Consumo di alcol

Abuso di alcol in calo tra i giovani nel 2024

Il consumo di alcol tra i giovani è in calo: le nuove generazioni prediligono l'astinenza

Il consumo di alcol tra le generazioni più giovani è in calo da anni. E con molti pub e cocktail bar che ora si rivolgono ai sobri e ai “sobri curiosi”, è più facile che mai rinunciare. A partire dagli Stati Uniti alla fine degli anni ’90, e diffondendosi in molti altri paesi ricchi all’inizio degli anni 2000, i giovani hanno iniziato a bere meno delle generazioni precedenti, o a evitare del tutto di bere alcoolici.

Consumo di alcol

Abuso di alcol: sempre più giovani scelgono di rimanere sobri

A partire dagli Stati Uniti alla fine degli anni ’90, e diffondendosi in molti altri paesi ricchi all’inizio degli anni 2000, i giovani hanno iniziato a bere meno delle generazioni precedenti, o a evitare del tutto di bere alcolici.

La percentuale di giovani tra i 16 e i 24 anni che dichiarano di aver bevuto alcol nell’ultima settimana è scesa dal 67% nel 2002 al 37% nel 2021 . Il calo è stato ancora più marcato per gli adolescenti più giovani. In Inghilterra, la percentuale di quindicenni che hanno bevuto alcolici nell’ultima settimana è scesa dal 52% al 20% tra il 2001 e il 2021 , anche se in parte ciò potrebbe essere dovuto a cambiamenti nei metodi di indagine avvenuti in quel periodo.

Abbiamo studiato il declino del consumo di alcol tra i giovani in Inghilterra e Australia, utilizzando sia sondaggi che interviste con i giovani.

Quando presentiamo i nostri risultati ad altri ricercatori e al pubblico in generale, scopriamo che gli adulti sono spesso sorpresi nel sentire che i giovani oggi bevono meno. Nella nostra esperienza, le loro reazioni suggeriscono la fede in stereotipi obsoleti che vedono i giovani come irresponsabili e inetti.

A volte giungono anche a conclusioni errate sui motivi per cui i giovani bevono di meno, proiettando sui giovani le motivazioni degli adulti per l’astinenza.

Le ragioni del declino sono complesse, ma analizzando i dati dei sondaggi e intervistando i giovani in Inghilterra e Australia, possiamo fornire alcune risposte.

Il cambiamento riflette una tendenza generale nell’atteggiamento dei giovani nei confronti del rischio. Dal fumo al sesso, i giovani, compresi quelli nella prima adolescenza e nei primi vent’anni, sono generalmente più avversi al rischio rispetto alle generazioni precedenti .

Ciò si estende a dove scelgono o si sentono in grado di trascorrere del tempo. Alcuni giovani hanno un accesso meno indipendente agli spazi pubblici , come i parchi, rispetto alle generazioni passate a causa delle maggiori restrizioni sulla loro capacità di accedere a tali spazi. Ci sono anche prove che ritengono che la socializzazione in tali spazi con l’alcol sia pericolosa e moralmente sospetta .

Ricerche recenti mostrano che bere è diventato meno una routine e una cosa meno attesa per i giovani, mentre non bere è diventato socialmente più accettabile. Ciò potrebbe essere dovuto a maggiori sforzi da parte di governi e aziende come i supermercati per rendere l’alcol meno disponibile per i giovani.

Non può essere tuttavia l’unica spiegazione, poiché in alcuni paesi in cui si è verificato un calo del consumo di alcol tra i giovani, le politiche che regolano l’accesso dei giovani all’alcol non sono cambiate.

L’atteggiamento degli adolescenti nei confronti del bere è generalmente diventato più negativo, mentre il loro atteggiamento nei confronti del non bere è diventato positivo e di accettazione . I ricercatori sostengono che ciò deriva da una transizione più lunga e protratta verso l’età adulta, nonché dalle preoccupazioni dei giovani riguardo al futuro e da un forte senso di pressione per avere successo nella vita, anche a livello economico.

Abbiamo scoperto che la maggior parte dei giovani con cui abbiamo parlato non considera la pressione dei coetanei un fattore importante nella loro decisione di bere o meno, ad eccezione di un piccolo numero di studenti universitari che si sono risentiti per quanto la vita sociale universitaria sia incentrata sull’alcol.

Le persone con cui abbiamo parlato della nostra ricerca spesso presumono che se i giovani non bevono, devono fare qualcos’altro che è altrettanto (o anche più) dannoso, come fumare sigarette o cannabis.

In realtà è vero il contrario: il fumo e il consumo di cannabis sono diminuiti insieme all’alcol. Si sono riscontrati alcuni segnali di aumento del consumo di cannabis tra gli scolari prima della pandemia e del fumo tra i giovani adulti dopo la pandemia .

Ma entrambi questi fenomeni, come l’ aumento dello svapo tra adolescenti , si sono verificati anni dopo che il declino del consumo di alcol tra i giovani si era ormai consolidato. In altre parole, alcuni gruppi di giovani potrebbero fumare cannabis o tabacco e svapare di più, ma è improbabile che lo facciano invece di bere alcolici.

Alcol

E sebbene l’ascesa di Internet e dei social media sia avvenuta contemporaneamente al calo del consumo di alcol, ci sono poche prove che i giovani utilizzino la tecnologia al posto del bere. Al contrario, sono coloro che utilizzano di più Internet che tendono anche a bere di più.

È importante notare che il calo del consumo di alcol tra i giovani non è la stessa cosa del crescente “movimento per la sobrietà”. Quest’ultimo è stato dietro campagne temporanee di astinenza come Dry January, ed è stato aiutato da influencer dei social media , celebrità e comunità online che promuovono la sobrietà come uno stile di vita.

Coloro che parlano pubblicamente della loro decisione di diventare sobri, di solito descrivono come questa decisione sia stata presa dopo anni di abbuffate. Il movimento per la sobrietà riguarda gli adulti che rivalutano il loro rapporto con l’alcol. Ciò è molto diverso dal fatto che gli adolescenti decidano, attivamente o passivamente, di non iniziare a bere.

Sebbene almeno uno studio abbia identificato collegamenti tra la decisione dei giovani di non bere e la loro consapevolezza della salute , la tendenza generale non è quella di rinunciare all’alcol, ma in primo luogo di non sviluppare realmente l’abitudine al bere.

Un ulteriore rapporto mostra un forte calo del consumo di alcol tra i giovani di tutte le fasce d’età negli ultimi 15 anni. I giovani ora hanno meno probabilità di bere e, se bevono, iniziano a farlo più tardi, bevono meno spesso e consumano quantità minori.

Il rapporto, pubblicato dall’Alcol Research Group dell’Università di Sheffield, fa parte di un nuovo progetto finanziato dal Wellcome Trust per esaminare e spiegare il declino del consumo di alcol tra i giovani .

Ha analizzato i dati dei sondaggi su fumo, alcol e droghe tra i giovani in Inghilterra del 1988-2016 e dei sondaggi sulla salute per l’Inghilterra del 2001-2016. Entrambi sono sondaggi rappresentativi a livello nazionale sui giovani in Inghilterra e coprono intervistati di età compresa tra gli 8 e i 24 anni.

Il rapporto mostra che nel 2002, il 61% dei ragazzi tra gli 11 e i 15 anni aveva precedentemente consumato una bevanda alcolica completa, ma questa percentuale è scesa al 44% nel 2016. Per i ragazzi tra gli 8 e i 12 anni, questa percentuale è scesa dal 25% a solo il 4%.

La percentuale di giovani di 16-17 anni che hanno riferito di aver bevuto alcol negli ultimi 12 mesi è scesa dall’88% nel 2001 al 65% nel 2016, mentre nello stesso periodo la percentuale di bevitori di 16-24 anni è scesa da 90 per cento al 78 per cento.

Quei giovani che bevono iniziano a bere fino a un anno dopo. Tra il 2002 e il 2016, l’età media in cui i 16-17enni hanno dichiarato di aver bevuto la prima bevanda alcolica è aumentata da 13,7 a 14,8, mentre per gli 11-15enni è aumentata da 11,6 a 12,3.

La ricerca ha mostrato che ci sono stati anche forti cali nella frequenza e nella quantità di bevute dei giovani.

Consumo di alcol

Tra i bevitori, la percentuale dei giovani tra i 16 e i 24 anni che hanno bevuto nell’ultima settimana è scesa dal 76% al 60% tra il 2002 e il 2016, mentre per i giovani tra gli 11 e i 15 anni è scesa dal 35% al 19%.

La percentuale di giovani tra i 16 e i 17 anni che hanno superato la soglia di abbuffata nell’ultima settimana è scesa dal 30% nel 2002 al 6% nel 2016.

La dottoressa Melissa Oldham, autrice principale del rapporto dell’Alcol Research Group dell’Università di Sheffield, ha dichiarato: “Può darsi che l’aumento dell’uso di Internet e dei giochi online stiano cambiando il modo in cui i giovani trascorrono il loro tempo libero.

“Anche i fattori economici possono giocare un ruolo, poiché la preoccupazione per l’aumento delle tasse universitarie e del costo degli alloggi fa sì che i giovani sentano di avere meno reddito disponibile da spendere in alcol”.

Oltre al calo del consumo di alcol, è diminuito anche il consumo di fumo e di droghe illecite tra i giovani di età compresa tra gli 11 e i 15 anni.

La percentuale di persone che fumano è scesa dal 38% nel 2002 al 17% nel 2016 e la percentuale di persone che usano cannabis è scesa dal 17% nel 2002 all’11% nel 2016.

Il dottor John Holmes, che guida lo studio dell’Università di Sheffield sul declino del consumo di alcol tra i giovani , ha dichiarato: “Questi cambiamenti sono importanti per la salute pubblica oggi poiché i giovani subiscono lesioni, cattiva salute mentale e incidenti stradali quando sono intossicati.

“Se questa generazione beve meno anche in età adulta, potremmo vedere una grande riduzione in 20 o 30 anni delle malattie causate dall’alcol.”

Uno studio dell’Università del Queensland pubblicato su Addiction evidenzia un legame diretto tra l’esposizione dei giovani ai contenuti dei social media legati all’alcol e il problema del suo consumo.

Lo studio condotto dal Ph.D. il candidato Brandon (Hsu-Chen) Cheng del Centro nazionale australiano per la ricerca sull’uso di sostanze giovanili dell’UQ ha esaminato i risultati di 30 studi internazionali su oltre 19.000 persone di età pari o inferiore a 24 anni.

“Abbiamo studiato gli effetti dell’esposizione ai contenuti dei social media legati all’alcol e anche ai post correlati all’alcol sui loro profili sui social media”, ha detto Cheng.

“Il nostro studio ha mostrato che i giovani esposti a contenuti correlati all’alcol sui siti di social network consumavano più alcol e bevevano più frequentemente rispetto a quelli che non lo facevano.

“Abbiamo anche scoperto che l’esposizione era collegata a comportamenti problematici legati al consumo di alcol, come il binge drinking, che è dannoso per la salute fisica e mentale.

“I siti di social networking non promuovono solo il consumo di alcol , ma incoraggiano anche i giovani ad assumere comportamenti pericolosi nel bere”.

Il professor Jason Connor, direttore del Centro nazionale per la ricerca sull’uso di sostanze giovanili, ha affermato che il consumo di alcol è uno dei principali fattori di rischio di lesioni involontarie, autolesionismo , violenza sessuale, overdose di alcol e morte tra i giovani.

“Ci sono prove schiaccianti a favore di una regolamentazione più restrittiva sui media legati all’alcol sui siti di social network”, ha affermato il professor Connor.

“La maggior parte dei siti di social media si autoregolamentano, ma ciò si è rivelato inefficace e può rendere difficile l’applicazione delle restrizioni.

“Ad esempio, l’età minima richiesta per utilizzare le piattaforme di social media è raramente confermata dai siti o può variare.

“Le misure preventive, come l’inasprimento delle normative e l’educazione dei giovani e dei loro genitori, possono aiutare a scoraggiare gli adolescenti minorenni e i giovani adulti dall’intraprendere comportamenti di consumo di alcol ad alto rischio.

“Ciò ridurrà in definitiva il considerevole carico di malattie derivanti dal consumo di alcol in Australia in uno dei nostri gruppi di popolazione più vulnerabili”.

Secondo uno studio pubblicato online sul Journal of Adolescent Health, i comportamenti di consumo dei genitori, in particolare il consumo frequente e il binge drinking, sono associati a maggiori probabilità di bere tra gli adolescenti.

Alcol

Michele K. Bohm, MPH, e Marissa B. Esser, Ph.D., dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie di Atlanta, hanno stimato la prevalenza del consumo di alcol tra gli adolescenti utilizzando le risposte di 740 diadi genitore-figlio del 2020 SummerStyles e YouthStyles sondaggi. Inoltre, è stata esaminata l’associazione tra i comportamenti di consumo di alcol dei genitori e il consumo di alcol tra i loro figli.

I ricercatori hanno scoperto che il 6,6% degli adolescenti beveva alcol; non sono state osservate differenze significative nella prevalenza in base alle caratteristiche sociodemografiche.

Rispetto agli adolescenti i cui genitori non bevevano o non bevevano in modo eccessivo, gli adolescenti i cui genitori bevevano frequentemente (almeno cinque giorni al mese) o bevevano in modo eccessivo avevano probabilità significativamente più elevate di bere (odds ratio aggiustati, rispettivamente 4,1 e 3,7).

“I risultati di questo studio nazionale suggeriscono che se i genitori bevessero meno spesso ed evitassero di abbuffarsi , ciò potrebbe ridurre la probabilità che i minorenni bevano e i danni associati all’alcol”, scrivono gli autori. “Gli interventi a livello di popolazione basati sull’evidenza possono prevenire sia il consumo eccessivo di alcol tra gli adulti che il consumo di alcol tra i minorenni”.

Cosa ne pensi di questo studio? Vorresti avere più informazioni al riguardo? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI