le madri devono affrontare. La vulnerabilità delle madri potrebbe derivare dalle difficoltà finanziarie e dal vivere in “deserti alimentari” dove cibi più sani e freschi sono più difficili da ottenere e il trasporto verso mercati lontani non è realistico.

Dieta ricca di grassi, alimenti ultraprocessati

“Non diamo la colpa alla persona incinta qui”, ha detto Baker. “Dobbiamo invitare produttori e legislatori a offrire sostituti, che potrebbero non essere ancora più dannosi”.

Sono necessarie ulteriori leggi, affermano gli autori, per prevenire la contaminazione da ftalati negli alimenti ultraprocessati, regolando la composizione delle confezioni degli alimenti o anche dei guanti che gli addetti alla manipolazione degli alimenti possono utilizzare.

Cosa dovrebbero fare adesso le donne incinte? Sathyanarayana ha affermato che le donne incinte dovrebbero cercare di evitare il più possibile gli alimenti ultraprocessati e cercare frutta, verdura e carni magre. La lettura delle etichette può entrare in gioco qui, ha aggiunto.

“Cerca il numero più basso di ingredienti e assicurati di poter capire gli ingredienti”, ha detto. Questo vale anche per i “cibi sani” come le barrette per la colazione. Vedi se è addolcito con datteri o contiene una litania di grassi e zuccheri, ha detto.

Esistono prove sempre più numerose che dimostrano che gli alimenti ultraprocessati non solo sono dannosi per la salute, ma aumentano anche il rischio di cancro. Il termine alimenti ultraprocessati è stato creato come un modo per classificare gli alimenti, noto come classificazione NOVA. Il sistema consente agli esperti di comprendere meglio l’impatto sulla salute delle diverse categorie di alimenti.

La dottoressa Dawn Mussallem della Mayo Clinic parla più approfonditamente della connessione tra cibo ultraprocessato e cancro.”L’americano medio negli Stati Uniti consuma almeno il 63% di alimenti ultraprocessati”, afferma il dottor Mussallem.

Dice che le verdure rappresentano solo il 12% della dieta americana media e la metà di quelle consumate vengono trasformate. “Sappiamo che gli alimenti ultraprocessati sono direttamente collegati alla mortalità o ai decessi prematuri”.

Sono anche collegati al cancro del colon-retto, delle ovaie e della mammella .”Gli studi ci mostrano che non solo gli alimenti ultraprocessati aumentano il rischio di cancro, ma che dopo una diagnosi di cancro tali alimenti aumentano il rischio di morte”, afferma il dottor Mussallem.”Gli alimenti ultraprocessati sarebbero cose in un pacchetto: cose come cracker, pasticcini, cupcake e muffin, carne lavorata”, dice.Includono ingredienti che non puoi portare nella tua cucina.

“Con questi alimenti ultraprocessati, si ottengono sostanze chimiche e additivi che probabilmente sono molto rischiosi per i sopravvissuti al cancro”, afferma il dottor Mussallem.Aggiungi molta frutta e verdura alla tua dieta. Mangia cereali integrali , legumi, noci e semi per ottenere benefici per la salute ottimali.

Secondo un nuovo studio condotto da ricercatori della Friedman School of Nutrition Science & Policy della Tufts University, le calorie che i bambini e gli adolescenti hanno consumato da alimenti ultraprocessati sono aumentate dal 61% al 67% dell’apporto calorico totale dal 1999 al 2018. Pubblicato il 10 agosto 2021 su JAMA , lo studio ha analizzato l’assunzione alimentare di 33.795 bambini e adolescenti a livello nazionale.

Ossido nitrico, alimenti ultraprocessati

“Alcuni pani integrali e latticini sono ultraprocessati e sono più sani di altri alimenti ultraprocessati. La lavorazione può mantenere il cibo più fresco più a lungo, consente di fortificare e arricchire il cibo e migliora la comodità del consumatore”, ha affermato l’autore senior e corrispondente Fang Fang Zhang, epidemiologo nutrizionista presso la Friedman School. “Ma molti alimenti ultraprocessati sono meno salutari, con più zucchero e sale e meno fibre, rispetto agli alimenti non trasformati e minimamente trasformati, e l’aumento del loro consumo da parte di bambini e adolescenti è preoccupante.”

Il picco maggiore di calorie è arrivato da piatti pronti o da riscaldare come pizza e hamburger da asporto e surgelati: dal 2,2% all’11,2% delle calorie. Il secondo maggiore aumento di calorie è arrivato dagli snack dolci e dai dessert confezionati, il cui consumo è cresciuto dal 10,6% al 12,9%.

Si è verificato un aumento maggiore nel consumo di alimenti ultraprocessati tra i neri non ispanici (10,3%) e i messicani americani (7,6%) rispetto ai bianchi non ispanici (5,2%). Le tendenze in altri gruppi razziali/ etnici non sono state valutate a causa della mancanza di dati sufficienti che consentano stime rappresentative a livello nazionale attraverso i cicli di indagine.

Non sono state riscontrate differenze statisticamente significative nei risultati complessivi in base all’istruzione dei genitori e al reddito familiare. “L’assenza di disparità basate sull’istruzione dei genitori e sul reddito familiare indica che gli alimenti ultraprocessati sono pervasivi nella dieta dei bambini”, ha affermato Zhang. “Questa scoperta supporta la necessità che i ricercatori tengano traccia delle tendenze nel consumo alimentare in modo più completo, tenendo conto del consumo di alimenti ultraprocessati.”

Durante il periodo di studio, le calorie provenienti da alimenti spesso più sani non trasformati o minimamente trasformati sono diminuite dal 28,8% al 23,5%. La restante percentuale di calorie proveniva da alimenti moderatamente trasformati come formaggio, frutta e verdura in scatola e esaltatori di sapidità aggiunti dal consumatore come zucchero, miele, sciroppo d’acero e burro.

C’erano buone notizie: le calorie delle bevande zuccherate sono scese dal 10,8% al 5,3% delle calorie complessive, con un calo del 51%.

“Questa scoperta mostra i benefici della campagna concertata negli ultimi anni per ridurre il consumo complessivo di bevande zuccherate”, ha affermato Zhang. “Dobbiamo mobilitare la stessa energia e lo stesso livello di impegno quando si tratta di altri alimenti ultraprocessati malsani come torte, biscotti, ciambelle e brownies.”

“In ulteriori analisi, abbiamo confrontato la composizione degli alimenti ultraprocessati con quella degli alimenti non ultraprocessati utilizzando i dati del periodo 2017-2018. Abbiamo scoperto che gli alimenti ultraprocessati contengono una percentuale sostanzialmente più elevata di calorie provenienti da carboidrati e zuccheri aggiunti e livelli più elevati di sodio , ma contenevano anche meno fibre e una percentuale inferiore di calorie provenienti dalle proteine”, ha affermato il primo autore dello studio, Lu Wang , ricercatore post-dottorato presso la Friedman School.

“La trasformazione degli alimenti è una dimensione spesso trascurata nella ricerca nutrizionale. Potrebbe essere necessario considerare che l’ultraprocessazione di alcuni alimenti può essere associata a rischi per la salute, indipendentemente dallo scarso profilo nutrizionale degli alimenti ultraprocessati in generale”, ha concluso Zhang.

alimenti ultraprocessati

Gli alimenti ultraprocessati sono alimenti pronti da mangiare o da riscaldare, spesso ricchi di zuccheri aggiunti, sodio e carboidrati e poveri di fibre, proteine, vitamine e minerali. In genere contengono zuccheri aggiunti, oli idrogenati e esaltatori di sapidità. Gli esempi includono snack dolci e dessert confezionati, cereali zuccherati per la colazione, patatine fritte, hamburger da fast food e alcuni pranzi come mortadella e salame. Se consumati in eccesso, questi alimenti sono collegati al diabete, all’obesità e ad altre gravi condizioni mediche, come alcuni tumori.

Cosa ne pensi di questo studio? Vorresti avere più informazioni al riguardo? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI