Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Alien, il malware che spia il tuo smartphone

Il nuovo malware è capace di accedere a tutti i contenuti dello smartphone e rubare le password e le credenziali del conto corrente

Alien malware
Alien malware

Avevi già sentito parlare di Alien? Hai avuto a che fare con questo terribile malware?

L’ennesima minaccia ai nostri dati sensibili è stata servita: si chiama Alien, ed è un malware che si nasconde dietro 226 app ed è in grado di accedere a tutte le tue informazioni, leggere ed inviare messaggi e intrufolarsi nel tuo conto corrente.

Alien malware

Insomma, questa volta abbiamo a che fare con un virus particolarmente pericoloso sia per i nostri risparmi che per le nostre relazioni interpersonali.

Alien: come funziona

Il pericoloso malware riesce ad entrare nel tuo smartphone attraverso un’app che tu hai scaricato in buona fede. Una volta installata l’app, Alien inizia il suo lavoro e accede alla tua lista contatti, legge ed invia messaggi, installa e rimuove app da remoto, invia notifiche, devia le chiamate, blocca lo schermo o mostra pagine web a scelta di colui che c’è dietro il virus, da remoto.

Alien malware

Secondo gli esperti informatici, Il nuovo malware è un prodotto derivato dal codice sorgente di Cerberus, altro trojan bancario per Android e come se non bastasse, il suo creatore ha deciso di donarlo gratuitamente alla comunità hacker che popola il Dark Web.

Ma come fa questo virus così insinuoso a rubare password e credenziali del conto corrente? Semplicemente mostrando al malcapitato di turno false schermate di login, dove l’utente inserisce in tutta tranquillità le sue informazioni, inconsapevole che in realtà qualcuno se ne vuole impossessare per fini tutt’altro che edificanti.

Le app bancarie non sono però le sole ad essere nel mirino dei soliti cybercriminali: infatti, tra gli obiettivi di Alien ci sarebbero anche quelle dedicate ai social network, all’instant messaging (Telegram e WhatsApp) e alla posta elettronica (come Gmail).

Commenti recenti

Commenta qui...

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0