airtag

AirTag Apple e la paura degli stalker

Apple ha rilasciato una guida alla sicurezza aggiornata tra le continue preoccupazioni sui dispositivi AirTag dell'azienda.

Gli AirTag sono progettati per individuare gli oggetti smarriti utilizzando la potente rete “Trova il mio” di Apple. Sono piccoli oggetti a forma di bottone che possono essere attaccati alle chiavi o al portafoglio. Tuttavia, la stampa di settore ed alcuni punti vendita hanno precedentemente trovato prove che gli AirTag sono stati utilizzati in modo improprio per rintracciare le persone.

La nuova guida alla sicurezza personale per gli utenti di Apple offre supporto per le persone che sono “preoccupate per abusi, stalking o molestie indotte dalla tecnologia”. La guida dice che offre istruzioni “passo dopo passo” su come gli utenti possono proteggersi.

Apple AirTags: Uno strumento perfetto per lo stalking

airtag

La sezione sicurezza della guida agli AirTag mostra agli utenti cosa fare se vengono avvisati di un AirTag indesiderato, una notifica che appare sullo schermo di un iPhone. Evidenzia anche cosa fare se ascolti o trovi un AirTag che non ti appartiene. La guida mostra agli utenti Android come possono scaricare un’app che aiuterà gli utenti ad avvisare gli utenti di AirTag rogue.

La scorsa settimana la stampa britannica ha riferito che diverse donne erano state informate che gli AirTag le stavano seguendo a loro insaputa.

Una donna ha detto di aver trovato un AirTag attaccato all’interno della sua borsa. Eva Galperin, direttrice della Cyber-Security presso la Electronic Frontier Foundation, ha dichiarato alla stampa: “Se crei un oggetto utile per rintracciare oggetti rubati, allora hai anche creato uno strumento perfetto per lo stalking”. Apple aveva riferito di aver creato diverse salvaguardie per proteggere le persone, ma stava cercando modi per proteggere ulteriormente gli AirTag nel tempo.

Prodotti di tracciamento simili a AirTag, come Tile, non sono dotati di salvaguardie contro il tracciamento delle persone, anche se Tile ha dichiarato che stavano lavorando a un aggiornamento. Quando Apple ha lanciato AirTag nell’aprile 2021, ha chiarito che erano progettati “per tracciare gli oggetti, non le persone”.

La guida mostra inoltre agli utenti come utilizzare i prodotti Apple per proteggere la privacy e la sicurezza, tra cui:

  • Come rimuovere l’accesso di qualcuno ai dati sulla posizione, precedentemente condivisi con loro
  • Come far sapere automaticamente a un amico quando sei arrivato a casa in sicurezza
  • Come attivare un SOS di emergenza

Un portavoce di Apple ha dichiarato: “Prendiamo molto sul serio la sicurezza dei clienti e ci impegniamo per la privacy e la sicurezza di AirTag“.

Amber Norsworthy vive nel Mississippi con i suoi quattro figli. Erano appena passate le 15 quando è tornata a casa il 27 dicembre. Ha ricevuto una notifica sul suo telefono, “Il mio telefono ha fatto un suono che non avevo mai sentito prima”, dice. La notifica le diceva che un dispositivo sconosciuto aveva seguito i suoi movimenti.

La signora Norsworthy, che ha 32 anni, è passata all’app “Trova il mio” sul suo iPhone, mi ha mostrato il mio intero percorso. Diceva “l’ultima volta che il proprietario ha visto la tua posizione è stata alle 15:02, e io ho detto, è ora, sono a casa.”

Ha chiamato la polizia, che le ha detto che non sapeva cosa fare. Deve ancora trovare il dispositivo, che crede sia da qualche parte nella sua macchina. Dice che il supporto Apple è stato in grado di confermare che si trattava di un AirTag. “Ora osservo molto attentamente ciò che mi circonda”, dice.

Sei donne negli Stati Uniti affermano con sicurezza di essere state rintracciate utilizzando Apple AirTag. Anna Mahaney è della Georgia. È stata avvisata di un dispositivo sconosciuto dopo essere andata al centro commerciale. “Ero piuttosto sconvolta e sono andata a provare a disabilitarlo. Ogni volta che lo facevo, diceva che non poteva connettersi al server.” È andata in un Apple Store, dove le hanno suggerito di disattivare le impostazioni di posizione.

Quando è andata alla polizia locale, le hanno detto che c’era stato un altro rapporto simile nella sua zona. Crede che il dispositivo sia da qualche parte sulla sua macchina. Un’altra donna ha riferito di aver trovato un AirTag attaccato all’interno di una borsa. Altri non sono stati in grado di individuare i tag.

Tutti hanno domande sul fatto che Apple non stia facendo abbastanza per impedire ai loro prodotti di rintracciare le persone. Apple afferma che gli AirTag emetteranno un segnale acustico tra le 8 e le 24 ore dopo che un dispositivo viene rilevato in movimento con un telefono non registrato. Ma è facile registrare un AirTag e quindi disabilitarlo.

Anna Mahaney afferma che il supporto Apple le ha detto che questo potrebbe essere il motivo per cui non è stata in grado di trovare l’AirTag: “Sembra che quello che potrebbe essere successo nel mio caso è che la persona che possiede l’AirTag mi ha rintracciato fino a quando sono tornata a casa, e poi ha disattivato l’AirTag.”

Android potrebbe essere l’unica soluzione al problema per ora

airtag

Questa non è l’unica potenziale scappatoia nelle salvaguardie AirTag di Apple. L’app di Apple, progettata per consentire agli utenti Android di trovare un AirTag indesiderato, è stata scaricata da una non piccola percentuale di telefoni Android.

La stampa ha chiesto ad Apple cifre su quante volte l’app è stata scaricata su Google Play, l’app store predefinito di Android. Apple non l’ha detto, ma Google Play mette la cifra a circa 100.000 download. Per contestualizzare, ci sono circa 3 miliardi di dispositivi Android attivi in ​​tutto il mondo.

Apple afferma che se non si dispone di un iPhone, le persone verranno avvisate con un’altra protezione: un segnale acustico che viene riprodotto dopo il rilevamento di un AirTag indesiderato. Ma ci sono problemi anche con questo.

“Gli AirTag emettono un segnale acustico di 60 decibel ed è davvero facile da attutire.” dice Eva Galperin. “Potrei attutirlo semplicemente chiudendolo nel pugno. Potrei attutirlo mettendolo tra due cuscini del divano. È impossibile sentire mettendolo, diciamo, sotto il paraurti della tua auto”.

E il rumore inizierà a suonare solo dopo otto ore. I critici sostengono che a quel punto sarebbe troppo tardi. A Bloomingdale, nell’Illinois, una forza di polizia ha avvertito i residenti locali degli AirTag: “Abbiamo pensato che fosse importante informare le persone nella nostra comunità che questo è in qualche modo un problema”. afferma Frank Giammarese, direttore della pubblica sicurezza presso la polizia di Bloomingdale.

“La tecnologia è eccezionale, ma sfortunatamente… alcune persone ne hanno fatto un uso improprio.” C’è un argomento secondo cui Apple è stata presa di mira ingiustamente. È facile acquistare dispositivi di localizzazione su Internet.

La stampa britannica ha chiesto al suo principale concorrente, Tile, cosa stesse facendo per proteggere il pubblico dal tracciamento con i suoi dispositivi. Tile ha risposto che stava “sviluppando una soluzione” che identificherebbe un dispositivo sconosciuto vicino alle persone. Ma quella soluzione non è stata ancora rilasciata.

La contro-argomentazione è che gli AirTag sono molto bravi a essere localizzati da un iPhone registrato. La rete “Trova il mio” utilizza quasi un miliardo di dispositivi Apple in tutto il mondo, e la loro connettività Bluetooth, per creare un tracciamento accurato e a lungo raggio.

“Voglio che Apple richieda a questi dispositivi di chiedere il permesso prima che tu possa essere seguito”, afferma Anna Mahaney. “Con ‘Trova i miei amici, se mio marito vuole la convalida, devo accettarlo e darglielo. Non riesco a razionalizzare il motivo per cui uno sconosciuto può seguirmi e non devo dare il consenso”.

Amber Norsworthy ritiene che gli AirTag non dovrebbero essere venduti fino a quando Apple non riuscirà a capire come avvisare meglio le persone: “Dovrebbero smettere di venderli per un periodo di tempo finché non riusciranno a stabilire alcuni limiti di sicurezza”.

Eva Galperin ritiene che Apple debba creare protezioni migliori: “Voglio che lavorino con Google per fornire agli Android lo stesso livello di rilevamento automaticamente in background, come già hanno per gli iPhone”.

La stampa di settore ha rivolto queste critiche ad Apple, che ha affermato: “Prendiamo molto sul serio la sicurezza dei clienti e ci impegniamo per la privacy e la sicurezza di AirTag… Se gli utenti ritengono che la loro sicurezza sia a rischio, sono incoraggiati a contattare le forze dell’ordine locali, che possono collaborare con Apple per fornire tutte le informazioni disponibili sull’AirTag sconosciuto”.

I dispositivi delle dimensioni di un pulsante sono progettati per funzionare con la rete “Trova il mio” di Apple per individuare gli oggetti smarriti. Ma ci sono state diverse segnalazioni negli Stati Uniti sui dispositivi utilizzati per rintracciare le persone.

Apple ha dichiarato: “Prendiamo molto sul serio la sicurezza dei clienti e ci impegniamo per la privacy e la sicurezza di AirTag”. La società afferma inoltre che gli AirTag hanno funzionalità di sicurezza migliori rispetto ai prodotti concorrenti. Tuttavia, ci sono prove crescenti che vengono utilizzati per attività criminali negli Stati Uniti.

AirTag sembra fatto apposta per delinquere

Apple AirTagsApple ha lanciato AirTags lo scorso aprile. Sono piccoli, lisci e circolari e si sono ispirati ad altri prodotti di tracciamento sul mercato, come Tile. L’idea è che possono essere attaccati ai bagagli o alle chiavi, tutto ciò che potresti perdere. Puoi tracciare un articolo entro pochi metri. Ma nelle mani sbagliate, possono essere usati per uno scopo diverso.

“Ho parlato personalmente con diverse persone che hanno trovato AirTag in loro possesso”, dice. Apple era consapevole, molto prima del rilascio degli AirTag, che potevano essere utilizzati per attività criminali. Dopo averli rilasciati, Apple ha affermato che “gli AirTag sono progettati per tenere traccia degli oggetti, non delle persone”. Afferma ulteriormente Eva Galperin, Director of Cyber-Security presso la Electronic Frontier Foundation.

Hanno creato una serie di salvaguardie che, hanno affermato, avrebbero protetto le persone dall’essere rintracciati. Le persone con un iPhone verrebbero avvisate se un AirTag non registrato si sta muovendo con loro. E gli AirTag emetterebbero un segnale acustico se separati da un proprietario per un periodo di tempo.

A dicembre, la società ha anche rilasciato un’app che gli utenti Android possono scaricare. Tracker Detect consente agli utenti che non utilizzano il sistema operativo iOS di essere avvisati di un AirTag rogue.

Ma per diversi motivi, molte persone credono che queste garanzie non siano sufficienti.

Cosa ne pensi dell’uso scorretto della tecnologia? Facci sapere nei commenti!

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI